Suggerimenti

Come creare la tua banca di semi biologici

Una delle cose importanti che possiamo fare è creare una particolare banca di semi ecologica.

Possiamo avviarlo salvando i semi dei prodotti biologici che mangiamo (se ancora non mangi, clicca qui per trovare produttori biologici o trova associazioni di consumatori a cui unirti).

Perché una banca dei semi? Per molteplici ragioni. Il principale:

(1) perché la biodiversità alimentare sta diminuendo; Secondo le Nazioni Unite, nel corso del 20° secolo, il 90% delle varietà agricole non viene più utilizzato e il 75% del cibo mondiale è nelle mani di 4 aziende, il che in termini numerici significa che 3 semi su 4 appartengono a Monsanto, DuPont, Syngenta e Groupe Limagrain. Inoltre, la maggior parte, se non tutti, i semi che vendono sono geneticamente modificati, poiché questo è il loro lavoro, nel brevettare la natura geneticamente modificata, poiché se non è MGO non può essere brevettato e non c’è molto business. Oltre al business, c’è anche il controllo della popolazione attraverso il controllo del cibo. Se abbiamo di nuovo i semi, abbiamo di nuovo il controllo e la sovranità su un bisogno fondamentale, il cibo.

(2) visto l’interesse a ridurre la popolazione mondiale perché per l’élite siamo troppi su un pianeta con risorse limitate, la crisi economica in cui ci troviamo può portare a una crisi alimentare. Pertanto, avere semi nel prossimo futuro può essere come avere oro, sia per scambiare che per poter coltivare il proprio cibo. Va aggiunto che l’élite si è intelligentemente occupata di privarci di ogni conoscenza relativa all’agricoltura, ai ritmi della natura, a come coltivare un pomodoro, una lattuga o una patata. In questo modo siamo totalmente dipendenti dal sistema. Se il cibo non viene portato vicino a supermercati o ristoranti, non mangiamo.

(3) e in terzo luogo, per l’importanza di conoscere di nuovo la natura. Entra in contatto con i semi, la terra, i cicli naturali e di crescita, con insetti e animali. Questa società urbana e tecnocratica ci ha disconnesso dalla Natura, sembra che sia là fuori, quando noi siamo e ne facciamo parte. È un modo per disconnetterci dalla nostra fonte interiore e dal nostro potenziale.

Creare la propria banca dei semi

Quando si considera la creazione di una propria banca del seme, è necessario prendere in considerazione diversi aspetti:

Tipo di cibo

Il tipo di alimento da cui estraiamo i semi ( preferibilmente cibo biologico e locale ).

Criteri di selezione

Possiamo seguire diversi criteri per selezionare quali verdure e frutta scegliamo, oltre ai criteri ecologici. Quelli che hanno un buon sapore e un buon odore, quelli che hanno un bell’aspetto (non deformati), quelli più grandi (hanno il maggior numero di sostanze nutritive), tra gli altri. Il concetto è quello di salvare i semi migliori, i frutti migliori. In questo modo, ci assicuriamo che quando piantiamo e germiniamo, avremo anche maggiori possibilità di avere i frutti migliori.

Comunque, poiché in generale non possiamo sapere come è cresciuto, se è cresciuto velocemente, forte, se ha resistito ai parassiti, ecc., non possiamo usare questi criteri. Ma potremmo anche includere: la resistenza agli agenti atmosferici, ai parassiti, al ciclo e alla velocità di crescita, ecc. Nel caso di avere accesso ai fiori di alcune verdure come cipolle, lattughe, ecc., prendi i semi dei fiori che sbocciano più tardi.

È anche importante avere la massima varietà possibile, coprendo sia la verdura che la frutta. Un’altra opzione che abbiamo è comprare semi di cibo che non troviamo nella nostra zona o scambiare i semi che abbiamo con altri.

Procedura da seguire

Un modo per estrarre i semi è aprire il frutto ed estrarlo manualmente o con una posata, quindi lavare quei semi e lasciarli asciugare su carta da cucina, ad esempio, poiché assorbe tutta l’umidità che possono avere i semi.

È molto importante che i semi non siano bagnati, altrimenti potrebbero marcire o addirittura germinare. Se possibile, lascia i semi su carta, in un luogo dove scorre l’aria e che non dia loro il sole. Per sapere se i semi sono secchi, per procedere a salvarli, possiamo prenderne uno e provare a romperlo piegandolo . Se si rompe, è pronto per essere riposto. Inoltre, se mordono, “petan”, segno che sono secchi.

Come salvarli

Una volta che abbiamo i semi secchi, devono essere conservati in un luogo asciutto, fresco o freddo e senza luce solare.

In virtù dell’essere, in un luogo a temperatura stabile. Quindi abbiamo diverse opzioni a seconda delle possibilità di spazio e del luogo in cui le conserveremo. Ad esempio in sacchetti di carta o buste sigillate, anche in tessuto. Carta e tessuto sono porosi e non trattengono l’umidità. Un’opzione è quella di tenere la busta sigillata in un sacchetto di plastica chiusa solo da una graffetta, così l’aria entra ed esce, e mi assicuro che nessun seme venga perso se esce dalla busta. Un’altra opzione è nei barattoli di vetro sottovuoto (ermetici), ma per questo devi avere più spazio per conservarli e usare un metodo sicuro in modo che si chiudano bene.

Gesso di ardesia e cenere possono essere usati per mantenere asciutti i semi.

Etichettatura e referenze

Ad ogni barattolo o sacchetto di carta è importante annotare i riferimenti , personalmente metto come esempio quanto segue:

  • (1) Cibo: anguria;
  • (2) Classe: ecologica o no;
  • (3) Data di confezionamento;
  • (4) Quantità di semi ca;
  • (5) Osservazioni: possiamo scrivere quello che vogliamo, per esempio, se il frutto era buono, molto buono, la sua origine, ecc.

.

Durata media della normale capacità germinativa dei semi conservati in buone condizioni:

Quando vogliamo utilizzare il seme dopo un lungo periodo di conservazione possiamo fare un test di germinazione per accertarne la vitalità. Si tratta di mettere dei semi in più strati di carta umida, ad una temperatura di 20-25º (all’interno della casa) e osservarne la germinazione dopo una o due settimane. La vitalità del seme è la capacità di germinare e dare origine a una nuova pianta. I semi possono rimanere vitali per un numero di anni molto variabile, da uno a 10 o più anni. Un lotto di semi non perde improvvisamente la sua vitalità. La proporzione di semi in grado di germinare diminuisce progressivamente nel corso degli anni. Questa diminuzione della vitalità dipende fortemente dalle condizioni di conservazione e, quindi, è difficile dire per quanti anni si può conservare il seme di una data specie. Nonostante ciò, nella tabella seguente diamo un orientamento del tempo medio di conservazione delle diverse specie:

  • 1 anno: cipolla
  • 2 anni: Mais
  • 3 anni: Pisello, Lattuga, Fagiolo, Pepe, Carota, Pomodoro, Indivia
  • 4 anni: Bietola, Cavoli, Spinaci, Fave, Rape, Ravanelli, Broccoli, Cavolini Di Bruxelles, Cavolfiori, Barbabietole, Navo, Abas
  • 5 anni: Sedano, Melanzana, Zucca, Melone, Cetriolo, Cardo, Zucchina, Anguria

Per informazioni più dettagliate, assicurati di vedere il documento: ” I semi, manuale di istruzioni ” o questo altro manuale completo su ” Come ottenere i tuoi semi

.
Ciò che possiamo fare

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *