Suggerimenti

Mimosa tenuiflora (Jurema): arbusto con proprietà medicinali

All’interno della denominazione dei nomi scientifici possiamo trovare dei sinonimi, come nel caso di questa pianta. Il suo nome scientifico può essere rappresentato come Mimosa tenuiflora o

Mimosa Hostilis,  anche se come nome comune in molte zone è conosciuta come Jurema. Questo arbusto, al quale sono state attribuite proprietà medicinali (e psicotrope), è una pianta molto interessante del Sud e Centro America.

Questo articolo è dedicato a questa specie del genere Mimosa  con caratteristiche interessanti nel mondo dell’agronomia, della chimica e della farmacologia.

Principali caratteristiche della Mimosa Hostilis

L’ arbusto Mimosa Hostilis  si trova regolarmente nelle zone calde dell’America centrale e meridionale. Appartiene alla famiglia delle Fabaceae (fabaceae) con spine sul tronco, ma legno molto pregiato.

Supera facilmente il metro di altezza, e nei primi anni può essere coltivata in vaso, con buon sviluppo e crescita. La sua origine si trova in Nicaragua, si trova nelle foreste e nei gruppi di boschetti.

Non necessita di umidità per il suo sviluppo, motivo per cui si trova principalmente in zone semiaride, pinete e aree aperte.

In Messico, è il luogo in cui le parti di Mimosa tenuiflora  sono state utilizzate maggiormente per scopi medicinali, in particolare per la guarigione e la guarigione di ferite o ustioni, nonché per alleviare i problemi legati allo stomaco e alla cattiva digestione.

tassonomia

  • Famiglia:  Fabaceae
  • Genere: Mimose
  • Specie: Mimosa tenuiflora  o Mimosa Hostilis

L’altezza media della pianta è di 4 metri. Partendo dai semi, dopo qualche anno superano l’anno di altezza e possono crescere, in rare occasioni, fino a 8 metri.

Coltivazione e cure principali

Climatologia

La Mimosa Hostilis  può svilupparsi in una vasta gamma di ambienti, anche se preferisce le zone calde e semi-aride situate nel Centro e Sud America.

Per quanto riguarda l’irrigazione e l’umidità, tollera condizioni di siccità.

Predilige ambienti aperti con buona ventilazione, zone ombreggiate o sole diretto, ma con bassa umidità ambientale (tipica delle zone semiaride).

Il suo apparato radicale è molto ben formato e gli consente di andare più in profondità alla ricerca di aree con una maggiore concentrazione di umidità.

tipo di suolo

Si sviluppa in aree moderatamente fertili, terreni argillosi con buon drenaggio e presenza di sostanza organica. Poiché appartiene alla famiglia delle leguminose, svolge simbiosi con il genere Rhizobium, potendo trasformare l’azoto atmosferico per donarlo alla pianta in cambio di altre risorse (zuccheri ed essudati di fotosintesi).

Questo arbusto è molto resistente e ha la capacità di adattarsi a diversi ambienti. Non consuma molte risorse né è necessario utilizzare fertilizzanti.

seminare i semi

Il modo più comodo di moltiplicazione è attraverso i semi, che devono ricevere un trattamento idrico e termico per facilitarne la germinazione.

Per fare questo, vengono messi a bagno in acqua calda e lasciati per una notte prima di piantarli in un semenzaio il giorno successivo. Germinano dopo 2 settimane e crescono rapidamente in un substrato di qualità con umidità costante.

Il modo più efficace (ma più scomodo) per ottenere semi con un’elevata capacità di germinazione è attraverso la scarificazione meccanica.

  1. I semi di Mimosa tenuiflora vengono lavati in acqua distillata.
  2. Con una lima per unghie, liminiamo o scarifichiamo per rimuovere lo strato ceroso che circonda i semi.
  3. Scaldare l’acqua a 70ºC, togliere dal fuoco e mettere a bagno i semi per 2 ore.
  4. Quando i semi sono freddi, li seminiamo in un contenitore con substrato umido e li poniamo in una zona con temperature stabili, in un luogo ombreggiato e senza accesso alla luce solare.

Con questa tecnica, in media inizieranno a germogliare dal 3° o 4° giorno, a patto di mantenere una temperatura stabile tra 25 e 28 ºC.

Potenziale medicinale di Mimosa tenuiflora

Abbiamo già commentato in precedenza che la corteccia di questo arbusto era molto apprezzata nel mercato erboristico e nelle piante con proprietà, soprattutto in Messico.

La medicina tradizionale messicana ha utilizzato la corteccia principalmente per la sua azione curativa. Oggi possiamo vedere i suoi composti presenti in molte creme dermatologiche e prodotti farmaceutici.

L’ estratto secco di corteccia di Mimosa tenuiflora  alla concentrazione del 5% si è dimostrato efficace nel trattamento delle ulcere venose. Per quanto riguarda il trattamento delle ferite, l’applicazione topica di detto estratto sulla pelle per 60 giorni ha favorito la guarigione e la guarigione che è del 92% più efficace rispetto al placebo.

Da dove vengono queste proprietà curative di Jurema?

I test scientifici effettuati attribuiscono il suo potere curativo alla presenza di mimonosidi che favoriscono la rigenerazione cellulare. Troviamo anche i seguenti componenti:

  • eterosidi di fitosteroli,
  • Mono e bidesmosidi dell’acido elanolico
  • Acido maquerinico: mimonoside AC (un tipo di saponoside).

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.