Suggerimenti

Piantare fagioli in [13 passaggi]: il tuo raccolto, il tuo raccolto e altro

Sapevi una cosa?

I fagioli ( Phaseolus vulgaris ) sono una delle migliori piante che puoi coltivare nel tuo giardino.

La ragione? Parecchi. Vista:

  • Emettono azoto man mano che crescono, quindi sono a ottimo fertilizzante naturale  per il resto delle colture.
  •  La quantità di proteine  che hanno per grammo è uno dei più alti all’interno delle verdure.
  • Avranno un sapore brutale grazie al fatto che sono biologici e coltivati ​​da te.

Avete bisogno di altro? Non la penso così. Ora, se leggi questa guida, imparerai tutto ciò di cui hai bisogno per coltivare con successo i fagioli .

Andiamocene

Fagioli da semina (fagioli, fagiolini, fagiolini) passo dopo passo:
  • Quando? Varia a seconda della varietà, ma nelle zone temperate possiamo farlo a marzo e aprile.
  • Dove? Luogo dove riceve abbastanza luce solare (non è necessario tutto il giorno).
  • Tempo di raccolta? 2-3 mesi dopo la semina.
  • Come prepariamo il terreno? Lavorare il terreno, pulirlo dalle erbacce e inumidirlo più volte.
  • Come paghiamo? Non richiede molto compost. In caso dinon molto fertile terreno , aggiungeremo vermicompost emolto decomposto letame diversi mesi prima della semina.
  • Come innaffiamo? Ideale, con gocciolatoio.
  • Quanto spesso annaffiamo? Prime fasi (quando cresce) poca annaffiatura (ogni 5-6 giorni). Il fabbisogno idrico è molto elevato poco prima e dopo la fioritura (ogni 1-2 giorni).
  • Come seminiamo? A seconda della varietà, ma fare diverse scanalature e fori ogni 40 cm. Deposita 4-5 semi in ogni buca.
  • Come raccogliamo? Per la raccolta dei fagioli secchi si possono raccogliere dal cespuglio, uno per uno, i fagioli che vediamo maturi. È una pianta delicata.
  • Associazioni favorevoli? Associazioni precolombiane, oltre a carote , cavoli , cetrioli , prezzemolo, patate e pomodori .
  • Associazioni sfavorevoli? Aglio , finocchio, porro o cipolla .
  • Piaghe e malattie? Afide, mosca bianca, acaro,

Eil fagiolo è un legume , al pari del cece , del pisello, della lenticchia, della jicama, dei piselli , delle arachidi, dei fagioli , della soia e dell’erba medica.

È conosciuto anche con altri nomi, come: Fagioli, Fagioli, Fagioli

Queste piante sono preziose non solo per i loro grandi benefici per la salute umana , ma anche perché apportano azoto alla terra , trasformandola in un fertilizzante naturale  delle altre colture.

Si caratterizzano per essere piante rampicanti e, oltre ad essere una buona fonte di proteine , minerali e fibre. Oggi è uno degli ortaggi più apprezzati e consumati al mondo.

Lo sapevate…
Le piante di fagioli sono eliotropiche; cioè, si muovono durante il giorno per rimanere orientati direttamente al sole.

Quando coltiviamo i fagioli? Gli appuntamenti

La semina del fagiolo o del fagiolo varia a  seconda della zona . Puoi controllare il calendario della semina qui.

Nelle zone temperate si semina a marzo , mentre nelle zone dove prevalgono i climi più freddi si attende fino ai primi di maggio. 

Lo sapevate…
La parola fagiolo è la forma moderna dell’antica parola spagnola: «frisol».

Dove piantare i fagioli?

Fanno meglio nei climi caldi e temperati e non supportano bene il trapianto , quindi è preferibile seminare direttamente.

Quando si sceglie la trama , cercheremo che siano esposti al sole, in modo che il terreno possa riscaldarsi .

La semina dovrebbe essere fatta quando la temperatura del suolo è superiore a 10 ºC , essendo la temperatura ottimale del suolo tra 15 e 20 ºC 

Quando la temperatura è inferiore a 15 ºC, la vegetazione non è molto vigorosa ei frutti sono lavorati all’uncinetto.

Al di sopra dei 30 ºC , nei baccelli compaiono deformazioni e si verifica l’aborto dei fiori.

In termini di luminosità , è una pianta a giorno corto .

Tuttavia, la luminosità condiziona la fotosintesi , purché l’umidità relativa sia adeguata, supporta un’esposizione molto maggiore alla luce e al calore.

Nelle zone con molto vento è consigliabile proteggerle , in quanto sono piante fragili e non sopportano l’incidenza diretta di forti venti.

Come prepariamo il terreno? Umidità e rischi

Richiedono terreni che non si secchino , sopportando male la mancanza di umidità . In tal senso, È molto esigente quando si tratta della frequenza e del volume dell’irrigazione. 

L’ umidità relativa ottimale durante la prima fase di coltivazione è del 60% , poi oscilla tra il 65% e il 75% .

Da due a quattro giorni prima della semina delle fave, si consiglia di irrigare per facilitare la semina e la germinazione dei semi .

Dopo la semina , ci sarà acqua solo fino a quando compaiono i primi germogli .

Nelle prime fasi di sviluppo è consigliabile mantenere il terreno con poca umidità , tuttavia i fabbisogni idrici sono molto elevati poco prima e dopo la fioritura .

 lDurante l’irrigazione, la cosa più importante è evitare ristagni d’acqua. Troppa acqua può causare clorosi e perdita di raccolto.

Usi irrigazione a goccia per andare fornitura di acqua gradualmente per tutto il giorno e la notte , in quantità moderate. Per evitare la formazione di funghi, è meglio indirizzare l’acqua verso il terreno e non verso le foglie .

Un’irrigazione sbilanciata ridurrà la qualità dei frutti.

Lo sapevate…
Per ridurre la produzione di gas causata dal consumo dei fagioli, si consiglia di metterli a bagno in abbondante acqua durante la notte, prima della cottura.

Certo, dobbiamo liberarci dell’acqua in cui li impregniamo, poiché in essa si dissolvono tutti gli zuccheri indigeribili che causano la flatulenza.

Di cosa hanno bisogno i fagioli per crescere bene? Il substrato e i nutrienti

Sebbene fagioli tollerare una vasta gamma di suoli , i più adatti sono terreni leggeri , siliceo-limoso in trama , ben drenati e ricchi di humus , ma senza tracce di materia organica fresca .

In terreni molto argillosi o troppo salini si sviluppa con carenze , mentre in terreni calcarei le piante hanno frutti grossi con fili .

 Il pH ottimale varia tra 6 e 7.5  anche se in terreno sabbioso e con irrigazione localizzata si sviluppa bene con valori fino a 8.0

Per quanto riguarda i nutrienti, i fagioli non necessitano di fertilizzante , poiché la pianta è in grado di fissare l’azoto atmosferico nel terreno .

Se il terreno è molto povero , si può spargere letame organico molto decomposto , un mese prima della messa a dimora .

Non è necessario che il terreno sia eccessivamente profondo , ma ha un buon drenaggio . Per ottenere ciò, è possibile aggiungere al substrato segatura o piccole pietre per facilitare il drenaggio.

Un’altra buona idea per facilitare il corretto drenaggio dell’acqua è il pacciame con pacciame o foglie di consolida maggiore.

Lo sapevate…
Gli Aztechi lo chiamavano etl, i Maya Buul, gli Incas Purutu, i Cumanagoto del Venezuela lo conoscevano come caraota e i Chibcha della Colombia come histe.

Attualmente, a seconda del paese o della regione, i fagioli sono conosciuti come fagioli, fagioli, fagioli e fagioli.

Come piantare i fagioli [13 passaggi]

  1. Pulisce il terreno, rimuovendo erbacce e detriti dalle colture precedenti .
  2. Inumidisci il terreno giorni prima della semina.
  3. Metti i semi nel terreno: per le varietà nane , i solchi sono solitamente tracciati con una distanza di mezzo metro tra loro . In ogni fila vengono scavati dei fori distanziati tra loro a 40 cm .
  4. In ogni buca si depositano da 4 a 5 semi . Per le varietà di enrame vengono ricavate scanalature con una distanza minima tra loro di 75 cm per consentire un’adeguata ventilazione.
  5. In ogni scanalatura vengono scavati dei fori separati tra loro a 60 cm . In ogni buca si depositano da 4 a 5 semi .
  6. Stendi del pacciame organico per controllare le erbacce e mantenere il terreno arioso e umido.
  7. Seleziona le piantine più sane e più forti . I semi germineranno tra 7 e 20 giorni .
  8. Se in ogni buca è germogliato più di un seme , tenete quello più forte. Per fare questo, non tirare i deboli, poiché puoi danneggiare le foglie. È sufficiente una semplice potatura a livello del suolo.
  9. Proteggi le tue pianteUsa le reti per proteggere le tue piante da parassiti e potenziali predatori , specialmente conigli e scoiattoli . La protezione è importante soprattutto nelle zone ventose.
  10. Preparare un traliccio o una struttura per proteggere la pianta . Sebbene le varietà nane non richiedano picchetti, le varietà enrame lo fanno, quindi posizioneremo picchetti di 2,5 m in modo che li salgano.
  11. La struttura più comune per piazzare i pali è quella piramidale ; Per fare questo uniremo le canne di due file, inclinandole e legandole al centro.
  12. Puoi posizionare il tutor quando le piante raggiungono circa 10 cm.
  13. Spoglia le tue piante regolarmente . Questa pratica migliora la qualità e la quantità della produzione e riduce il rischio di malattie, poiché favorisce un’adeguata ventilazione.

Raccolta e raccolta dei fagioli

Si verifica da  due o tre mesi dopo la semina , anche se se vogliamo ottenere i fagioli secchi dovremo aspettare quattro mesi .

La raccolta è manuale , quando i baccelli sono già formati , ma senza lasciarli a lungo nel cespuglio , poiché acquisiscono una consistenza fibrosa.

Sommario

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.