Suggerimenti

Come aggiungere azoto al suolo e costosi errori per evitare

Il suo giardino cresce da anni, ma le sue piante sembrano essere più in difficoltà di prima. O forse quest’anno avete piantato degli ortaggi nel vostro solito posto, ma non sembrano prosperare come negli anni precedenti. Se questi scenari vi suonano familiari, potreste trovarvi di fronte ad una carenza di azoto nel vostro terreno.

L’azoto è un elemento chimico essenziale nel giardinaggio. Stimola la crescita delle piante e aiuta a dare al fogliame il suo colore verde. Un terreno sano contiene e richiede questo nutriente cruciale per crescere.

Vi siete mai chiesti cosa significano i numeri su una bottiglia o un pacchetto di fertilizzante? Nei fertilizzanti, NPK si riferisce ai tre macronutrienti più essenziali di cui le piante hanno bisogno: azoto, fosforo e potassio.

Quando aggiungiamo il fertilizzante, sostituiamo queste sostanze nutritive nel terreno. Quando le piante crescono, estraggono le sostanze nutritive che non vengono reintegrate. Le piante hanno bisogno di queste sostanze nutritive per sopravvivere, quindi se non restituite loro quello che portano via, le vostre verdure cominceranno a morire di fame. Il fatto è che senza azoto le vostre piante non possono crescere.

Detto questo, non tutte le piante e gli animali hanno bisogno della stessa quantità di azoto, quindi non si può semplicemente mangiare e dimenticarsene. Piante diverse hanno esigenze diverse. Alcune piante, come i pomodori, sono molto nutrienti. Mentre altri, come la lattuga, sono mangiatori leggeri. Alcune piante restituiscono anche un po’ di azoto al suolo.


Quali sono i segni di una carenza?

Poiché le piante attingono le sostanze nutritive dal suolo, è essenziale per ricostituire le riserve del suolo. Il vostro giardino non prospererà se non ricostituirete gli elementi che vi sono stati tolti.

Come regola generale, si dovrebbe aggiungere azoto al terreno se c’è una carenza o se le vostre piante sono affamate e hanno bisogno di molto azoto per fiorire. Come si rileva una carenza? Un segno tipico è la crescita stentata o l’ingiallimento delle foglie, ma può anche essere un segno di malattia o infestazione da parassiti.

Anche i giardinieri esperti possono avere difficoltà a diagnosticare possibili carenze di nutrienti. E’ meglio non giocare a indovinelli. L’analisi del suolo dovrebbe essere il primo passo prima di affrontare qualsiasi squilibrio nutrizionale nel suolo.


Cosa succede quando si ha troppo azoto?

Perché non aggiungere più azoto possibile? Più ce n’è, meglio è… Se favorisce la crescita, grandi quantità dovrebbero rendere le vostre piante grandi e forti! Purtroppo non è così. Troppo azoto può lasciare grandi piante a foglia che non producono frutta o verdura.

Le patate e i pomodori coltivati in terreni ricchi di azoto, ad esempio, produrranno poche patate e pomodori, ma avranno un’abbondante crescita verde e rigogliosa.

Un altro motivo per evitare di aggiungere troppo azoto al terreno? La contaminazione del suolo può verificarsi se c’è troppo azoto. L’azoto in eccesso può defluire e contaminare le fonti d’acqua vicine.


Come aggiungere azoto al suolo

Prima di iniziare ad aggiungere azoto al suolo, eseguire un test del suolo. Se si ha molto azoto all’inizio della stagione di crescita, non è necessario aggiungere una tonnellata. Conoscere la composizione del terreno prima di aggiungere il fertilizzante. Una volta fatto questo, è possibile regolare i livelli di azoto.


Fertilizzante

Il fertilizzante è il modo più ovvio per aggiungere azoto al terreno. Scegliete un fertilizzante appropriato con il giusto rapporto NPK per le vostre esigenze. Ci sono una varietà di fertilizzanti sintetici ad alta concentrazione di azoto, ma il fertilizzante è un’eccellente alternativa non sintetica che permette un lento rilascio di sostanze nutritive. La modifica regolare del terreno con il fertilizzante aiuta a creare un terreno sano, che a sua volta presenta meno carenze. È una situazione vantaggiosa per tutti.


Colture fissatrici di azoto

Si tratta di colture come fagioli e legumi. Invece di assorbire azoto, fissano i nutrienti nel terreno. Coltivare fagioli e legumi nelle zone in cui l’anno precedente sono state coltivate piante affamate di azoto. Evitare di fertilizzare le aree dove sono stati coltivati i fagioli negli anni precedenti, in quanto non è necessario aggiungere azoto.


Colture di copertura

Anche le colture come il trifoglio sono fissatori di azoto. La differenza è che non sono coltivati per il raccolto. Di solito vengono piantati all’inizio della stagione o in bassa stagione. Lo svantaggio di questo metodo per i giardinieri per hobby è che richiede un grande sforzo per rimuovere le piante di copertura e iniziare a piantare. Se state pensando di coltivare piante da copertura per sopprimere la crescita delle erbacce, prendete in considerazione l’utilizzo di pacciame di plastica.


Tagliaerba

Se il vostro prato è carente di azoto, lo sfalcio è un ottimo modo per rimediare al problema. Durante lo sfalcio del prato, lasciate che i ritagli d’erba, purché di 1 cm o meno, ritornino nel vostro prato. Con il tempo, i livelli di azoto aumenteranno gradualmente.

Potete anche spargere ritagli di vetro nel vostro giardino come pacciame che può aggiungere un po’ di azoto.


Miti dell’azoto sfatante

Ci sono molte opzioni per i fertilizzanti naturali come i fondi di caffè e i gusci d’uovo galleggianti su Internet, ma sono tutte fonti utili di azoto? Vediamo i suggerimenti più popolari :


I fondi di caffè

I fondi di caffè sono un ottimo additivo per fertilizzanti, ma sono relativamente inutili e potenzialmente dannosi se aggiunti direttamente al terreno del giardino. Se volete riutilizzare i chicchi di caffè, aggiungeteli prima al compost.


Emulsione di pesce

L’emulsione di pesce è un’altra modifica naturale del suolo, ma contiene basse concentrazioni di sostanze nutritive, quindi non è necessariamente un candidato ideale per il trattamento di una grave carenza. Tuttavia, è una scelta eccellente per piccoli lavori come l’alimentazione di piantine e trapianti.


Gusci d’uovo

I gusci d’uovo sono un popolare rifiuto della cucina che la gente ama gettare in giardino. Preferisco gettarli nella compostiera, ma è utile aggiungerli al giardino per risolvere uno squilibrio di azoto? Naturalmente, i gusci d’uovo contengono leggere tracce di azoto, ma piccole quantità sono trascurabili e non faranno molta differenza se si soffre di una grave carenza di azoto. Tuttavia, è possibile utilizzarli per evitare i parassiti. I gusci d’uovo schiacciati impediscono alle lumache e alle lumache di avvicinarsi troppo alle verdure e di rosicchiarle fino a quando non rimane più nulla.


Rifiuti di origine canina o umana

Avete sentito parlare della possibilità di aggiungere azoto al suolo? Non pensarci nemmeno. Prima di tutto, tutti i rifiuti animali devono essere compostati prima di essere usati in giardino, ed è una pessima idea mettere le proprie feci o quelle del proprio cane nel compost. Può diffondere malattie e contaminare l’approvvigionamento alimentare. Potete mettere gli escrementi del vostro cane nel bidone marrone della vostra città, ma informatevi prima se questo è permesso.


Urina

Avrete sentito dire che l’urina è un’eccellente fonte di azoto. Vi suggerisco di conservare l’urina per la vostra prossima avventura all’aperto. Se vi sentite davvero selvaggi, potete godervela alla maniera di Bear Grylls. Scherzi a parte, non cominciate a raccogliere vasi di urina per il vostro giardino. Non solo è disgustoso, ma è un grande sforzo per una piccola rivincita. L’urina concentrata può uccidere le piante. Non lo consiglierei, soprattutto perché non tutte le urine sono necessariamente prive di batteri e virus.

Il risultato finale è che mentre la maggior parte di queste opzioni possono alterare leggermente il suolo, nessuna di esse è la risposta alla domanda su come aggiungere azoto al suolo. La maggior parte delle fonti naturali di sostanze nutritive sono più efficaci se aggiunte al fertilizzante e poi lavorate nel terreno.


Attenzione ai fertilizzanti

Fate attenzione quando cercate di cambiare l’equilibrio nutritivo del vostro terreno. Buttare via le cose può portare a squilibri di pH, alla contaminazione delle fonti d’acqua vicine e, se il terreno non è sano, si può verificare un’alta incidenza di parassiti e malattie.

Anche l’aggiunta di azoto in eccesso per ridurre le carenze future è una scelta sbagliata. Alcune piante reagiscono male agli alti livelli di azoto e non producono frutta. È anche uno sforzo inutile. In alcuni casi, un altro squilibrio può portare all’incapacità delle piante di assorbire le sostanze nutritive. Se il pH del vostro terreno non è buono, ad esempio, le piante potrebbero non avere accesso all’azoto del terreno, quindi l’aggiunta di altri nutrienti non risolverà il problema.

Quest’anno avete un problema di azoto nel vostro giardino? Fateci sapere a quale opzione scegliete di rivolgervi e come funziona.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.