Suggerimenti

Come piantare crisantemi nel tuo giardino: [Guida + trucchi essenziali]

 Crisantemo (crisantemo) È uno dei fiori più belli e apprezzati del pianeta, un posto d’onore che condivide con le rose .

Sono originari della regione eurasiatica . Esistono più di 9 varietà a seconda del tipo e della disposizione:  fiori molto aromatici , a disco o striati  , fiori ricurvi, riflettenti, intermedi, anemoni tardivi, singoli, pompon.

Lo sapevate…
È venerato con fervore in Giappone, essendo stato introdotto nel 400 d.C. dai monaci buddisti. E poi gli imperatori li resero popolari chiamando i loro troni Crisantemo.

 La pianta non supera 1,5 metri di altezza. I suoi fiori hanno varie forme e dimensioni . Vengono in pompon, bottoni, margherite o decorativi e in colori intensi come fucsia, rosso, giallo e bianco , questi ultimi sono i più utilizzati nei servizi funebri.

Inoltre, è una pianta antizanzare !

Punti importanti quando si piantano i crisantemi
  • Quando seminare? In qualsiasi periodo dell’anno.
  • Dove farlo? In luoghi caldi, con temperature miti tra 13 e 18 º C.
  • Bisogno di luce solare? Se molti. Più luce possibile. Ma il sole diretto non è raccomandato.
  • Come preparare il terreno? Deve essere ricco di sostanza organica e di un pH equilibrato .
  • Fecondazione? Necessario. Sono esigenti, soprattutto all’inizio. Mantenere il terreno con un buon apporto di azoto .
  • Come innaffiamo? Hanno bisogno di annaffiature costanti. 2 o 3 volte a settimana. Irrigazione a goccia ideale.
  • Quali associazioni ti favoriscono? Con Dalie e Gigli può essere abbinato nei prati.
  • Di quali parassiti e malattie soffre? Sono molto sensibili a funghi, malattie fungine e parassiti come afidi, tripidi e minatori fogliari.

Quando seminare i crisantemi?

Coltivazione di crisantemi  si può fare in qualsiasi periodo dell’anno, perché nessuna stazione gli appartiene. Ammettono qualsiasi tipo di terreno e tempo soleggiato per una crescita ottimale. 

Richiedono di vivere a temperature miti tra i 13 ei 18ºC . Non sopportano il caldo, quindi se hai dei crisantemi in casa , dovrebbero essere in zone fresche e ben ventilate.

Dove piantare i crisantemi?

In giardini caldi con terreni fertili, ben preparati con un buon materiale organico e un migliore drenaggio, i crisantemi fioriranno rapidamente.

E possiamo anche creare un posto speciale per i crisantemi nel nostro giardino . Ad esempio, in una zona di palme ricoperta di ghiaia .

Trattandosi di un angolo semi-ombra , possiamo riservare e pulire uno spazio in quest’area per dargli colore con l’aiuto di pompon di crisantemi multicolori .

Devono essere al riparo da correnti d’aria e il substrato deve essere umido.

 Anche i crisantemi non possono essere esposti al sole diretto, in quanto ciò potrebbe bruciare la pianta . Se stiamo rimuovendo i fiori appassiti si favorirà la continua fioritura della pianta. Fioriscono in due periodi dell’anno: inverno e primavera /estate.

Lo sapevate…
Il colore dei crisantemi originali era l’oro. E i greci lo chiamavano “Chrys” che significa che: oro. E “anthemon”, che significa fiore.

Come preparare il terreno per la coltivazione dei crisantemi?

Il substrato che servirà da cibo deve contenere a pH equilibrato, che è compreso tra 5,5 e 6,5. 

Il terreno deve essere permeabile, poroso e ricco di sostanze nutritive.

Come innaffiamo i crisantemi?

La pianta del crisantemo ha bisogno di essere annaffiata continuamente , perché il substrato deve essere sempre inumidito per evitare che i fiori appassiscano . Questi possono durare fino a due mesi se spruzzati spesso.

I giardinieri esperti raccomandano di annaffiare solo al mattino e prima che il sole sorga in tutto il suo splendore. Due o tre volte alla settimana è una frequenza di irrigazione più che sufficiente.

In estate è necessario aumentare l’irrigazione e la concimazione che generalmente è consigliabile eseguire ogni 15 giorni.

Deve concimare quando la pianta è quasi pronta a fiorire , ma questa attività deve cessare dopo la comparsa dei boccioli fiorali . Succede in autunno .

Come seminare i crisantemi passo dopo passo?

Il successo della coltivazione dipenderà da determinate esigenze fisiche e ambientali.

I suoi semi dovrebbero essere piantati in zone a bassa piovosità nella stagione delle piogge . Si propaga facilmente per talea , divisione delle radici e per seme.

Moltiplicazione per talea

Moltiplicazione per talea : va sempre utilizzata per creare nuovi germogli con le talee tagliate a circa 8 cm , oppure separando le radici della pianta.

Questo processo dovrebbe  essere fatto nel terzo anno di vita della pianta, Utilizzare un compost ricco di sostanze nutritive in modo che la talea o lo stelo attecchiscano molto bene e i fiori sboccino dopo il ciclo di crescita naturale.

Dai semi

Semi: dovrebbero essere piantati in zone a bassa piovosità nella stagione delle piogge.

A volte i semi possono anche essere seminati direttamente in loco e le piantine si assottigliano dopo la germinazione. Questi devono essere conservati prima, per diverse settimane consecutive , in un luogo asciutto, fino al termine del periodo invernale.

in vaso

In vaso: sono i luoghi ideali per la coltivazione in piccoli spazi, su balconi o giardini di poche proporzioni.   

Possono essere utilizzati anche come centrotavola per tavoli.

Durano a lungo se tenuti con il terriccio inumidito e con un fertilizzante ricco di sostanze nutritive che va gettato con una certa regolarità nel vaso.

I crisantemi sono in grado di fiorire circa 3 mesi dopo la germinazione, a condizione che siano ben curati.

Quali associazioni favorevoli ha?

I crisantemi sono fiori autunnali , periodo dell’anno in cui raggiungono uno splendore di vari colori in una vasta gamma che va dal bianco, dai toni giallastri al rossiccio e al rosa. 

Sono spettacolari per il giardino, combinandoli con altre specie autunnali   come dalie e margherite.

L’autunno ci regala i colori arancioni , gialli e rossi.

Che siano in vasi posti all’ingresso di casa o ai   bordi del vialetto e in giardino, questi accostamenti di fiori rallegreranno l’anima.

 Si abbinano molto bene a dalie e gigli, la formazione di aiuole in erba prati .

Quali varietà di crisantemo esistono?

Queste sono alcune delle varietà più conosciute di crisantemi:

  • C. Corn segetum Corn Calendula o Cornaisy : è una pianta ideale da coltivare in un prato di fiori di campo.
  • c . Carinatum Tricolor Daisy : i suoi fiori sono coltivati ​​come se fossero felci e le foglie vengono mangiate aiuole.
  • C Coronarium Crown Daisy: usato per curare le malattie veneree.

Il crisantemo è eccellente come pianta tappezzante o da bordura poiché il fogliame è attraente e rimane verde tutto l’anno.

Lo sapevate…
I petali del fiore di crisantemo di Alecost sono usati per fare conserve e le sue foglie come aromi nelle zuppe.

Esiste anche un’altra categorizzazione che fa riferimento a 4 esemplari di crisantemi ampiamente diffusi nel mondo: il crisantemo olandese; il crisantemo palla; crisantemo indicum e crisantemi doppi.

Anche il tè al crisantemo è molto conosciuto e rilassante.

Quali parassiti e malattie ha il crisantemo?

I crisantemi sono molto sensibili agli afidi , alle macchie fogliari e ai nematodi fogliari , quindi è necessario stabilire un programma di prevenzione di insetti e parassiti per evitare danni irreparabili alla pianta;  come la ruggine bianca.

 Le malattie più comuni sono le malattie fungine, come la ruggine bianca prodotta da Puccinia horiana , che provoca piccole protuberanze sulle foglie di colore biancastro nella pagina inferiore delle foglie.

Un’altra comune è la malattia chiamata verticillosi o avvizzimento fogliare , che provoca l’ingiallimento e l’appassimento delle foglie di crisantemo, proseguendo verso i rami, fino a farle cadere a terra . È prodotto dal fungo Verticillium , che può uccidere la pianta, perché rimane nel terreno e ne contamina le radici.

Tra i parassiti più comuni abbiamo il nematode, i minatori fogliari, gli afidi e i tripidi . Tutti producono danni alle foglie, affettazione o diminuzione della fioritura.

.

Lo sapevate…
I crisantemi sono una pianta commestibile . Usato come elemento in diverse insalate.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *