Suggerimenti

Cura dell’albero di magnolia (Magnolia grandiflora)

La magnolia grandiflora  o magnolia è un albero caratteristico di molte città spagnole, anche se la sua origine è abbastanza diversa. Viene coltivata come pianta ornamentale per le grandi dimensioni che raggiunge, la sua longevità e le dimensioni prodigiose che offre.

Se si può godere di un albero, poter godere di questa specie o di tante altre della famiglia delle Magnoliaceae  è un vero piacere che non può mancare.

La sua cura non è molto impegnativa, se non in periodi precisi, e conoscendo alcune delle sue caratteristiche può diventare protagonista con il passare degli anni e prende quota.

Caratteristiche della magnolia ( Magnolia grandiflora)

  • Nome scientifico Magnolia grandiflora
  • Famiglia Magnoliacee
  • Origine: Stati Uniti sudorientali.
  • Nomi comuni: magnolia

In quanto questa pianta è proprio conosciuta come magnolia,  perché deriva dal suo nome scientifico Magnolia grandiflora.  Lo specialista botanico Pierre Magnol è stato l’ideatore del suo nome da una derivazione del suo cognome

Il genere Magnolia è ricco di sempreverdi alti e maestosi che puoi anche coltivare

La caratteristica più caratteristica di questa pianta è la forma delle sue foglie e il colore, essendo un verde intenso quasi scuro. La forma è approvata e sono piuttosto spessi rispetto ad altre specie.

Caratteristiche del fiore di magnolia

Oltre alla bellezza delle loro foglie, offrono anche una fioritura spettacolare. Fiori bianchi e molto grandi che offrono un profumo intenso e possono essere usati per decorare.

La sua fioritura avviene in breve tempo che copre la fine dei mesi primaverili e l’inizio dell’estate. La cosa interessante è che in questo periodo produce fioriture sfalsate, quindi puoi goderti questo albero come ornamentale, nonostante il fiore, una volta reciso, abbia una breve durata.

Com’è il frutto della magnolia

La fecondazione avviene dal fiore. I frutti della Magnolia grandiflora sono ugualmente caratteristici e simili ad un ananas, da cui escono i loro semi rosso intenso.

Questi semi, nonostante siano difficili da germinare, si possono ottenere in autunno, tra ottobre e novembre. Più avanti discuteremo le opzioni che abbiamo per moltiplicare la nostra magnolia.

Come coltivare la magnolia

Parleremo di come coltivarlo e della cura principale della Magnolia grandiflora Nonostante sia un albero abbastanza resistente, la cosa fondamentale è conoscere la quantità di acqua di cui il nostro albero ha bisogno (e poter programmare l’irrigazione automatizzata, se vogliamo) e quando aggiungere fertilizzanti per aumentare l’intensità della fioritura.

caratteristiche climatiche

La Magnolia grandiflora  è presente in quasi tutte le parti del mondo. Il suo grande adattamento significa che può essere una coltura da giardino occidentale e mediterranea e può essere coltivata in città con inverni freddi.

Può essere coltivata in pieno sole o semi-ombra. I primi anni di sviluppo, predilige la penombra, la protezione dal vento e dal gelo.

Successivamente, dopo il suo adattamento, può essere coltivata in pieno sole.

In termini di temperature resiste molto bene al freddo, anche a brevi periodi di -10ºC (sebbene con danni cellulari) e temperature molto calde che superano i 35ºC. Nel periodo della fioritura, prodotta nei mesi estivi, è dove è più sensibile.

condizioni del terreno

Una delle opzioni principali che dobbiamo cercare prima di effettuare il trapianto di magnolia è quella di avere un terreno sciolto con un buon drenaggio.

Molte delle malattie fungine che attaccano la Magnolia grandiflora  devono la loro origine a situazioni di elevata umidità del terreno. E questo non è sempre causato da noi. Le piogge frequenti fanno sì che il terreno, se è pesante, immagazzini umidità per lungo tempo, anche al di sopra della capacità nota del campo.

Le sue radici, quindi, soffrono molto.

Sulla buca, aggiungeremo materia organica o compost ben decomposto, che mescoleremo bene con il terreno. Ciò migliorerà notevolmente il drenaggio, conserverà l’umidità ma senza ristagni d’acqua.

Inoltre faciliterà l’adattamento al trapianto e darà i primi nutrienti alle nuove radici.

Irrigazione e concimazione

La programmazione dell’irrigazione dovrebbe essere eseguita in base all’esperienza precedente e adattare le dosi che ti offriremo di seguito.

Irrigazione del trapianto:

L’irrigazione del trapianto di un giovane esemplare di Magnolia grandiflora  deve essere generosa, poiché in questo modo migliora la flocculazione delle argille e stimola l’emergere di giovani radici.

Portare tra 8 e 10 L per pianta, ben distribuiti nella buca.

Irrigazione in autunno e inverno: 

In inverno il suo sviluppo praticamente si ferma, ma poiché ha ancora le foglie, è necessario mantenere un livello di umidità basso ma continuo.

Nei periodi non piovosi è sufficiente 1 annaffiatura a settimana. Esemplari giovani tra 5 e 10 L/irrigazione e 20 L/irrigazione per quelli grandi.

Con la pioggia annullate i rischi esterni da noi forniti.

Irrigazione in primavera ed estate:

In estate, con l’aumento delle temperature, è necessario aumentare la quantità di acqua fornita e, soprattutto, la sua frequenza.

Irrigazione 3 volte a settimana, 5 L/irrigazione per giovani esemplari. 10-20 L/irrigazione per adulti.

Molti esemplari adulti in città o giardini sono appena pagati e sono in perfette condizioni.

Tuttavia, le specie appena installate nel nostro giardino potrebbero aver bisogno del nostro aiuto nei primi anni per incoraggiare il loro sviluppo e ottenere una fioritura spettacolare.

Il fertilizzante alla magnolia può essere distribuito in due applicazioni: all’inizio dello sviluppo vegetativo e prima della fioritura.

Concime consigliato per l’inizio vegetativo:

Quando vediamo emergere i primi germogli e le parti verdi, è tempo di stimolarne lo sviluppo e dare energia alla pianta.

Consigliamo un fertilizzante ricco di azoto e con micronutrienti. NPK 20-5-10 (3Mg) e micronutrienti.

  • Quantità di fertilizzante per la giovane magnolia: da 100 a 200 grammi intorno al tronco.
  • Quantità di fertilizzante per magnolia adulta: da 800 a 1200 grammi intorno al tronco.

Concime consigliato per la fioritura:

Quando vediamo il germoglio gonfio, sta per uscire la fioritura e con le parti bianche già differenziate, è il momento di aggiungere al terreno un concime granulare o liquido. Quest’ultimo insieme all’acqua di irrigazione.

A questo punto diamo importanza al fosforo e al potassio, importanti nel processo di differenziazione cellulare e per stimolare la produzione di semi nei frutti.

Consigliamo un fertilizzante ricco di azoto e con micronutrienti. NPK 12-8-16 con micronutrienti.

moltiplicazione della magnolia

La moltiplicazione della magnolia è considerata un’operazione complicata, perché è necessario stratificare i suoi semi per ottenere la sua germinazione, e anche così è molto lenta.

Ci sono più opzioni, come il taglio delle talee, in cui discuteremo i passaggi principali per avere successo nell’operazione.

Se vogliamo saltare questo passaggio, ci sono esemplari giovani per un prezzo compreso tra 20 e 30 €.

moltiplicazione per semi

Una volta che ha prodotto i suoi frutti, ne scegliamo i semi rossi, li puliamo e li facciamo asciugare. È importante non lasciarli in un luogo asciutto (contrariamente alle raccomandazioni di molti altri semi).

O vengono piantate subito dopo la raccolta, in un substrato sempre umido (consigliamo la fibra di cocco) al chiuso, oppure sono stratificate a freddo. Per fare questo, strofinando, cerchiamo di rimuovere la capsula rossa che impedisce loro di germogliare in quel momento. È un processo delicato in cui dovremo stare molto attenti.

Quest’ultima operazione consiste nel conservare i semi di Magnolia grandiflora  in frigorifero per un periodo da 60 a 90 giorni, con una temperatura media di 4 ºC.

Da qui si semina nelle condizioni precedenti, rimuovendo la capsula rossa prima della semina.

talee

Il processo di moltiplicazione della magnolia per talea è alquanto più semplice che per seme, ma è anche piuttosto delicato.

Le migliori talee di magnolia vengono selezionate in primavera (dopo il germogliamento) e piantate in un substrato accuratamente inumidito con ormoni radicanti. È importante nebulizzare la parte aerea per stimolare la germinazione con uno spruzzatore.

È un processo delicato e attento che non sempre porta frutti, quindi consigliamo la pazienza.

Per saperne di più: acquista ormoni radicanti.

Piaghe e malattie

Non è molto comune che le diverse specie di magnolia subiscano attacchi di parassiti e malattie, a meno che non siano specie solitarie e non abbiano altri insetti a cui rivolgersi.

La morfologia delle sue foglie non lo rende attraente per molti parassiti, sebbene possa soccombere all’installazione di afidi su nuovi germogli e cocciniglie cotonose.

Per quanto riguarda le malattie, il fungo dell’oidio nei momenti di bassa umidità può depositarsi sulla parte superiore delle sue foglie, formando una polvere biancastra che deve essere trattata con zolfo o fungicidi.

Potature e tagli

Si sconsiglia di potare la Magnolia grandiflora  perché, a causa della sua crescita lenta, è abbastanza difficile che guarisca. Sarà effettuato solo fintanto che c’è un ramo danneggiato, colpito da un parassita o una malattia o è incrociato e colpisce la formazione dell’albero.

In questo caso, dobbiamo sigillare i tagli con pasta cicatrizzante per favorire la guarigione.

Magnolia grandiflora in crescita in vaso

La coltivazione della magnolia si può adattare al vaso nei primi anni di vita. Possiamo acquistare esemplari alti 1 metro che possono vivere perfettamente nel loro contenitore da 30 o 40 cm per molti anni, prima del trapianto.

Bisogna prestare molta attenzione all’irrigazione, perché nella coltivazione in vaso si tende solitamente ad esagerare con l’acqua fornita. Seguire l’esempio della frequenza di irrigazione indicata e dimezzare la dose quasi.

Per quanto riguarda il concime, possiamo utilizzare concime granulare a lenta cessione o concime liquido che andremo ad aggiungere con l’acqua di irrigazione. In questo caso, la quantità prevista per i giovani esemplari coltivati ​​in vaso va dai 200 ai 300 grammi di NPK 12-8-16 ogni mese.

Altri tipi di magnolie

magnolia soulangiana

È conosciuta come la magnolia cinese ed emana una fioritura rosata molto attraente. Il suo nome alternativo è tulipano, perché la forma dei suoi fiori è molto simile a detto fiore.

Segue praticamente le stesse cure della Magnolia grandiflora  in termini di fabbisogno idrico, clima, tipo di terreno e abbonato.

magnolia soulangiana

magnolia liliflora

Arbusto di dimensioni ridotte, con fioritura simile a M. soulangeana,  ma con toni più biancastri. È di piccole dimensioni e di origine asiatica, divisa tra Cina e Giappone.

È anche comunemente noto come magnolia giapponese.

magnolia spogliata

Conosciuta come magnolia di Yulán, la sua origine è cinese e la sua storia è legata ai buddisti dal 600 a.C. C. È il fiore ufficiale della città di Shanghai.

Ha un portamento più alto rispetto alle altre varietà di magnolia citate (può superare i 10 metri di altezza), e la sua fioritura è prettamente bianca.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.