Suggerimenti

Sambuco: proprietà, usi medicinali e controindicazioni di questa pianta medicinale

Sovrappeso, mal di testa, influenza, sinusite …. Il sambuco è una pianta utilizzata da secoli nella medicina popolare e il suo uso è ben documentato per alleviare decine di disturbi. Vuoi saperne di più su questa meravigliosa pianta?

Vi raccontiamo tutto sul sambuco: la sua storia, i suoi componenti, le proprietà medicinali e come utilizzarlo e quali possono essere le sue possibili controindicazioni.

Cos’è il sambuco?

Il sambuco o canillero ( Sambucus nigra L.) è una specie originaria dell’Europa, dell’Africa nordoccidentale e dell’Asia sudoccidentale. Si trova naturalmente nelle foreste umide, associata a boschetti spinosi di latifoglie, ma è ampiamente coltivato in tutto il mondo.

Secondo la classificazione tassonomica, il nome del genere deriva dal termine sambuca , nome di un antico strumento musicale utilizzato dai romani e realizzato con il legno di questa specie.

Il sambuco viene coltivato principalmente come ornamentale e per l’utilizzo dei suoi frutti, sia freschi che nella produzione di confetture, sciroppi e vini .

Nei frutteti e nelle coltivazioni è una pianta molto utilizzata per fornire tenue ombra e per respingere i parassiti di topi e talpe, mentre con le foglie si possono preparare infusi per respingere afidi e bruchi spruzzandolo sulle piante.

L’ uso medicinale documentato del sambuco risale al VI secolo in Galles, tuttavia si ritiene che sia stato utilizzato molto prima. Nel XVIII secolo , l’acqua di sambuco veniva usata come candeggina per la pelle e per rimuovere le lentiggini, e nel 1651 fu pubblicato un trattato che elencava fino a 70 malattie che possono essere curate con ricette a base di sambuco .

Proprietà e valore nutritivo del sambuco

Tra le sostanze costituenti del sambuco ci sono oli volatili e fitosteroli, mucillagini, tannini, vitamine A e C, glicosidi, cianogeni, acido viburnico, alcaloidi.

I frutti di Sambucus nigra L. contengono circa l’80% di acqua e composti di grande interesse nutrizionale , sostanze bioattive come composti fenolici, flavonoidi e vitamine.

Freschi, in marmellata o essiccati, sono lassativi e ricchi di vitamina C con una certa quantità di vitamina A , motivo per cui sono solitamente consigliati nelle diete dimagranti.

I fiori hanno principi attivi come acido ascorbico, sitosterolo, rutina e sambunigrina. Hanno proprietà antitosse, emollienti e leggermente lassative . Il nitrato di potassio, insieme agli acidi ursolico e oleanolico, gli conferiscono proprietà diuretiche, sudoripare e depurative .

Il contenuto di glicosidi, flavonoidi (rutina e quercetina) e acidi organici, ha proprietà antinfiammatorie, stimolanti delle difese e antiossidanti .

Benefici e come assumere il sambuco

I falvonoidi antociani contenuti nei frutti hanno un’importante azione antiossidante e immunologica.

Riduce l’eccessiva secrezione di muco nei seni con sinusite causata da batteri. L’influenza ha proprietà e può alleviare sintomi simili all’influenza , stanchezza, mal di testa , mal di gola , tosse e dolore generalizzato.

Tuttavia, l’uso dei frutti per il trattamento medicinale non è indicato dall’Agenzia medica europea (EMA), sebbene lo sia l’uso dei fiori.

I fiori vengono utilizzati per preparare infusi con cui si curano la tosse ei primi sintomi del raffreddore . I gargarismi possono essere fatti per l’infiammazione delle tonsille, guarire le ulcere della bocca, l’irritazione della gola e le gengive gonfie.

Per il trattamento dei primi sintomi del raffreddore, l’EMA consiglia di trattare con una tisana da 2 a 5 grammi di erbe in 150 ml di acqua bollente tre volte al giorno, oppure, aumentando con il decotto di 3-6 g di erbe in 200 ml di acqua suddivisi in due singole dosi giornaliere.

Se i sintomi del raffreddore persistono o peggiorano dopo una settimana di infusione di sambuco , questo trattamento deve essere interrotto e deve essere consultato un medico.

Tisana: da 2 a 5 g di sostanza vegetale o sostanza vegetale frantumata in 150 ml di acqua bollente come infuso di erbe tre volte al giorno.

Nell’uso tradizionale del sambuco, invece, il decotto delle foglie viene utilizzato per contusioni, contusioni, distorsioni, scottature, infiammazioni, scottature, eczemi, foruncoli ed emorroidi . Per la congiuntivite è usato in impacchi e colliri.

Nelle preparazioni in crema o unguento, si usa sulla pelle per i geloni e per la sua azione antireumatica .

Sono stati registrati anche molteplici usi, come lassativo, diuretico, diaforetico, per febbre, condizioni reumatiche, migliora le funzioni cognitive (apprendimento, linguaggio, memoria, attenzione, ecc.), è analgesico, con effetti sedativi, per dolori dentali, nevralgie, protegge il sistema nervoso e si prende cura del fegato .

Per sfruttare le virtù terapeutiche del sambuco senza il pericolo di ingerire tracce di pesticidi, ti consigliamo di optare per il sambuco ecologico , senza dubbio l’opzione migliore per la tua salute e la tua natura.

Controindicazioni al sambuco

Il consumo di frutti verdi, il consumo diretto della corteccia o delle foglie produce, da nausea e vomito, a gravi avvelenamenti dovuti alla presenza di lectine (nigrina ed ebulina), oltre che di ricina, proteine ​​molto tossiche.

Sebbene il trattamento termico elimini la tossicità, si raccomanda la particolare precauzione di mangiare i frutti solo quando sono completamente maturi, e si considera che i semi possono causare indigestione, quindi si raccomanda moderazione.

È preferibile consumare i frutti in confettura e lasciare asciugare i fiori prima di effettuare i preparativi per il trattamento con infusi o decotti.

Secondo le monografie EMA, il consumo del frutto può interferire con farmaci immunosoppressori e corticosteroidi, a causa della sua possibile attività immunostimolante.

Il suo uso non è raccomandato durante la gravidanza e l’allattamento, così come nei bambini di età inferiore ai 12 anni.

Bibliografia consultata

  • “Caratterizzazione chimico-fisica e tossicologica delle lectine antinutrizionali ebulin f e SELfd da frutti di Sambucus ebulus “, Jesús Tejero del Río. Università di Valladolid. 2012.
  • “Caratteristiche, gestione, usi e benefici del sambuco ( Sambucus nigra ) con particolare attenzione alla sua implementazione nei sistemi silvopastorali degli Alti Tropici”, Beatriz Milena Grajales Atehortúa, María Magdalena Botero Galvis e Juan Fernando Ramírez Quirama. Pontificia Università Cattolica del Cile e Università Nazionale Aperta ea Distanza di Medellín, Colombia.
  • “Interazioni tra preparati vegetali e droghe sintetiche: rassegna delle monografie EMA ed ESCOP”, Bernat Vanaclocha, Ester Risco e Salvador Cañigueral. Università di Barcellona. 2014
  • “Caratterizzazione farmaco-tossicologica della pianta medicinale Sambucus nigra canadensis (L) R. Bolli”, Oneyda Clapé Laffita e Alfredo Alfonso Castillo. Rivista cubana di farmacia. 2011.
  • “Relazione di valutazione su Sambucus nigra , fructus”, Comitato per i medicinali a base di erbe (HMPC), Agenzia europea per i medicinali. 2012
  • “Relazione di valutazione su Sambucus nigra flos”, Comitato per i medicinali a base di erbe (HMPC), Agenzia europea per i medicinali. 2016
  • “Monografia erboristica dell’Unione europea su Sambucus nigra , flos”, Comitato per i medicinali a base di erbe (HMPC), Agenzia europea per i medicinali. 2016

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *