Piante

Come mangiano le piante carnivore: riassunto

Quando pensiamo a un animale carnivoro, la prima cosa che viene in mente sono grandi zanne o potenti artigli. Predatori come tigri, leoni o squali catturano la nostra immaginazione. Tuttavia, che dire delle piante carnivore? Tanto per cominciare, chiamarli carnivori è una piccola licenza poetica, poiché in realtà si nutrono solo di insetti.

In ogni caso, come si nutrono le piante carnivore, quale sistema usano per digerire le loro prede? In sintesi, nel seguente articolo di EcologíaVerde risponderemo a queste e ad altre domande.

Quali tipi di piante carnivore esistono

Il processo di alimentazione delle piante carnivore ha un passaggio precedente, ovvero l’ottenimento del cibo, in questo caso gli insetti. A seconda del modo in cui catturano le loro prede, possiamo distinguere tre diversi tipi di piante carnivore:

  • Piegando le foglie: forse è la più apprezzata dal grande pubblico per la sua spettacolarità. Attraverso questo meccanismo, la pianta chiude le foglie, intrappolando l’insetto al suo interno quando tocca il suo interno. Per fare questo rilascia un nettare con il quale attira gli insetti e si chiude quando lo tocca almeno 2 volte, per non confonderli con una goccia.
  • Peli che si attaccano: usando il nettare come esca, quando gli insetti raggiungono la pianta rimangono intrappolati dalla colla che sprigionano.
  • Per foglie di brocca: questi tipi di piante hanno foglie a forma di brocca, che le fanno riempire d’acqua a causa della rugiada o quando piove. Pertanto, quando un insetto vi entra attratto dal suo nettare, rimane intrappolato e muore annegando.

Come digeriscono le piante carnivore

Ora, una volta che l’insetto è intrappolato, come sono in grado di digerirlo e nutrirsene? Il riassunto di come si nutrono le piante carnivore è veloce: gli enzimi. Gli enzimi sono un tipo di proteina prodotta dalle cellule di un organismo -le producono anche l’uomo- che agiscono come catalizzatori e regolatori delle reazioni chimiche che avvengono nell’organismo stesso.

Quando formiche, mosche, zanzare o ragni sono intrappolati all’interno della pianta carnivora, questa inizia a secernere enzimi che lentamente scompongono e digeriscono l’animale. A loro volta, altre ghiandole della pianta iniziano a funzionare, con esse la pianta assorbe i nutrienti di cui ha bisogno e che emergono come risultato dell’attività degli enzimi.

Infine, dobbiamo parlare anche di piante di brocca. Abbiamo visto che questa struttura serve ad intrappolare ed uccidere gli insetti che vi cadono dentro, tuttavia gli ultimi studi che sono stati fatti confermano che, oltre all’acqua, al suo interno ci sono anche un gran numero di batteri e microrganismi che li aiutano. nella decomposizione degli insetti. Infine, gli enzimi fanno la fine della digestione e riescono così ad assorbire quel cibo.

Dobbiamo tenere a mente che il ritmo è molto lento. L’essere umano è in grado di digerire un pasto in 6 o 8, in quantità molto maggiori, mentre una mosca può impiegare più di 2 settimane per essere digerita da una pianta carnivora.

Dove vivono le piante carnivore?

Esistono numerose specie di questo tipo di piante, infatti esistono circa 630 specie di piante che si nutrono degli insetti che cacciano. Quindi, li troviamo in molte aree diverse, sì, non possono crescere da nessuna parte e hanno bisogno di caratteristiche di base per potersi sviluppare.

I plantari carnivori vivono in siti paludosi, specialmente quelli a basso contenuto di azoto e hanno un pH acido. Il motivo per cui crescono in questi terreni poveri è che l’impossibilità di catturare il cibo dal terreno li ha portati a svilupparsi in altre arti alimentari, come la caccia, meno tipiche dei vegetali. La sua origine è completamente selvaggia, tuttavia, se adattiamo le condizioni in cui vivono possiamo coltivarle perfettamente in casa, infatti, ci sono molte persone che ne sono molto affezionate.

Cura di base delle piante carnivore

Se vuoi coltivare una pianta carnivora in casa, dovresti sapere che tipo di specie si tratta, perché mentre alcune possono sopravvivere bene nei climi freddi, ce ne sono altre che tollerano solo il caldo. Il terreno in cui crescerà la pianta deve avere pochi nutrienti, per questo si consiglia di mettere una base di muschio e sabbia per replicare le condizioni in cui cresce spontanea.

Puoi metterlo perfettamente in un vaso di plastica, purché si adatti alle sue dimensioni e tenerlo al chiuso, purché abbia abbastanza umidità e luce solare. In generale non ha bisogno di essere nutrito, poiché è in grado di attirare e cacciare insetti. Ora, se non ce ne sono abbastanza nella tua casa, puoi farlo. In ogni caso, devi tenere presente che con una preda possono nutrirsi per settimane, quindi non dovresti farlo quotidianamente, tanto meno.

Per una guida completa e informazioni dettagliate, nel seguente articolo parleremo ampiamente della Cura delle piante carnivore e nel video qui sotto e in quest’altra guida potrete vedere nel dettaglio la Cura del acchiappamosche di Venere.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come si nutrono le piante carnivore: sommario, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Piante.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.