Suggerimenti

Albero di Giove: [coltivazione, irrigazione, cura, parassiti e malattie]

L’ albero di Giove è una specie originaria di Cina, Corea e Giappone, coltivata anche nelle regioni subtropicali e nel bacino del Mediterraneo.

Questo albero era molto apprezzato dalla dinastia Tang, il secondo impero più grande della Cina (618-907 d.C.).

A quel tempo era conosciuto come “l’albero delle scimmie” poiché il suo tronco era molto liscio in modo che le scimmie potessero arrampicarsi su di esso.

Oggi è usato come albero ornamentale oltre che nella medicina popolare.

Punti importanti quando si pianta un albero di Giove:
  • Nome scientifico: Lagerstroemia indica L.
  • Nome comune: albero di Giove,giglioindiano, regina dei fiori , stromelia, crespo, strononico.
  • Altezza: 6 metri.
  • Fabbisogno di luce: luce diretta e semiombra.
  • Temperatura: climi caldi e temperati.
  • Irrigazione: regolare e moderata.
  • Fertilizzante: evitare fertilizzanti ricchi di azoto.

Quali sono le caratteristiche dell’albero di Giove?

La Lagerstroemia indica L. è un piccolo albero deciduo dalla chioma arrotondata. Può raggiungere un’altezza di 10 metri e il diametro della sua chioma tra 1 e 2 metri. La sua corteccia è liscia e può avere diversi colori come ocra, rosa o marrone.

Le sue foglie, che possono misurare da 2 a 6 centimetri, sono di colore verde scuro brillante, semplici, alterne ed ellittiche. L’estremità superiore della foglia (apice) cambia colore in una tonalità giallastra con sfumature rossastre o viola.

I fiori dell’albero di Giove possono avere diversi colori: rosa, rosso, lilla , bianco o viola. Tutti hanno 6 petali ricci e più stami. Crescono da 2 a 4 centimetri di diametro e sono raggruppati in grandi grappoli ramificati.

Il suo periodo di fioritura è durante la primavera e l’estate. Il frutto di questo albero è una piccola capsula che si apre spontaneamente e rilascia i suoi semi. Le sue radici sono laterali e non invasive. È un albero a crescita rapida con media longevità.

Quando piantare l’albero di Giove?

Si consiglia di seminare a fine inverno o all’inizio della primavera. Se coltivata per talea , va effettuata all’inizio dell’estate.

Dove piantare l’albero di Giove?

L’ albero di Giove fa molto bene nei climi tropicali . Fiorisce in zone con estati calde e inverni miti dove può ricevere luce solare diretta, o mezz’ombra, in luoghi riparati da forti raffiche di vento.

Nelle zone fredde si consiglia di piantarla in un luogo soleggiato vicino ad un muro esposto a sud. In molti casi non fiorisce nei climi freddi.

Come preparare il terreno?

L’ albero di Giove è una specie poco esigente per quanto riguarda il tipo di terreno in cui verrà piantato. Può essere seminata in terreni sabbiosi con sostanza organica, umidi, ma ben drenati e con pH neutro o leggermente acido.

Lo sviluppo delle radici può essere stimolato nutrendo il substrato con una miscela di materiale organico: compost da giardino, foglie marce, letame o muschio di torba. Tuttavia, in queste condizioni l’albero produce foglie più sane, ma meno fiori.

Come innaffiamo l’albero di Giove?

L’ albero di Giove richiede un’umidità costante durante i suoi primi due anni di vita. Man mano che matura, la frequenza di irrigazione diminuisce e l’acqua va fornita solo quando il substrato è asciutto.

È importante monitorare l’umidità del terreno durante le stagioni secche, poiché l’albero può perdere tutte le foglie se non ne ha abbastanza. Va annaffiato frequentemente durante la primavera e l’ estate .

Quanto spesso annaffiamo l’albero di Giove?

Per sapere quando innaffiare l’ albero di Giove, basta controllare l’umidità del terreno. Per questo puoi scavare a una profondità di 30-60 centimetri.

Se il terreno è asciutto, sarà necessaria un’irrigazione moderata dalla primavera all’autunno e meno irrigazione in inverno.

Come piantare un albero di Giove passo dopo passo?

La germinazione per seme è solitamente complicata e irregolare poiché le varietà ibride dell’albero di Giove producono semi scarsamente vitali. Per questo motivo è preferibile coltivarlo per talea.

Per semi

  1. Versare i semi di albero di Giove in una ciotola di acqua calda e lasciate riposare per 24 a 48 ore.
  2. Distribuire i semi in piccoli contenitori, ricoprendoli finemente con un substrato composto da humus , sabbia, polvere di fibra di cocco e vermiculite.
  3. Coprire il contenitore con plastica trasparente.
  4. Refrigerare per 2 mesi ad una temperatura di 4°C, aspettando che germoglino. Questo processo può richiedere mesi.
  5. Una volta germinati, rimuovere i semi in un luogo molto luminoso, al riparo dalla luce solare diretta, a temperature comprese tra 20 e 25 ºC.
  6. Inumidisci regolarmente fino a quando la piantina cresce e può essere trapiantata.

Per talea legnosa

  1. I rami vengono tagliati dall’albero di Giove , che dovrebbe essere lungo circa 20 centimetri. Il taglio di base deve essere eseguito direttamente sotto un nodo e il taglio superiore deve essere eseguito ad angolo, 2,5 centimetri sopra un altro nodo sul ramo.
  2. Rimuovi le foglie o i germogli inferiori e mantieni 2-3 paia in cima per ridurre la traspirazione dei rami.
  3. Immergere la base delle talee con ormoni radicanti liquidi ad un’altezza di 2 o 3 centimetri.
  4. Pianta i picchetti sul lato della base in contenitori con substrato di sabbia di torba o nel terreno. Tieni presente che la parte della base impregnata degli ormoni radicanti deve essere inchiodata.

Di che cure ha bisogno l’albero di Giove?

L’ albero di Giove è una specie che non ha bisogno di molte cure, ma la potatura può essere utile. Questo può essere fatto all’inizio dell’autunno per incoraggiare la crescita dei fiori la prossima primavera.

D’altra parte, è importante evitare i trapianti. In caso di realizzazione, il supporto deve essere armato con pacciame ricco di humus (70%) e con sabbia grossolana o similare (30%).

Quali parassiti e malattie colpiscono l’albero di Giove?

L’ albero di Giove viene attaccato frequentemente da insetti succhiatori, pertanto si consiglia di effettuare una preventiva disinfezione con insetticidi durante la primavera.

E ‘anche influenzata da: polverosa muffe (Erysiphe lagerstroemiae) , nocciola oidio (Phyllactinia corilea) , Cercospora, afidi e cocciniglie.

Riferimenti

  • https://www.conaf.cl/cms/editorweb/institucional/Arboles_urbanos_de_Chile-2da_edicion.pdf
  • https://www.ecured.cu/Crespón
  • http://www.munistgo.info/medio_ambiente/biblioteca_digital/Reproduccion_de_Plantas.pdf
  • http://data.sedema.cdmx.gob.mx/sedema/images/archivos/temas-ambientales/reforestacion-urbana/catalogo-yecapixtla-2016.pdf
  • http://www.rjb.csic.es/jardinbotanico/ficheros/documentos/pdf/pubinv/MSG/Lagerstroemia_indica.pdf
  • https://pcientificas.ujat.mx/index.php/pcientificas/catalog/download/95/84/333-1?inline=1
  • http://manualesdecultivo.blogspot.com/2016/01/lagerstroemia-indica-crespon-arbol-de.html
  • https://www.thetreecenter.com/crape-myrtle-varieties-and-guide/
  • https://www.gardenista.com/posts/gardening-101-crape-myrtle/

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *