Suggerimenti

Dipladenia: [coltivazione, irrigazione, cura, parassiti e malattie]

La Dipladenia è una specie vegetale che sviluppa fiori molto belli con i quali è possibile decorare qualsiasi ambiente interno o esterno.

La sua semina è consuetudine da fare in vaso, poiché è più facile controllare la posizione per dargli le migliori condizioni.

Sebbene abbia determinate esigenze per rimanere in salute e generare una grande fioritura, in generale non sono molto complicate da avviare. Vuoi le migliori informazioni per avere delle dipladenie degne di ammirazione?

Qui ti diciamo tutto quello che devi sapere.

Punti importanti quando si semina la dipladenia
  • Quando? In autunno .
  • Dove? In vaso per posizionarlo nelle migliori condizioni a seconda del periodo dell’anno.
  • Come prepariamo il terreno? Buon drenaggio, poco compatto e nutriente.
  • Come dovremmo annaffiare? Per gocciolamento .
  • Ogni quanto bisogna annaffiare? Fino a 4 volte a settimana durante la primavera e l’estate.
  • Di che cure hai bisogno? Concimazioni, potature, sostegno per sembrare una vite.
  • Quali parassiti e malattie ha? Ragno rosso, cocciniglie, afidi e funghi a causa dell’eccesso di umidità.

Quando seminare una dipladenia?

Sia la semina che il trapianto della dipladenia dovrebbero essere effettuati in autunno , quando il suo tempo di fioritura è terminato.

Dove piantare una dipladenia?

La cosa più normale è lavorare la dipladenia in vaso per favorire la migliore collocazione in base al periodo dell’anno. Durante l’ inverno ha bisogno di essere molto protetto dal gelo perché non lo tollera.

In estate va conservata in un luogo con un buon livello di umidità e dove riceva anche la luce del sole e vi sia flusso d’aria.

Nelle zone dove la temperatura rimane più o meno calda durante tutto l’anno, sarà possibile sfruttare la piantumazione all’aperto e decorare così il giardino.

Come preparare il terreno?

Il terreno per la dipladenia deve soddisfare tre caratteristiche obbligatorie: avere un buon drenaggio, essere poco compatto e nutrire.

L’aggiunta di compost o qualsiasi altro fertilizzante organico aiuterà a trasformare un terreno povero in uno abbastanza ricco per questa specie.

In caso di drenaggio e leggerezza, sarà facile lavorare aggiungendo fibra di cocco o sabbia al substrato scelto per la piantumazione, poiché il più comune è utilizzare i vasi.

Come innaffiamo la dipladenia?

L’irrigazione dovrebbe essere fatta costantemente ma moderatamente con l’aiuto di un annaffiatoio da giardinaggio. Cioè, gocciolare .

L’idea è quella di mantenere l’equilibrio nell’intero spazio in cui è piantato, quindi sarà necessario prestare attenzione a ciascuna area per evitare zone secche e altre molto umide.

La dipladenia è in grado di tollerare piccoli spazi di siccità ma non accetta in alcun modo ristagni d’acqua.

Ogni quanto annaffiare la dipladenia?

Le innaffiature devono essere costanti, fino a 4 volte a settimana, durante l’estate e la primavera . In autunno e in inverno non è necessario aggiungere tanta acqua e una volta alla settimana sarà più che sufficiente.

Come seminare una dipladenia passo dopo passo?

La dipladenia viene utilizzata per riprodursi per talea per migliorare il suo tasso di successo. In alcuni casi i semi possono essere efficaci ma non sono così raccomandati.

  1. Scegli una pianta sana e con fusti con struttura semilegnosa.
  2. Taglia i gambi lunghi circa 15 centimetri e puliscili da ogni traccia di sporco o sporco che possono avere sotto l’acqua corrente.
  3. Eliminate le foglie , lasciando sopra quelle più nuove. Idealmente, dovrebbero essere 2 o 3.
  4. Riempi una pentola con 2 strati di substrato . Il primo sarà fatto di ciottoli che facilitano il drenaggio e il secondo terreno da giardinaggio con sostanze nutritive.
  5. Immergi la base della talea in un ormone radicante e seppelliscila nel vaso a circa metà della sua altezza.
  6. Aggiungi uno strato sottile di compost intorno alla talea . Questa tecnica aiuterà a fornire più nutrimento e proteggerà anche la talea dalla perdita di umidità.
  7. Innaffia con parsimonia finché non ti accorgi che l’acqua fuoriesce da sotto la pentola.
  8. Posiziona il vaso in un luogo luminoso , senza sole diretto, con una buona ventilazione e annaffia frequentemente.
  9. Trapiantalo in un vaso più grande quando noti che la piantina è già abbastanza alta.

Di quali cure ha bisogno la dipladenia?

La dipladenia si sviluppa sotto forma di rampicante o può anche essere strisciante. Nel primo caso, è necessario inserire dei tutor per aiutarlo ad espandersi .

Il più comune è che sono piantati in vaso, quindi sarà necessario sceglierne uno appropriato in modo che possa svilupparsi senza battute d’arresto.

Nel caso di semina in giardino, la cura dovrebbe essere rivolta ad evitare che si riproduca di dimensioni senza controllo. Dobbiamo anche fare attenzione che non pregiudichi il corretto sviluppo di altre specie vegetali che ha nelle sue vicinanze.

Le concimazioni dovrebbero essere basate su un alto contenuto di fosforo per favorire una migliore fioritura. Questi dovrebbero essere applicati ogni due settimane per tutta la primavera e l’estate a partire dalla comparsa dei primi pulsanti.

Infine, la potatura è un’azione che riesce a stimolare efficacemente le migliori fioriture.

Questo dovrebbe essere applicato dopo il completamento di un ciclo assicurandosi di rimuovere le parti appassite, danneggiate, secche o malate. Nelle prime fasi della crescita è molto utile pizzicare i nuovi germogli in modo che si espandano molto di più.

Quali parassiti e malattie colpiscono la dipladenia?

Essendo una pianta in fiore , la dipladenia è un centro di interesse per molti tipi di parassiti, con il ragno rosso che è l’interesse principale .

Tuttavia, si possono riscontrare anche danni causati da afidi e cocciniglie. 

In caso di malattie, alcuni funghi possono insediarsi quando la pianta è debole per eccesso di umidità o mancanza di ventilazione. La bellezza della fioritura della dipladenia è ciò che l’ha aiutata ad aumentare la sua popolarità. 

Il principale aspetto negativo che ha è che ha un certo livello di tossicità, quindi il suo consumo deve essere controllato in dettaglio. Allo stesso modo, devi stare attento alla manipolazione degli steli perché hanno il lattice, soprattutto quando si applicano le potature.

 

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.