Suggerimenti

Sovescio: funzioni e caratteristiche.

1. INTRODUZIONE

Quando si parla di «fertilizzante verde» si fa riferimento all’utilizzo di colture a crescita rapida, che vengono tagliate e interrate nello stesso luogo in cui sono state seminate e che sono appositamente studiate per migliorare le proprietà fisiche del suolo, per arricchirlo di un “Humus giovane” di rapida evoluzione in aggiunta ad altri nutrienti minerali e sostanze fisiologicamente attive, nonché per attivare la popolazione microbica del suolo.

In termini generali, gli effetti favorevoli del sovescio non si esauriscono nell’aspetto nutrizionale sull’ortaggio, ma raggiungono tutte le componenti legate alla fertilità globale del suolo agricolo poiché:

  • Stimolano immediatamente l’ attività biologica e migliorano la struttura del suolo, per l’azione meccanica delle radici, per gli essudati radicali, per la formazione di sostanze pre-umiche in decomposizione e per l’azione diretta delle cellule microbiche e dei miceli fungini.

  • Proteggono il suolo dall’erosione e dall’essiccamento durante lo sviluppo vegetativo e migliorano la circolazione dell’acqua in esso.

  • Assicurano il rinnovamento dell’humus stabile, accelerandone la mineralizzazione fornendo un humus “più giovane” e più attivo.

  • Arricchiscono il terreno di azoto, nel caso dei legumi, e prevengono notevolmente la lisciviazione di esso e di altri elementi fertilizzanti.

  • Nella sua decomposizione vengono rilasciate o sintetizzate sostanze organiche fisiologicamente attive, che hanno un’azione favorevole sulla crescita delle piante e sulla loro resistenza al parassitismo.

  • Nei sistemi cerealicoli , assicurano una migliore decomposizione della paglia di cereali, mantenendo l’ambiente più umido, bilanciando il rapporto C/N e attivando i microrganismi che ne sono responsabili.

  • Limitano lo sviluppo delle infestanti, direttamente per effetto della copertura vegetale stessa e indirettamente perché alcuni sovesci hanno potere diserbo, come il grano saraceno ( Fagopyrum esculentum ), o la facelia ( hacelia tanacetifolia ).

2. SPECIE UTILIZZATE COME FERTILIZZANTI VERDI

Sebbene un numero considerevole di specie vegetali possa essere utilizzato come sovescio, le tre famiglie di piante più utilizzate a questo scopo sono le leguminose, le crocifere e le graminacee.

I legumi sono i più utilizzati data la loro capacità di fissare l’azoto atmosferico, a favore delle colture successive. Ci sono autori che affermano che i legumi migliorano anche il terreno con la penetrazione delle loro radici e che rompono anche i terreni più duri (le radici dei legumi sono lunghe più di 1 m).

Le specie di trifoglio bianco nano ( Trifolium repens ), trifoglio violetto ( T. pratense ), veccia pelosa ( Vicia villosa ), fave ( Vicia faba ), lupini ( Lupinus sp. ), meliloto ( Melilotus officinalis ), serradella sono principalmente usato ( Ornithopus sativus ), ecc.; oltre ad altri legumi tradizionali di interesse per il sud-est spagnolo come yeros ( Vicia ervilia ), carruba ( Vicia monanthos ) e almorta ( Lathyrus satirum). Frequente è la coltivazione di legumi misti a cereali o altre graminacee: Veza + orzo; veccia + avena; trifogli + raygrass; pisello da foraggio + veccia, ecc. In Cile è stato sperimentato l’uso del pisello ( Pisum sativum L. ) e della veccia ( Vicia atropurpurea ) come sovescio.

Le erbe seminate con le leguminose migliorano notevolmente il terreno e formano humus stabile. Le radici dell’erba migliorano il terreno ammorbidendolo in superficie. In particolare la segale ( Secale cereale ) è indicata per la semina autunnale associata a carrube o fave. L’avena ( Avena sativa ) è indicata per la semina primaverile, associata a carruba e pisello.

Le crocifere si sviluppano molto rapidamente, fornendo un buon sovescio quando c’è poco tempo tra le colture. Sono in grado di utilizzare le riserve minerali meglio della maggior parte delle piante grazie alla lunghezza del loro apparato radicale, accumulando nelle parti aeree quantità significative di elementi che verranno poi restituiti al suolo. Le specie più comunemente utilizzate sono la rapa da foraggio ( Brassica napus var. Oleifera ), la senape bianca ( Sinapis alba ), il ravanello da foraggio ( Raphanus raphanistrum ), ecc. È stato anche suggerito che le piante di questa famiglia, con l’azione delle loro radici, rendano il fosforo presente nel terreno allo stato insolubile assimilabile da altre piante.

3. CARATTERISTICHE ATTENTI IN UN FERTILIZZANTE VERDE

Un sovescio ideale ha tre caratteristiche importanti:

  • Rapida crescita,

  • Fogliame abbondante e succulento,

  • Capacità di crescere bene in terreni poveri.

Più veloce è la crescita, maggiore è la capacità di essere introdotto in una rotazione e un uso economico come mezzo di miglioramento del suolo. Fogliame rigoglioso e radici potenti sono certamente necessarie e, come accennato in precedenza, maggiore è il contenuto di umidità del sovescio, più rapida è la decomposizione e prima si realizzano i benefici. Poiché la necessità di materia organica è urgente, specialmente in terreni poveri, un raccolto succoso avrà grandi vantaggi.

Quando altre condizioni sono le stesse, è meglio utilizzare i legumi nel sovescio, preferibilmente non legumi, a causa dell’azoto acquisito dal terreno e dell’attività organica che provocano. Una piccola aggiunta di azoto è talvolta di straordinaria importanza.

Tuttavia, a volte è difficile ottenere una consociazione di legumi, poiché possono essere così preziosi come mangime per il bestiame che sarebbe antieconomico utilizzarli come sovescio. Inoltre i semi dei legumi sono costosi, il loro uso quasi proibitivo per il sovescio. D’altra parte, alcuni legumi non si inseriscono nelle comuni rotazioni in modo da poter essere successivamente opportunamente interrati come sovescio.

4. CONSIDERAZIONI PRATICHE

Ogni sovescio, sia esso come coltura principale o come coltura associata, ha caratteristiche specifiche definite dalla sua massa vegetativa, la sua velocità di crescita, la quantità di residui che apporta, l’incompatibilità con la coltura precedente o successiva nella rotazione, la diverse esigenze nutrizionali, di pH e tessiturali, la sua rusticità, la sua capacità diserbo, ecc.; Tutto questo dovrà essere tenuto presente quando si sceglie un concime verde.

Sebbene la coltivazione di piante da sovescio non presenti grandi differenze con essa per il suo utilizzo a granella, bisogna tenere conto di alcuni aspetti quali: utilizzare una densità di semina più elevata – dal 20 al 50% in più per il sovescio -; incorporarlo nel terreno in avanzato stato di vegetazione, preferibilmente in fioritura o appena all’inizio di esso; Incorporarlo superficialmente dopo alcuni giorni di falciatura –3 o 4 a seconda del tempo e del residuo–, essendo preferibile utilizzare una mietitrice di resti di raccolto o, in mancanza, l’aratro a disco che sminuzza la vegetazione e allo stesso tempo produce un piccolo rotazione della terra, in seguito i resti più decomposti vengono mischiati nel terreno con un coltivatore tra 10 e 15 cm.

A volte è conveniente aggiungere al concime verde i fertilizzanti destinati alla coltura successiva o, se deve essere concimato, dare il contributo, nello stesso momento in cui si andrà ad incorporare il concime verde, una volta essiccato e sminuzzato.

Le possibilità di coltivare un fertilizzante verde –oltre ai panorami– sono molto numerose, il che amplia le tecniche di gestione e l’utilità di questa pratica molto interessante, alcune di esse si riferiscono a:

  • La consociazione detta anche “ sovraccarico ”, prevede la messa a dimora di una varietà o miscuglio di varietà -generalmente trifogli e altre specie di sottotaglia tra le righe e cereali coltivati.

    I vantaggi di questa azione si concentrano sulla protezione del suolo e il controllo delle erbe infestanti ed infine, al momento della raccolta del cereale, sulla concimazione del terreno una volta che il sovescio è stato frantumato, insieme alle stoppie e mescolato al terreno.
    È necessario che il concime verde germogli velocemente, che presenti un grande sviluppo radicale, che sia di taglia bassa –non superi i 30 cm di altezza–, che non formi troppa massa verde e che si sviluppi normalmente in un miscuglio con altre varietà. La sovrasemina ha avuto molto successo nella coltivazione del mais, seminandola quando il mais ha quattro foglie e lo sviluppo massimo di 1 m di altezza.

  • Il raccolto a breve termine . Semina del sovescio in tempi brevi, tra colture che hanno rilasciato precocemente il terreno. C’è la difficoltà aggiuntiva che devi mantenere una grande sincronizzazione nella rotazione delle colture e che devi scegliere varietà a crescita rapida, di solito crocifere.

  • La cultura a lungo termine . In questa pratica il sovescio fa parte della rotazione come coltura in più, oppure viene utilizzato in consociazione con colture come alberi da frutto o vigneti. Se, nel caso della concimazione verde come coltura della rotazione, si utilizzano generalmente le leguminose o un miscuglio di leguminosa + crocifere, per le consociazioni in colture a lungo termine in genere si seminano “miscele” di piante diverse, tenendo presente le condizioni edafiche e climatiche che sono state sopra elencate e prendendo come esempio per la selezione, le miscele che si verificano naturalmente tra la vegetazione selvatica che si trova nell’ambiente del terreno.

Sebbene gli aspetti positivi dell’utilizzo del sovescio siano numerosi, tuttavia il suo utilizzo implica un certo rischio nel caso in cui vi sia competizione per acqua, luce o cibo con la coltura principale ed anche quando vi siano ripetute invasioni di erbe infestanti.

5. BIBLIOGRAFIA

    • CERISOLA, C. 1989. Lezioni di Agricoltura Biologica. Edizioni Mundi-Prensa.

    • LABRADOR M., J. 1996. Materia organica negli agrosistemi. Ministero dell’agricoltura, della pesca e dell’alimentazione della Spagna – Ediciones Mundi-Prensa.

    • VALDIVIESO, C., A. Espinoza. 1995. Utilizzo di veccia e pisello come sovescio nella produzione di mais, fagioli e zucca. CET-Cile, Agroecologia e sviluppo.

    • ÁGUILA, H. 1987. Agricoltura generale e speciale. Editoriale Universitaria, Santiago, Cile.

      .

      abcagro

      .

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *