Suggerimenti

Liriomyza: tutto quello che c’è da sapere su questi minatori di pomodori

Molto bene a tutti. Qualche giorno fa ho pubblicato un articolo sulla Tuta Absolute.  Un parassita molto vorace che colpisce  pomodori e altre belladonna causando danni molto gravi. Nell’articolo di oggi parleremo di Liriomyza e dei suoi metodi di controllo.

Liriomyza Trifolii: che cos’è?

Questa mosca adulta ha testa, zampe e superficie ventrale gialle, con torace e addome grigio-neri. Le ali del Liriomyza sono di colore trasparente alla luce e di solito hanno una dimensione inferiore a 2 millimetri. Le uova sono inizialmente chiare virano poi ad un bianco latte, di forma ovale e di piccole dimensioni. Le larve hanno inizialmente un colore trasparente, virando al giallo-verde negli ultimi stadi di sviluppo.

La verità è che le macchie che lasciano sono simili alla Tuta puro. Entrambe le specie sono minatori fogliari, le cui larve fitofagi si nutrono del mesofillo creando queste particolarissime gallerie. Ma la Tuta è un lepidottero (falena) e Liriomyza un dittero (mosca) , oltre a priori, la Tuta è più dannosa.

La famiglia degli Agromyzidae è composta da circa 2.500 specie. All’interno dell’ordine Liriomyza ci sono 4 importanti famiglie: Bryoniae, trifolii, strigata e huidobrensis. Si differenziano tra loro solo per il tipo di galleria che scavano nel telo. Ci concentreremo sulla famiglia dei Trifolli poiché è la più frequentemente colpita dalle Solanacee.

Come rilevare Liriomyza?

Questa mosca depone le sue uova sulla superficie inferiore della foglia , inserendole appena sotto l’epidermide con il suo apparato ovopositore. Una volta che le uova si schiudono, le larve si nutrono del mesofillo della foglia, creando gallerie dalle forme irregolari.

Quindi, possiamo rilevare la presenza di questa mosca se vediamo punti sul retro delle foglie o queste gallerie caratteristiche (di solito sono visibili 3 giorni dopo l’ovideposizione). Come nel caso della tuta, si possono posizionare anche trappole adesive o a feromoni per rilevare la presenza di questo parassita.

Mosca minatrice di pomodori: quali danni provoca?

Il danno prodotto da questa mosca è praticamente minimo rispetto alla Tuta , poiché le larve di solito non si nutrono dei frutti, quindi gli attacchi si concentrano sulle foglie .

A causa dell’alimentazione del mesofillo, le foglie colpite perdono il potere fotosintetico che può causare la caduta di alcune foglie. Queste foglie morsicate sono suscettibili di essere colpite da altre malattie batteriche o fungine quando presentano ferite aperte.

Nonostante queste perdite nella crescita delle piante, colture come i pomodori sono abbastanza resistenti e possono sopportare questi danni in misura maggiore o minore.

Combatti la mosca Liriomyza

Pratiche culturali contro Liriomyza

Le misure che ho osservato sono praticamente identiche a quelle che ho citato per combattere la Tuta, sono quelle generiche per qualsiasi minatore. Ora è chiaro che la Liriomyza essendo un parassita “meno aggressivo” , non sarebbe necessario prendere tante precauzioni, a meno che non si vivesse in una zona dove di solito si manifesta. Penso che bastino le buone pratiche colturali (eliminazione delle erbe infestanti, rotazione delle colture, riutilizzo dei resti di potatura, ecc…) per prevenirne la comparsa.

Ora se hai la sfortuna che puoi togliere le foglie colpite sia da gallerie che da morsi e aspettare un po’ per fare una nuova piantagione della stessa specie che è stata colpita.

Controllo biologico contro Liriomyza

Questa mosca ha la “sfortuna” di essere parassitata da altre specie, cosa che solitamente la tiene a bada. Le vespe delle famiglie Braconidae, Eulophidae e Pteromalidae sono le più comuni e conosciute all’interno del controllo naturale. Gli insetti e le malattie predatori tendono a colpire meno questa specie, sebbene gli adulti siano suscettibili alla predazione da parte di un’ampia varietà di specie, in particolare le più note formiche. Per tutto questo è più consigliabile coltivare piante aromatiche e fiori che possano attirare queste vespe piuttosto che trattare la coltura con prodotti fitosanitari o altri trattamenti aggressivi.

Le trappole cromatiche sono anche efficaci. Come ho già detto, le mosche sono attratte da una lastra colorata e quando entrano in contatto con essa rimangono bloccate. Possono essere realizzati in casa con gomma eva e colla per topi.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *