Suggerimenti

Come coltivare le melanzane in giardino passo dopo passo: guida completa

Ciao a tutti gli Agrohuerter! Con l’articolo di oggi, torneremo sui temi legati alle colture , vedremo come coltivare le melanzane , visto che si avvicina il momento di seminare ! La melanzana , frutto delle regioni tropicali e subtropicali dell’Asia. Intorno al 1200 era già coltivato in Egitto, da dove fu introdotto nel Medioevo nella penisola iberica e in Turchia, per poi diffondersi in tutto il Mediterraneo e nel resto d’Europa. Era il XVII secolo quando fu introdotto nella dieta , dopo essere stato utilizzato in medicina per combattere le infiammazioni e le ustioni della pelle.

Proprietà e benefici delle melanzane

Come puoi vedere, le melanzane hanno molte proprietà . Ad esempio,  contiene minerali come calcio, potassio, fosforo, magnesio e ferro, quindi è utile per prevenire l’anemia .

È anche lassativo e diuretico, e grazie al suo effetto calmante, puoi usare le foglie come rimedio per l’herpes e le ustioni. Ma soprattutto spicca il suo valore antiossidante: hanno attività antitumorale, ritardano la comparsa delle rughe, e inoltre i polifenoli nella pelle riducono i livelli di LDL (il colesterolo “cattivo”) e contribuiscono alla regolazione dei livelli di glucosio .

Inoltre, sono deliziosi ripieni di carne o in pastella, i cosiddetti “filetti dell’orto”. Cosa aspetti a seminarli?

Come coltivare le melanzane passo dopo passo

Ti spieghiamo tutto quello che devi sapere per coltivare le melanzane in giardino:

Varietà di melanzane

La melanzana appartiene alla famiglia delle Solanacee , famiglia molto comune tra i frutti del frutteto, poiché al suo interno troviamo anche altre colture importanti come il pomodoro , la patata o il peperone .

Il suo nome scientifico è Solanum melongena L., e in Spagna sono comuni  due varietà: nera e viola striata.  Quello a strisce tende a piacerti di più perché è meno amaro, ma come sempre è una tua scelta. C’è anche una varietà speciale di melanzane per i sottaceti.

Clima, luce e terreno necessari per le melanzane

Come la maggior parte delle belladonna, la melanzana è una coltura dal clima caldo, motivo per cui è considerata una delle più esigenti in termini di temperatura (più di pomodori e peperoni). Sopporta bene le alte temperature , purché l’umidità sia adeguata, arrivando fino a 40-45ºC.

La temperatura media deve essere compresa tra 23-25ºC, e non tollera temperature inferiori a 0ºC , motivo per cui è una coltura primaverile- estiva. 

Per quanto riguarda la luce, è una pianta molto esigente in termini di luminosità, richiede dalle 10 alle 12 ore di luce , quindi nelle giornate brevi è necessario sfruttare al meglio le ore di luce per evitare problemi di deformazione e scarso sviluppo dei frutti.

Non è molto esigente sul terreno, grazie al suo apparato radicale potente e profondo. Tuttavia, nei terreni argillosi possono verificarsi problemi di soffocamento delle radici, che mostrano rapidamente i sintomi. In terreni acidi presenta problemi di crescita e produzione.

Come seminare e piantare melanzane

Se hai il seme , puoi iniziare a seminare a gennaio fino ad aprile , ma fallo in semenzaio , soprattutto se fa freddo, in modo che il seme germini correttamente.

I semi impiegano circa 10 giorni per germogliare . Una volta che si sono sviluppati di più, viene fatto un becco , cioè vengono trasferiti in vasi leggermente più grandi, 1,5-3 l di volume, in modo che la piantina si rafforzi, e infine in aprile-maggio viene trapiantata nel posto finale , con una distanza tra i filari di 70 cm-1 metro e circa 40-50 cm da pianta a pianta. 

Come pelare le melanzane

Il tutoraggio andrà bene dal primo momento . Metti una canna di circa 60 cm pianta per pianta, e fissala con una fascetta, senza stringere troppo. Puoi anche mettere una fila di canne, ad un massimo di 1,5 metri l’una dall’altra, e portare una corda elastica in PVC, perché se così non fosse, alla fine dello sviluppo è facile che la pianta cada con il peso .

Come innaffiare le melanzane

Le innaffiature devono essere abbondanti e regolari. Si consiglia di annaffiare per circa 5 o 10 minuti di notte , ma sai già che dipende dal periodo dell’anno e dalle temperature.

Tappo di melanzane

Si effettua 15-20 giorni dopo il trapianto quando si intende apportare un apporto di sostanza organica (letame, lombrichi , ecc.) , ricoprendo la parte inferiore della pianta con sabbia per proteggerla dal contatto con la materia organica .

L’abbattimento favorisce la formazione delle radici precoci e l’insediamento delle piante, al fine di aumentare l’aerazione del terreno, di cui la coltura beneficia enormemente.

Potatura di formazione

Si effettua per definire il numero di fusti con cui si svilupperà la pianta (di solito 2, 3 o 4). È necessario ottenere una maggiore precocità e una migliore qualità, migliorando le condizioni di aerazione e luce della pianta.

Dopo l’abbattimento, vengono rimossi i polloni (nuovi rami secondari che competono per i nutrienti dai rami con fiori o frutti) e le foglie che si sviluppano al di sotto della “croce”. 

senza foglie

Si effettua su piante adulte che non sono state sottoposte a potatura di formazione , in quanto si consiglia di sciacquare la pianta per favorire l’areazione, poiché le foglie sono molto frondose, asportando alcune foglie dall’interno e quelle dalla parte inferiore, oltre come quelli secchi. o malati. Dovrebbe essere fatto in condizioni di bassa umidità e con piante secche.

Diradamento di fiori e frutti

Nel bouquet floreale solo uno dei 3-4 fiori produrrà il frutto principale, quindi è consigliabile eliminare il resto, per evitare che i nutrienti vengano portati via. Si consiglia di diradare i frutti malformati o danneggiati da parassiti o malattie.

Associazione della melanzana con altre colture

È compatibile con zucchine , zucca,  aglio, sedano, cipolla, cavolo cappuccio , indivia, spinaci , fagioli, lattuga, patate, porri, ravanelli e  carote.

Raccolto di melanzane

È una coltura a ciclo medio-lungo, quindi la raccolta inizia 70-90 giorni dopo il trapianto . Si raccolgono solitamente da giugno a novembre,   e bisogna cercare di raccoglierli quando sono medi, meglio che grandi: più sono maturi, meno sapore . È meglio sceglierli quando sono più duri al tatto e con un colore più brillante.

Tutto questo riguarda la coltivazione della melanzana , spero che tu sia incoraggiato a coltivarla e condividerla con l’intera comunità di Ilgiardinocommestibile. Presto pubblicheremo un articolo sui parassiti e le malattie della melanzana, in modo che tu abbia già tutte le istruzioni complete e tu possa ottenere un buon raccolto di questo ricco ortaggio.

Al prossimo Agrohuerter!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *