Suggerimenti

Trapiantare una pianta: quando e come farlo

Ci sono vari motivi per trapiantare una pianta. Che sia per lo spazio, per la salute o semplicemente per l’estetica, trapiantare le nostre piante è qualcosa che dobbiamo fare di volta in volta per rafforzarne e migliorarne la crescita. Nonostante venga effettuato per migliorarne le condizioni, il trapianto è un processo sempre traumatico per la pianta e, pertanto, deve essere sempre effettuato con grande cura e con le conoscenze e i materiali adeguati.

In questo articolo di EcologíaVerde ti daremo alcuni consigli di base per trapiantare una pianta, per sapere quando e come farlo correttamente.

Quando trapiantare una pianta

Quando si sceglie il momento per trapiantare una pianta, la cosa più importante è approfittarne prima che la pianta inizi la sua fioritura o la sua stagione di crescita. Non è consigliabile trapiantare piante da fiore perché per questo stai già facendo una grande fatica, ma ci sono situazioni in cui va fatto anche se ci sono dei fiori, ad esempio se è stato appena comprato e il suo vaso è molto piccolo. Tuttavia, non è consigliabile farlo anche in una stagione molto fredda per il rischio di indebolire ulteriormente la pianta.

Con questo in mente, il momento ideale per trapiantare la maggior parte delle piante è tra il tardo inverno e l’inizio della primavera. Qui però è conveniente informarsi sui cicli specifici della pianta che andrete a muovere per curarvi in ​​salute. Quest’ultimo è particolarmente importante se il trapianto deve essere effettuato all’aperto, poiché i tempi di impianto sono più rigorosi in alcune zone rispetto ad altre e diversi a seconda della specie.

Per quanto riguarda l’ora del giorno, è meglio effettuare il trapianto sempre al riparo dalle ore di luce solare per evitare che la pianta combatta contro il caldo mentre è fatto nella nuova posizione, quindi l’ideale è farlo in una giornata nuvolosa o al tramonto.

Infine, la frequenza con cui va eseguita varia in base alla velocità di crescita della pianta in questione. La maggior parte di loro deve essere trapiantata ogni anno, ma alcuni di quelli a crescita più lenta potrebbero richiedere fino a 2 o 3 anni per richiedere un nuovo trapianto.

Come trapiantare una pianta passo dopo passo

Segui questi passaggi per trapiantare una pianta con successo:

  1. La prima cosa sarà, come sempre, preparare adeguatamente gli attrezzi da giardinaggio. Una forbice da potatura sterilizzata e una pala aiuteranno la pianta a non subire gravi lesioni, e se hai intenzione di trapiantare specie spinose, come un cespuglio di rose o un cactus, avrai bisogno di una spessa pelle o guanti da giardinaggio per evitare di ferirti con le spine.
  2. Prima di rimuovere la pianta dal suo vaso o luogo, si consiglia di effettuare una sanificazione generale. Controlla le foglie e gli steli e rimuovi quelli secchi o in cattive condizioni. Poiché la pianta si indebolirà spostandola, sarai felice di non dover conservare le parti malate.
  3. Scegli il piatto di destinazione. Deve essere sempre più grande della precedente e deve essere preparato con un supporto adeguato. Se il vaso non ha fori di drenaggio, si consiglia di lasciare uno strato di alcuni centimetri di ghiaia grossolana alla sua base.
  4. Estrarre la pianta. Se il vaso in cui si trovava la pianta era troppo piccolo, potresti avere difficoltà a estrarlo. Puoi aiutarti girando il vaso e picchiettando delicatamente sui lati, oppure anche capovolgendolo e picchiettando con cura il bordo, evitando sempre che la pianta cada a terra. Se è all’aperto, scavare intorno per estrarre la zolla, lasciando una certa distanza. Potrebbe essere necessario tagliare alcune radici.
  5. Allentare le radici della zolla se sono molto aggrovigliate o compattate. Se fosse in un vaso troppo piccolo, è probabile che le radici mantengano la loro forma, e approfittarne per pulirle dai detriti del terreno e districarle aiuterà la pianta ad assorbire meglio i nutrienti nel suo nuovo spazio.
  6. Posiziona la pianta nella sua nuova posizione e coprila con il substrato fino a quando le sue radici non sono completamente sepolte. Innaffialo ora per inumidire il terreno e dare alla pianta l’acqua di cui ha bisogno, e lascialo per due o tre giorni in una zona luminosa ma non esposta direttamente alla luce solare. Dopo questo periodo di adattamento, è ora possibile collocare l’impianto nella sua nuova ubicazione definitiva.

Altri suggerimenti per trapiantare una pianta con successo

Si consiglia di annaffiare la pianta qualche ora prima di trapiantarla, ma bisogna evitare di allagarla, basta inumidire il terreno. Questo aiuterà il terreno a essere più morbido e la zolla di radici a uscire più facilmente.

Dopo un trapianto, dovresti monitorare attentamente la risposta della pianta al suo nuovo ambiente. Se mostra segni di debolezza o peggioramento, cerca cosa potrebbe causarlo. Variazioni improvvise dell’umidità, del tipo di substrato o della quantità di luce che riceve possono essere fatali per molte specie.

Se le radici di una pianta sporgono dai fori di drenaggio del vaso, è un segno che il vaso è diventato troppo grande ed è ora di rinvasare. Nel caso dell’orchidea, che ha radici aeree, saprai che il vaso è piccolo quando molte di queste escono dal contenitore in eccesso.

Poiché sono due tipi di piante molto comuni nelle case, ti consigliamo di leggere questi altri articoli più specifici su Come trapiantare un cactus e Come trapiantare un’orchidea.

Se desideri leggere altri articoli simili a Trapiantare una pianta: quando e come farlo, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.