Suggerimenti

Piante idroponiche: tipi, elenco di esempi e come coltivarle

In questo articolo di EcologíaVerde chiamato piante idroponiche: tipi, elenco di esempi e come coltivarle, potrai imparare tutto su questo argomento. Per cominciare, chiariamo che quando parliamo di piante idroponiche, non ci riferiamo proprio a un tipo di pianta, ma a un modo di coltivare piante che possono prosperare molto bene con questa tecnica. La coltivazione idroponica consiste nel produrre piante senza utilizzare terra, in modo che la pianta si sviluppi solo in acqua, alla quale vengono applicati tutti i nutrienti necessari alla coltivazione.

La coltivazione idroponica è applicabile a quasi tutte le specie di piante ed è molto comune utilizzarla per specie ornamentali, poiché grazie ad essa i fiori si conservano più a lungo. Tuttavia, sebbene questo tipo di coltivazione sia praticato sempre di più, non si tratta di una tecnica di recente invenzione: gli Aztechi la praticavano già in tempi antichi nei loro giardini galleggianti.

Elenco di esempi di piante idroponiche

Come abbiamo accennato, praticamente qualsiasi pianta può essere coltivata idroponicamente. Questo tipo di tecnica viene utilizzata sempre più pigramente da alcuni amanti del giardinaggio e dell’orticoltura, poiché si tratta di un modo diverso e suggestivo di avere un raccolto.

Tuttavia, in alcuni territori in cui la terra non è fertile o non c’è abbondanza di terra ma c’è molta acqua, l’agricoltura idroponica può affermarsi come parte dell’industria, poiché oltre a produrre alimenti più ricchi di sostanze nutritive e più sani, arriva in meno tempo.

Nonostante ciò, esistono alcune specie di piante per la coltivazione idroponica molto apprezzate per le loro caratteristiche individuali:

  • Lattuga
  • Pomodoro
  • Pepe
  • Spinaci
  • menta
  • Sedano
  • Maneggiare
  • menta
  • Portulaca
  • saggio
  • Basilico
  • Alieno
  • Origano
  • Valeriana
  • Zenzero
  • Lavanda
  • Prezzemolo
  • Aglio

Come coltivare piante idroponiche

L’idroponica è definita l’agricoltura del futuro grazie al fatto che produce colture più sane e nutrienti, ottimizzando meglio le risorse che vengono fornite alla pianta, oltre a richiedere meno fertilizzanti e pesticidi. In questo altro articolo spieghiamo di più sull’idroponica, un’agricoltura più ecologica e sostenibile.

Ogni giorno più persone sono incoraggiate a praticare l’idroponica domestica. Se vuoi praticare la coltura idroponica verticale o orizzontale per avere il tuo giardino in acqua, avrai bisogno di un kit idroponico domestico, che puoi acquistare nei negozi specializzati o assemblare da solo.

Successivamente, mostriamo come realizzare una coltivazione idroponica domestica più semplice che può essere fatta. Uno che probabilmente avrete visto nelle fotografie o nei video è il sistema idroponico NFT, che colpisce molto perché funziona attraverso una serie di tubi e canali che sono disposti su più file come un giardino verticale. In essi la soluzione nutritiva è in costante circolazione, in modo che l’acqua non ristagni mai e la pianta prenda sempre ciò di cui ha bisogno.

In questi casi è molto più consigliabile acquistare uno dei sistemi e dei kit che vengono venduti, poiché sono più complessi da assemblare e richiedono un livello tecnico superiore.

Per quanto riguarda la cura per coltivare piante idroponiche in casa, bisogna tenere conto che, a parte la tecnica con l’acqua, ogni specie o tipo di pianta idroponica può avere esigenze diverse, quindi consigliamo che al momento dell’acquisto di semi o piante chiedete allo specialista del negozio sui bisogni specifici di quella pianta (luce, temperatura, nutrienti, ecc.).

Come fare una coltura idroponica fatta in casa

Per finire di parlare della coltivazione delle piante idroponiche, spieghiamo come realizzare una coltura idroponica fatta in casa in modo semplice. Per fare ciò, avrai bisogno di quanto segue:

Materiali per la coltura idroponica domestica

  • Una pompa ad aria. Non riuscirai a farlo facilmente, poiché deve essere una pompa che ossigena l’acqua, come quelle utilizzate negli acquari. Senza questa ossigenazione dell’acqua, le radici non si svilupperanno correttamente e potrebbe verificarsi contaminazione nell’acqua. Pertanto, è meglio acquistarne uno.
  • Un contenitore opaco. Una scatola, una bacinella, un grande tubo o un altro contenitore di profondità sufficiente. Deve essere opaco perché le radici hanno bisogno di oscurità.
  • Semi germinati. Puoi farli germogliare tu stesso o comprarli già preparati.

Passo dopo passo per fare un raccolto idroponico

  1. Fai un buco sul fondo del contenitore che hai scelto. È importante avere un cappuccio di plastica o del materiale impermeabile con cui coprirlo.
  2. Riempi il contenitore con acqua, senza raggiungere il bordo. Contemporaneamente, preparate il coperchio del contenitore preparando alcuni fori delle dimensioni di quelli che si possono fare con un trapano, tutti della stessa misura.
  3. Metti i germogli germinati nei buchi, in modo che le radici siano ben coperte dall’acqua, quindi fissali con il substrato di tua scelta. Alcuni substrati idroponici popolari sono pietra pomice e ghiaia.
  4. Posiziona la tua idroponica in un’area illuminata ma dove non riceve le ore più intense di luce naturale. Non dimenticare di aggiungere all’acqua la pompa ossigenante e programmarla in modo che si attivi almeno qualche minuto ogni 3 ore. Inoltre, sarà necessario applicare una soluzione nutritiva per colture idroponiche all’acqua e al substrato. Qui, ogni specie ha i suoi bisogni e le sue frequenze.

Qui spieghiamo molto di più su Come realizzare una coltura idroponica in casa.

Se desideri leggere altri articoli simili a Piante idroponiche: tipi, elenco di esempi e come coltivarle, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.