Suggerimenti

Come potare una bouganville in vaso

La bouganville, detta anche bouganville, bouganville, Santa Rita, veranera, papelillo, trinitaria o Napoleon, è una pianta molto comune all’aperto, poiché può crescere molto e necessita di molto sole. Nonostante possa crescere di diversi metri, avendo la facilità di adattarsi ad una forma essendo potata o addirittura aggrovigliata su varie superfici, può essere piantata in piena terra ma anche in vasi di grandi dimensioni.

È una pianta facile da curare, ma bisogna tenere conto che non tollera bene il gelo e ha bisogno di calore. Soprattutto quando viene piantato in vaso o vaso, è quando è necessario prestarvi più attenzione, poiché potrebbe mancare di spazio e potrebbe avere problemi di crescita. Pertanto, è fondamentale sapere come potarlo correttamente e, per questo motivo, in EcologíaVerde ti insegneremo come potare una buganvillea in vaso.

Cura di base di una buganvillea in vaso

La bouganville o Bougainvillea glabra è originaria del Sud America, quindi ha bisogno di molta luce naturale e calore. In sintesi, ti diamo le informazioni sulla cura di base della bouganville in vaso, ma in seguito spiegheremo meglio alcune di esse.

  • Origine: Sud America, principalmente Brasile.
  • Posizione: pieno sole, necessita di molto calore.
  • Potatura: durante la crescita, prima della fioritura e dopo la fioritura per il mantenimento.
  • Luce: ha bisogno di molta luce.
  • Temperatura minima: 3ºC.
  • Irrigazione: nella stagione calda, annaffiare ogni 3 giorni. In inverno, separare più annaffiature.
  • Fertilizzante: biologico o naturale in inverno e con più minerali in estate.

Come e quando potare una bouganville o una bouganville

La Bougainvillea è una pianta rampicante caratterizzata dai suoi fiori finti o falsi petali, detti brattee, che sono coloratissimi e nascondono il vero fiorellino bianco. Principalmente possiamo trovare bouganville bianche, arancioni, rosa, fucsia o rosso intenso. È appena prima e dopo la fioritura, quando compaiono questi falsi petali e piccoli fiori, che è meglio potare una bouganville in vaso o piantata a terra.

Pertanto, il momento della potatura di una bouganville dipende da cosa vogliamo farlo. Ad esempio c’è la drastica potatura della buganvillea che si fa tra gennaio e marzocontrollare bene la crescita, poiché crescono molto velocemente e, soprattutto, in vaso può essere un problema che porta alla malattia se le condizioni per la crescita non sono adeguate. Pertanto, con questa potatura possiamo controllare che cresca in modo più appropriato all’area e allo spazio a disposizione. Ad esempio, se non hai un muro o una recinzione a cui aggrapparti quando ti arrampichi, è meglio potare la buganvillea in un piccolo albero o cespuglio, quindi sarà frondoso ma più piccolo. Se invece è in un vaso grande e ha spazio per arrampicarsi, allora va potata in modo che si ramifichi e gli steli crescano lunghi, aiutandoli ad aggrovigliarsi su questa superficie.

Un altro tipo di potatura della bouganville è quella che si deve fare dopo la fioritura, a fine estate, per asportare tutte le parti più vecchie e secche. È anche conveniente potarlo quando è malato e ci sono parti difficili da salvare.

Come potare la bouganville in vaso passo dopo passo

  1. Avrai bisogno di forbici da potatura affilate e igienizzate e, prima di iniziare, osserva bene la pianta da lontano per vedere quali parti devi tagliare.
  2. Se vuoi un arbusto o un piccolo albero che non si arrampichi, oltre a tenerlo lontano da muri e recinzioni, pota la buganvillea della metà dell’altezza. In questo modo viene stimolata la crescita dei fusti bassi, che formano una pianta più densa, compatta e corta, a forma di palla.
  3. In questo caso, da ogni ramo giovane o nuovo, cerca il bocciolo che si trova a metà della pianta, o anche meno, e taglia un centimetro sopra di esso. Il bocciolo è una piccola protuberanza che vedrai principalmente vicino alle foglie, anche se possono trovarsi anche lungo il resto dello stelo.
  4. Se la potatura è di manutenzione, soprattutto dopo la fioritura, è sufficiente rimuovere le foglie e i rami secchi con le mani o con le forbici da potatura e, inoltre, posizionare dei picchetti o guide di crescita.

Esegui tagli netti per evitare danni alla bouganville, per questo devi solo assicurarti che le forbici da potatura siano affilate, pulite dalla ruggine e disinfettate. La pianta nell’immagine è un chiaro esempio di bouganville che si pota solo quando necessita di manutenzione, principalmente dopo la fioritura o quando si ammala, poiché è grande e non si è formata a cespuglio.

Pianta una buganvillea in vaso

C’è chi vuole seminare questa pianta, ma la verità è che non si riproduce per seme, ma per margotta aerea e terrestre e per talea. Quindi, per piantare una bouganville in un vaso è necessaria una parte di un altro ed è più facile farlo tagliando se in seguito posizionerai la nuova pianta in un’altra zona. In questo altro articolo spieghiamo come fare le talee in modo semplice.

Un altro aspetto fondamentale della cura di una bouganville è la scelta del vaso più adatto. È meglio avere una buganvillea in un vaso grande dal momento in cui viene piantata la talea in modo che possa crescere in pace ed evitare trapianti. È meglio evitare di cambiare il vaso perché è una pianta con radici molto sensibili e può morire con il cambio. A parte le dimensioni, bisogna pensare al materiale del vaso in modo che resista bene alla quantità di terriccio e alla crescita di questa pianta. Consigliamo vasi in terracotta o in plastica resistente.

In questo altro articolo vi diamo dei consigli su come scegliere il vaso per la vostra pianta e riuscire a piantare le talee senza problemi.

Posizione, luce e temperatura per una bouganville in vaso

Come abbiamo visto nella scheda iniziale, questa pianta necessita di molta luce solare diretta e calore. Per questo motivo, è una delle piante che abbiamo inserito in questo elenco di Piante da giardino fiorite resistenti al sole. Infatti la temperatura minima che sopporta bene se lo proteggiamo mentre è all’esterno è di 3ºC, quindi non resiste bene al gelo ed è facile che muoia.

Pertanto, la posizione ideale per la bouganville in vaso è in mezzo al giardino, terrazza o campo, dove riceve molta luce solare, e sarà anche molto meglio se può avere una superficie su cui arrampicarsi, aggrovigliarsi e crescere. Ricorda che è sensibile ai trapianti, quindi è meglio non cambiarne molto la posizione o il vaso e che fin dall’inizio gli dai il miglior angolo del tuo giardino.

Innaffiare una bouganville in vaso

Affinché una buganvillea cresca bene, sarà molto importante annaffiarla regolarmente. La frequenza delle annaffiature varierà a seconda del clima della zona oltre che della posizione del vaso ma, in generale, bisogna annaffiare una buganvillea ogni 3 giorni in estate e farlo più distanziato il resto dell’anno, ad esempio, ogni 5- 6 giorni.

In caso di dubbio, è meglio guardare l’umidità del terreno o del substrato. Puoi usare un misuratore di umidità che puoi acquistare nei negozi di giardinaggio o, attaccare un bastoncino di legno e vedere se quando lo estrai è asciutto e pulito o bagnato e con terra. Nel caso in cui il bastoncino sia asciutto, o leggermente umido, o il misuratore indichi una bassa umidità, allora sicuramente dovresti annaffiare la pianta.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come potare una bouganville in vaso, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.