Suggerimenti

Macronutrienti, micronutrienti e fertilizzanti fatti in casa

Per quelli di noi che vogliono coltivare piante (orticole e ornamentali) in modo ecologico o biologico senza utilizzare prodotti chimici di sintesi che a medio e lungo termine riducono la fertilità del suolo, riducono il vigore delle piante e danneggiano la nostra salute, ci sono opzioni fatte in casa molto efficaci che sono alla nostra portata. In questo caso stiamo parlando di fertilizzanti naturali . Preparare i nostri fertilizzanti organici può essere molto semplice e porta grandi benefici ai nostri frutteti e giardini.

Per cominciare, vedremo cosa sono i macro e i micronutrienti e quali elementi di base possiamo utilizzare per realizzare un fertilizzante fatto in casa per ottenere un buon terreno organico .

Concimi organici

I componenti fondamentali di un buon fertilizzante sono azoto (N), fosforo (P) e potassio (K). Tutti e tre sono nutrienti vitali affinché le nostre piante crescano forti, sviluppino correttamente le radici e producano frutti o fiori di qualità. Si chiamano macronutrienti.

L’azoto stimola la crescita delle foglie.

Il fosforo stimola la crescita delle radici.

Il potassio stimola lo sviluppo di fiori e frutti.

Micronutrienti

Proprio come noi che abbiamo bisogno di vitamine e minerali, anche le piante hanno bisogno di micronutrienti che stimolino e migliorino lo sviluppo delle piante e dei loro frutti. In totale abbiamo circa 13 elementi chimici aggiuntivi che contribuiscono a questa funzione che migliorerà la produttività nel nostro frutteto o giardino.

Pertanto, oltre ai macronutrienti come azoto, fosforo e potassio, le piante necessitano di Calcio (Ca), Magnesio (Mg), Zolfo (S). Durante la fotosintesi, le piante usano la luce solare per trasformare l’acqua e l’anidride carbonica in idrogeno (H), ossigeno (O) e carbonio (C), tre nutrienti non minerali che le piante trasformano in “cibo”. Boro (B), Rame (Cu), Ferro (Fe), Cloruro (Cl), Manganese (Mn), Molibdeno (Mo) e Zinco (Zn) sono micronutrienti necessari alle piante e che ottengono dalla terra attraverso le sue radici.

Quali microminerali devi incorporare nel terreno del tuo giardino o giardino dipenderà dal tipo di terreno. Per darti un’idea e per applicare queste informazioni in modo pratico, tieni presente che i terreni con un pH basso tendono a mancare di azoto, potassio, fosforo, calcio, magnesio e zolfo. Mentre se il pH è alto, generalmente mancano boro, rame, ferro. cloro, manganese, molibdeno e zinco. I terreni neutri, con un pH compreso tra 6 e 6,5, contengono normalmente adeguate quantità di nutrienti (sia macro che micro).

Concimazione delle piante di pomodoro

Pomodoro o piante di pomodoro sono sempre presenti negli orti urbani e non possono mancare in nessun orto. Queste piante amano il calcio. Inoltre, hanno bisogno di più azoto nelle prime fasi per evitare un eccessivo sviluppo delle foglie che limiterà la fioritura e la formazione dei frutti. Nelle fasi successive dovremo fornire più fosforo e potassio e pochissimo azoto.

Anche le piante di pomodoro amano il magnesio, infatti i pomodori escono con un sapore più dolce quando li integriamo con questo microminerale.

Concimi fatti in casa per l’orto e il giardino

Possiamo sfruttare e utilizzare i rifiuti domestici o del giardino per preparare fertilizzanti. In effetti, ci sono alcuni scarti domestici molto comuni che possiamo usare per fertilizzare.

La feccia del caffè può essere riutilizzata. Mescolali con il terreno per aggiungere azoto. Inoltre, non modificano il pH del terreno. I fondi di caffè sono ottimi per alcune piante in particolare, come rose, azalee e ortensie.

I gusci delle uova contengono calcio per il 96%. Se usati come fertilizzante, aiutano a rafforzare la struttura cellulare delle piante e favoriscono anche il trasporto dei nutrienti nelle piante.

Unisciti ad altri giardinieri che stanno già godendo dei loro orti biologici con l’aiuto del nostro libro “Orti urbani e aiuole” in cui troverai molte informazioni utili sull’orto biologico urbano, prendile ora!

È inoltre possibile usufruire dell’acqua nelle vasche dei pesci . Soprattutto se ci sono piante nell’acquario, quest’acqua sarà ricca di azoto e altri nutrienti che possono migliorare la salute del nostro frutteto o giardino. Quindi la prossima volta che cambi l’acqua nel serbatoio invece di buttarla via puoi dargli un secondo utilizzo.

I sali di Epsom contengono due componenti importanti per aiutare le piante a essere in condizioni ottimali. Questi elementi sono il magnesio, che svolge un ruolo fondamentale durante la fotosintesi ed è richiesto dalla pianta per svolgere funzioni enzimatiche. Inoltre, i semi hanno anche bisogno di magnesio per germogliare. E zolfo, che aiuta a svolgere varie funzioni, tra cui la produzione di aminoacidi, la crescita delle radici e la formazione di clorofilla. Inoltre lo zolfo conferisce alle piante delle famiglie delle crocifere (cavoli, broccoli) e delle liliacee (aglio, cipolle) il loro caratteristico sapore.

Usa i sali di Epsom per fertilizzare cipolle, cavoli e broccoli per piante più forti e frutti dal sapore migliore. Usali su pomodori, peperoni e rose per piante più forti con una fioritura più alta. Come fertilizzante generale, i sali di Epsom sono eccellenti e anche un rimedio casalingo molto facile da usare. Mescolare un cucchiaio di sali di Epsom in 4 litri di acqua e applicare spruzzandolo sulla parte aerea, come un fertilizzante fogliare. Applicare una volta ogni due settimane. Possiamo anche cospargere un cucchiaino di sali direttamente intorno alle piantine che abbiamo appena trapiantato dal semenzaio al loro sito definitivo. Ripeti di nuovo quando la pianta prende il suo primo fiore e quando produce i primi frutti. Per le piante in vaso o contenitori, mescolare un cucchiaino di sali di Epsom in due litri d’acqua e utilizzare come acqua di irrigazione.

Per le piante che amano il terreno acido (acidofilo) come azalee, ciclamini, fragole o mirtilli, possiamo usare l’ aceto come fertilizzante per migliorare la biodisponibilità dei nutrienti. Basta mescolare 1 cucchiaino ogni due litri d’acqua e usarla come acqua di irrigazione ogni tre mesi.

Il compost tea può farlo riempiendo un secchio con 2 chili di compost fatto a cui si aggiungeranno 6 litri di acqua. Coprire parzialmente e spostare il contenuto di tanto in tanto durante la giornata. Dopo tre o quattro giorni, filtrare il composto. Rimetti la parte solida nel cumulo di compost o applicala direttamente al terreno in giardino o in giardino. Con il liquido risultante, deve essere diluito nel rapporto di una parte di tè di compost per 10 di acqua. Applicare questa soluzione direttamente sul terreno oppure spruzzare anche sulla parte fogliare della pianta.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *