Suggerimenti

Substrato per piante carnivore: come farlo

Le piante carnivore sono un tipo di piante che hanno la capacità di nutrirsi ed estrarre i nutrienti, da un lato, dal substrato e, dall’altro, dagli insetti e altri piccoli esseri viventi che ottengono con le loro trappole. Per questo motivo, le loro esigenze nutrizionali sono abbastanza diverse da quelle di altri tipi di piante e, pertanto, richiedono substrati appositamente realizzati per loro.

Se ti piacciono queste piante curiose e stai pensando di averle a casa e vuoi imparare a preparare un terreno specifico per loro, unisciti a noi in questo articolo di EcologíaVerde su come realizzare un substrato per piante carnivore.

Di che tipo di substrato hanno bisogno le piante carnivore: come si nutrono?

La maggior parte delle piante carnivore proviene da ambienti in cui il suolo è piuttosto povero di nutrienti. Infatti, è proprio per questa mancanza di nutrienti che hanno sviluppato la capacità di nutrirsi di piccoli insetti e altri piccoli esseri viventi (anfibi, rettili, piccoli mammiferi, ecc.).

Per questo motivo, quando si piantano o si trapiantano piante carnivore in casa, è necessario preparare per loro un substrato povero, simile a quello del loro ambiente di origine. Se li metti in un substrato universale o in un terreno normale, molto probabilmente le radici bruceranno a causa dei sali minerali in eccesso.

Scopri di più su come si nutrono le piante carnivore con questo altro post.

Come realizzare un substrato per piante carnivore

Quando prepari il substrato per queste piante, la tua migliore opzione e la prima cosa che cerchi dovrebbe sempre essere lo sfagno. È un substrato ottenuto dal muschio di sfagno, originario della Nuova Zelanda, dell’Argentina, del Cile meridionale e della Tasmania. È povero di nutrienti, il suo pH è acido e fornisce un’ottima aerazione, oltre ad un’elevata capacità di ritenzione idrica.

Solitamente lo sfagno viene anche impastato con sabbia, anche se è molto importante che sia sabbia grossolana e che sia stata spogliata di sali minerali di qualsiasi genere. Se puoi, vai in un negozio di acquari e chiedi una ghiaia che hanno per pesci d’acqua dolce, composta da sfere tra 2 e 4 mm di diametro e che può venire in diversi colori.

Per realizzare un substrato per piante carnivore è importante seguire questi consigli sui materiali da utilizzare e realizzare un impasto che si divide in tre parti (con un volume che dipenderà dal vaso da riempire).

  • 2 parti di sfagno con 1 di sabbia grossolana.
  • 1 parte di sfagno, 1 di sabbia e 1 di perlite.

Come piantare piante carnivore e loro cure di base

Per trapiantare e piantare piante carnivore, dobbiamo tenere conto del tipo o delle specie che abbiamo in mano, in quanto possono avere esigenze diverse. La cosa più importante da tenere a mente è:

  • Un luogo adatto, con un vaso con un buon drenaggio e un substrato specifico per queste piante.
  • Fate molta attenzione alle radici e alle parti più delicate di queste piante: le loro trappole.
  • Tieni presente che se si tratta di una pianta tropicale, il substrato dovrebbe essere umido.

Per saperne di più su questo processo, ti consigliamo di leggere questo altro post su Trapianti e piantare piante: quando e come farlo.

Inoltre, dovresti tenere a mente che ci sono due tipi principali di piante carnivore: tropicali e non tropicali. A seconda del tipo che hai a casa, la sua cura sarà diversa in alcuni punti. Se vuoi conoscere più a fondo diversi tipi di piante carnivore, ti consigliamo questo altro articolo di EcologíaVerde. Ecco alcuni punti chiave da tenere a mente quando ci si prende cura delle piante carnivore:

  • Le piante carnivore tropicali sono più difficili da curare all’interno, poiché richiedono ambienti il ​​più simili possibile al luogo da cui provengono. In questo caso, ciò implica che la pianta deve essere mantenuta a una temperatura calda e stabile e, inoltre, mantenere un alto livello di umidità relativa intorno ad essa.
  • Se vivi in ​​una zona non tropicale, la cosa migliore che puoi fare è preparare un terrario speciale, in cui puoi controllarne le condizioni di temperatura e umidità. È vero che è un metodo costoso, ma se il tuo clima non è tropicale e non lo fai in questo modo, è probabile che la tua pianta carnivora soffra e la sua salute ne risenta, e anche muoia.
  • Le piante carnivore non tropicali, invece, sono originarie delle zone fredde ma al riparo dal gelo, dove vanno in letargo durante le stagioni fredde.
  • Sono piante che necessitano di una buona quantità di luce naturale per almeno 5 ore al giorno, se possibile, mai nelle ore di maggiore incidenza.
  • Per quanto riguarda la temperatura, il tipo di piante carnivore che non sono tropicali necessitano del loro periodo di letargo, quindi è necessario mantenerle ad una temperatura inferiore a 5 ºC per un periodo compreso tra 3 e 5 mesi alla volta.
  • Ad esempio, se hai un Nepenthes, dovresti sapere che ha bisogno di un alto livello di umidità nell’aria, altrimenti si asciugherà. Se il tuo clima non è umido, dovrai prestare particolare attenzione con l’irrigazione e ricordarti di spruzzare acqua in particelle molto fini sulla tua pianta fino a 2 volte al giorno, ad esempio usando uno spruzzatore.
  • L’irrigazione di questi tipi di piante tende ad essere effettuata mediante irrigazione ad immersione. Consiste nel mettere la pianta in un contenitore con acqua, coprendo la base del vaso di qualche centimetro, lasciandola così per circa 10 minuti e poi rimettendola al suo posto. In estate, questo processo deve essere ripetuto ogni due giorni.

Qui puoi consultare maggiori dettagli sulla Cura delle piante carnivore.

Quando cambiare il substrato delle piante carnivore

Le piante carnivore devono essere trapiantate ogni 2 anni, momento in cui anche il substrato deve essere completamente sostituito. Per cambiare il substrato delle piante carnivore, usa sempre la miscela consigliata nella prima sezione di questo articolo e assicurati anche di eliminare quanto più possibile il vecchio substrato ogni volta che lo cambi. In questo modo, aiuterai le tue piante carnivore a rimanere in buone condizioni e ad avere un bell’aspetto.

Se desideri leggere altri articoli simili a Substrato per piante carnivore: come farlo, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.