Suggerimenti

Falena della patata (Phthorimaea operculella): [Caratteristiche, rilevamento, effetti e trattamento]

Cos’è la falena delle patate?

La falena della patata, il cui nome scientifico è Phthorimaea operculella, è una farfalla lunga appena un centimetro che provoca molti danni alle piantagioni di questo tubero universale.

Invade anche colture di alto valore commerciale e nutritivo, come pomodori, melanzane e peperoni

Questi eteroceri hanno abitudini notturne e sono solo una parte delle famiglie di farfalle o falene le cui larve attaccano il cibo immagazzinato, così come la carta e le fibre tessili.

Il bruco riesce a penetrare nella patata, dopo averla perforata con grande abilità per entrare attraverso fori ben costruiti, provocando un marciume irreversibile del prodotto. Questi voraci mangiatori si inseriscono piuttosto in diverse famiglie dell’ordine dei Lepidotteri, come: piralidi, tortrícidos, geléquidos e tineidos, tra gli altri.

Come possiamo identificarlo?

Per identificare questi feroci aggressori, devi seguire le caratteristiche indicate di seguito:

  1. Le larve sono generalmente bianco rosate o giallo sporco con estremità più scure.
  2. Scavano gallerie nei tuberi e nelle foglie, per nutrirsi, ma attaccano anche la parte aerea della pianta , rovinandola perché aprono anche il cancello in modo che altri agenti patogeni come batteri, funghi e simili invadano il tubero, fino a marcire.
  3. Le femmine sono di breve durata, dal crepuscolo alle abitudini notturne, perché escono nel tardo pomeriggio e cercano dove deporre le uova. Preferiscono le patate ma anche altre belladonna .  
  4. Gli adulti non superano 1 cm di lunghezza e hanno ali grigie con macchie nere , che terminano con frange perfette.
  5. Lo stadio della pupa avviene all’interno di un bozzolo di colore chiaro.
  6. Le uova sono di forma ovale e bianche, ma man mano che maturano si scuriscono.
  7. Le uova sono ovali bianche dapprima che si scuriscono in seguito.
  8. Hanno una predilezione speciale per i climi caldi che consentono loro di riprodursi in circa 6 generazioni all’anno.

Quali piante colpisce la falena della patata?

Una delle specie di tuberi preferite di queste falene è proprio la patata.

Ma come è già stato detto, colpiscono significativamente anche le colture di pomodori , peperoni e melanzane. In America, spesso causano danni anche alle piantagioni di tabacco.

Come possiamo combatterlo?

Ci sono diverse pratiche nell’uso quotidiano nelle piantagioni che possono aiutare a prevenire gli attacchi di questa falena molto dannosa, se le viene permesso di riprodursi su larga scala e diventare un parassita insaziabile.

Aratro intenso

Un modo per individuarli rapidamente è con l’aiuto di un aratro intensivo che va fatto circa 15 giorni prima della semina, perché quando il terreno è preparato, pupe e uova, così come altri tipi di insetti, possono essere esposte. che danneggiano i raccolti. 

Allo stesso modo, è necessario rimuovere dalla terra i resti dei tuberi dei raccolti precedenti, che devono essere distrutti, bruciandoli, perché sicuramente contaminati.

Semi certificati

Un’altra pratica per l’uso continuato dovrebbe essere quella di utilizzare semi certificati, garantiti e privi di infestazioni. Un altro fatto importante è evitare di seminarlo nei periodi di caldo intenso e siccità, coprendoli correttamente in modo da prevenire la comparsa di larve

Irrigazione

Un buon sistema di irrigazione, che mantenga sempre i terreni umidi, impedisce alle falene di deporre le uova sul terreno, perché risentendo dell’acqua che le colpisce non possono decollare, poiché si infangano con il terreno e si neutralizzano o muoiono.

Potatura strategica

Ogni volta che si apprezza un fogliame giallastro, secco, appassito, sarà necessario effettuare una buona potatura igienico-sanitaria dei tuberi, perché devono sicuramente essere contaminati da insetti. 

Allo stesso modo, sarà prudente raccogliere tutti i rifiuti dei tuberi, mantenendo il terreno sempre pulito dai resti organici, che devono essere distrutti con l’aiuto del fuoco.

Rotazione delle colture

Un altro modo per ridurre la proliferazione di parassiti di ogni tipo è con la rotazione delle colture . Non piantare la stessa specie nello stesso luogo contribuisce a far sì che gli insetti non abbiano più una fonte di cibo sicura.

Stoccaggio refrigerato

In condizioni di conservazione è prudente che il luogo sia molto ben ventilato o refrigerato, dove le condizioni igieniche siano massime, asciutto e in un ambiente buio, al fine di prevenire l’attacco delle farfalle. Se possibile, scherma tutte le finestre con una rete metallica per evitare che entrino.

Quali sono i migliori prodotti per eliminare la tignola della patata?

Una delle sfide più grandi nella lotta contro queste tarme è il loro sterminio, perché i prodotti chimici non dovrebbero essere usati, poiché è il cibo che è infestato all’interno.

Pertanto, non c’è modo di mettere un insetticida sulle patate, ad esempio conservate. La cosa prudente sarà combattere contro le larve che vivono all’interno della patata , adottando misure estreme di sicurezza e igiene nei siti di stoccaggio.

Un buon modo per affrontarli è con un sistema di controllo biologico. Il Copidosoma koehleri è una piccola vespa di circa 1,8 mm di lunghezza in grado di parassitare efficacemente le tarme delle uova.

Ha un colore nero-violaceo e ali trasparenti e in questo processo di ovideposizione le femmine sono fondamentali per uccidere le farfalle notturne. Tuttavia, gli insetticidi possono essere applicati in campo purché la necessità di sterminio sia assolutamente urgente per ragioni economiche e alimentari. 

Un insetticida molto usato in questi casi sono i cosiddetti clopirifos, speciali per uccidere gli adulti, mentre il metomil è molto efficace nell’uccidere le uova per la sua natura ovicida.

Pertanto, va applicato proprio quando inizia il cosiddetto processo di tuberizzazione della coltura, dirigendo il suo raggio verso le zone interne della chioma nel caso del clopirifos e verso il collo della pianta quando si utilizza il prodotto ovicida.

Sempre prima della raccolta della coltura, è consigliabile applicare un prodotto ovicida se notiamo che la popolazione di falene cresce in circa 4-5 settimane. Con questa azione, proteggeremo il successivo processo di conservazione del tubero.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.