Suggerimenti

Qual è la funzione di un’elettrovalvola di irrigazione?

L’automazione dell’irrigazione è uno dei grandi progressi dell’agricoltura, che offre una grande liberazione all’agricoltore che non dipende più dalla sua presenza fisica per fornire acqua a qualsiasi raccolto.

All’interno di tutte le parti dell’impianto di irrigazione, l’elettrovalvola svolge un ruolo molto importante, poiché permette di controllare il flusso dell’acqua attraverso una tubazione, in modo tale da aprire le possibilità di poter settorizzare e differenziare i dosi di irrigazione in diverse piantagioni.

In questo articolo vogliamo farvi sapere quali sono le caratteristiche principali di un’elettrovalvola per irrigazione, le diverse tipologie e alcuni problemi che possono sorgere quando vengono utilizzate in un impianto di irrigazione automatizzato.

Che cos’è un’elettrovalvola di irrigazione?

Per sbarazzarsi dei dubbi in primo luogo, commentiamo che un’elettrovalvola di irrigazione è un comune apparecchio per la fertirrigazione, che controlla il flusso dell’acqua in base alla programmazione che abbiamo fatto.

Sostanzialmente si tratta di una valvola comandata elettronicamente tramite un programmatore per poter definire l’ora di irrigazione, l’ora di inizio ed il settore a cui si vuole erogare l’acqua.

Insomma, è una specie di moderno rubinetto che non ha bisogno di essere azionato manualmente, guadagnando in automazione e disattenzione.

All’interno delle elettrovalvole ne troviamo di diverse tipologie a seconda del modo in cui aprono e chiudono il flusso dell’acqua. Ad esempio, i parchi e i giardini cittadini spesso incorporano valvole di questo tipo, altrimenti sarebbe impossibile controllare manualmente così tante superfici verdi.

In questo caso, di solito vengono installate, per semplicità e affidabilità, un’elettrovalvola di irrigazione del tipo a membrana.

D’altra parte, non lasciarti confondere dai nomi. Sono conosciute come elettrovalvole ma anche come elettrovalvole. Sono esattamente gli stessi, perché una parte fondamentale di questo dispositivo è il solenoide, che spiegheremo più avanti.

Componenti dell’elettrovalvola

Per semplificare, un’elettrovalvola di irrigazione sarebbe composta da due elementi principali:

Valvola

La parte che impedisce il passaggio dell’acqua. Funziona meccanicamente e si adatta perfettamente alla superficie del tubo per interrompere il flusso d’acqua.

Solenoide

Il solenoide è la parte più importante, poiché è quella che attiva il funzionamento della valvola. Si tratta di una bobina in rame di forma cilindrica che, trasportando la corrente elettrica, invia gli impulsi alla valvola per aprirla o chiuderla.

Senza questa parte, l’elettrovalvola non potrebbe essere automatizzata o programmata e rimarrebbe come un rubinetto di arresto manuale.

Fisicamente, ciò che fa è trasformare l’impulso elettrico inviato dal programmatore in un movimento fisico effettuato dalla valvola.

Tipi di elettrovalvole

Sebbene un’elettrovalvola condivida molte parti, ne esistono di diversi tipi a seconda di come vengono attivate.

In generale, possiamo differenziarne 2 tipi diversi:

  • Elettrovalvole chiuse: comuni in un impianto di irrigazione in agricoltura. Se l’impulso non viene inviato, lo stato di riposo della valvola deve essere chiuso e non consentire il passaggio dell’acqua.
  • Elettrovalvole aperte: sono utilizzate nell’industria e consentono il passaggio dell’acqua in continuo se non diversamente programmato.

D’altra parte, poiché questo dispositivo non viene utilizzato solo in agricoltura, ne troviamo diverse varianti:

  • Semplici elettrovalvole
  • Elettrovalvole assistite
  • Elettrovalvole a tre vie

Funzionamento dell’elettrovalvola di irrigazione

L’irrigazione di qualsiasi coltura avviene per alcune ore (o minuti, come nella coltura idroponica), quindi lo stato normale di un’elettrovalvola di irrigazione è quella di essere chiusa.

Quando il controller invia impulsi elettrici al solenoide, trasforma l’energia elettrica in movimento fisico e muove la valvola, consentendo il passaggio dell’acqua.

Al termine del ciclo di irrigazione, il programmatore invia nuovamente un segnale al solenoide per richiudere la valvola ed evitare la fuoriuscita di altra acqua.

Leggi tutto: come scegliere i gocciolatori autocompensanti

Nella testata di irrigazione troviamo più elettrovalvole che lavorano in parallelo, e sono solitamente installate vicino alla pompa di rilancio o in ogni settore irriguo, per poter differenziare tra aree di diverse colture e per poter assegnare una diversa portata a ognuno di loro.

Li possiamo trovare nelle seguenti parti di un’installazione:

  • Nella sezione di mandata di una pompa, per evitare lo scarico dell’impianto.
  • All’ingresso dei settori irrigui, per consentire ad ogni settore di essere irrigato singolarmente.

Riparazione di elettrovalvole

Sebbene l’irrigazione sia automatizzata, ciò non significa che possa avere una totale indipendenza dalla nostra supervisione, poiché possono sempre verificarsi guasti e causare ristagni idrici, o solo il contrario.

Il principale difetto di un’elettrovalvola di irrigazione è che non si apre quando vengono inviati gli impulsi, e solitamente è dovuto a guasti elettrici.

Da un lato può essere che il programmatore di irrigazione non invii un segnale sufficiente per la sua attivazione o che il solenoide sia danneggiato.

Un piccolo controllo per individuare l’errore sarebbe il seguente:

  1. Svitare il solenoide facendo attenzione a non toccare i fili.
  2. Attivare l’irrigazione con il programmatore, in modo che invii un segnale all’elettrovalvola.
  3. Controlla se il solenoide vibra e la parte dello stantuffo si solleva.

Se c’è un movimento del solenoide ma non abbastanza per aprire la valvola, il problema probabilmente risiede nel controller.

I guasti meccanici sono facili da rilevare poiché o si accumula sporcizia che impedisce il passaggio dell’acqua (noi noteremo strani rumori) o fuoriesce acqua, che osserveremmo rapidamente.

Importanza dell’irrigazione automatica

Infine, ricordiamo che la possibilità di programmare automaticamente l’irrigazione consente di ottimizzare notevolmente la produzione e la qualità di qualsiasi coltura.

Senza andare oltre, attualmente possiamo trovare sistemi di irrigazione che si attivano e disattivano a seconda di ciò che decidono le sonde di umidità installate nel terreno, fornendo l’umidità necessaria affinché le piante abbiano sempre acqua a disposizione, ma mai in eccesso.

A livello domestico esistono dei semplici programmatori che possono aiutarci ad annaffiare l’orto senza essere presenti, cosa molto importante quando andiamo in vacanza.

Tuttavia, non fidarti mai e non interrompere la supervisione dell’installazione, poiché possono sempre verificarsi errori imprevisti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.