Suggerimenti

Come e quando potare gli alberi da frutto

La potatura degli alberi da frutto ha le sue differenze rispetto alla potatura degli alberi convenzionali in giardino. Ciò è dovuto al fatto che l’obiettivo della potatura di questi alberi è ottenere frutti di buona qualità, quindi è necessario evitare la fuoriuscita di frutti piccoli e di scarsa qualità, tenendo presente che se la potatura è eccessiva si può danneggiare l’albero produzione. Per questo bisogna cercare l’esatto equilibrio tra crescita e produzione.

In questo articolo di Green Ecology parleremo di come e quando potare gli alberi da frutto.

Come potare gli alberi da frutto

È conveniente potare e guidare alberi da frutto fin da giovani, poiché farlo da più grandi richiede più impegno, tempo e strumenti, oltre al fatto che è più facile per i giovani esemplari adattarsi a nuove situazioni. Bisogna cercare di ottenere una forma più aperta dei rami, facendoli sviluppare maggiormente verso la larghezza dell’albero, ed eliminare rami verticali e polloni, poiché sono quelli che tolgono vigore all’albero e peggiorano i frutti. È anche possibile orientare quei rami verticali in una posizione più orizzontale, rallentandone il ritmo di crescita e favorendo la formazione di boccioli e frutti.

Quando abbiamo già dato una struttura adeguata al giovane albero da frutto, si può iniziare la potatura. La potatura viene effettuata ogni anno e il legno improduttivo deve essere rimosso, mantenendolo di dimensioni adeguate, in modo da aumentare la quantità di luce che riceve il resto dei rami. Con la potatura annuale manteniamo il legno produttivo e fruttuoso e facciamo in modo che l’albero si sviluppi sano e vigoroso. Una volta che l’albero inizia a dare i suoi frutti, la sua crescita rallenterà e avrà anche bisogno di potatura. Quando si esegue la potatura, l’albero stesso si adatta al cambiamento e la sua risposta dipende dal luogo del taglio. Per sapere come potare un albero da frutto, bisogna tenere conto del tipo di potatura che si fa, poiché da essa dipenderà la quantità che verrà diradata e a che punto dei rami tagliare.

  • Diradamento: il diradamento dell’albero rimuove alcuni rami e fa sì che altri rami acquisiscano l’energia rimanente e crescano più vigorosamente.
  • Intestazioni: Le intestazioni consistono nel lasciare più gemme sui rami e che questi generino una crescita più compatta, ramificata e densa.

Normalmente viene tagliato sopra le gemme, come vedremo di seguito, a seconda del tipo di gemma tagliata, si ottiene un effetto o un altro nella crescita dell’albero da frutto e nella sua produzione.

Le parti di un albero da frutto

Comprendere le parti di un albero da frutto aiuta con una potatura adeguata. Devi trovare un equilibrio tra frutta e foglie per ottenere una buona potatura. Per lo sviluppo di frutti di qualità sono sufficienti circa quaranta foglie, quindi dobbiamo tenere conto del numero di boccioli di fiori quando si raggiunge questo equilibrio. Inoltre, conoscere queste parti e a cosa servono ti aiuterà a sapere meglio come prenderti cura degli alberi da frutto. Queste sono le diverse parti di questi tipi di alberi:

  • Gemma terminale: la gemma terminale è la gemma più spessa all’estremità del ramo. Questa cima cresce a un ritmo più veloce e si forma vigorosamente. Quando lo si taglia, si provoca l’attivazione delle gemme che si trovano dietro.
  • Gemme del fogliame: le gemme del fogliame sono gemme piatte e triangolari che si trovano ai lati dei rami. Se tagliamo appena sopra, queste cime si attiveranno e i rami produrranno foglie.
  • Boccioli di fiori: sono boccioli grassi che si gonfiano all’inizio della primavera. Questi boccioli formeranno i fiori.
  • Dardi: sono piccoli rami con boccioli di fiori che si sviluppano sui rami più vecchi. Questi rami devono essere conservati, in quanto garantiscono una fruttificazione annuale.
  • Cicatrice stagionale: è l’anello che si forma sul ramo e segnala l’inizio di un periodo di crescita dopo un periodo di riposo.

Quando si effettua la potatura degli alberi da frutto?

Dopo il periodo di riposo o di dormienza, a fine inverno e poco prima del periodo primaverile del germogliamento, è il momento giusto per potare. Inoltre, se lo facciamo in questo momento, le ferite causate dalla potatura guariranno meglio e più velocemente. Possiamo anche ritardare la potatura fino a una settimana dopo la fioritura dell’albero, con danni minimi alla pianta.

Inoltre, possiamo effettuare una piccola potatura durante l’estate e l’autunno e pizzicheremo i germogli più vigorosi, per favorire la comparsa di rami laterali più vigorosi che hanno boccioli di fiori.

Per ridurre il vigore di alcuni alberi da frutto, quando si sviluppano troppo, possiamo farlo all’inizio o alla metà di agosto. Se vogliamo che i frutti siano di qualità superiore, elimineremo le foglie che ombreggiano il frutto. Quello che dobbiamo considerare è che la potatura di fine autunno o inizio inverno è la peggiore, poiché in questo caso lasceremo sull’albero delle ferite esposte fino alla fine dell’inverno, che possono causare attacchi fungini e maggiori danni a causa della gelate di questi tempi.

Dopo aver saputo come e quando potare gli alberi da frutto, potresti essere interessato a sapere perché il frutto cade dall’albero.

Se desideri leggere altri articoli simili a Come e quando potare gli alberi da frutto, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.