Suggerimenti

Coltivazione e Cura delle felci

Le felci sono una pianta molto bella quando si tratta di decorare l’interno di un appartamento. Inoltre le felci sono piante che conferiscono una grande freschezza all’ambiente, tuttavia è una famiglia di piante di non facile manutenzione, perché hanno delle caratteristiche fisiche che le rendono molto diverse dalle piante con semi, poiché le felci non avere. In questo articolo di EcologíaVerde, ti diamo alcuni consigli sulla coltivazione e cura delle felci.

Caratteristiche della felce

A differenza di altre piante, le felci sono piante perenni senza semi (Pteridophytes), con foglie grandi (come piume giganti) e sono abitanti naturali del sottobosco. Non avendo semi né fiori, si riproducono per spore o per piantine che crescono sui loro rizomi. Sono fortemente dipendenti dall’umidità per la loro riproduzione, poiché le loro spore hanno bisogno di un’umidità elevata, motivo per cui crescono dove le condizioni ambientali sono umide.

La maggior parte delle felci non supera i 2 metri di altezza, tuttavia le felci arboree (genere Cyathea) possono raggiungere i 15 metri. Le felci epifite possono crescere sui tronchi o sui rami di un albero. Altre felci sono terrestri e si sviluppano in zone umide e su pacciame di humus. Alcuni generi come Davallia, Asplenium o Athyrium sono più facili da coltivare.

Se vuoi saperne di più sulle curiosità e le caratteristiche di queste piante, ti consigliamo di leggere questo altro articolo di EcologíaVerde su Le felci sono piante senza fiori né semi.

Coltivazione e cura delle felci

Si consiglia di coltivare la felce in autunno o in primavera e di preparare bene il terreno per essa. Il substrato deve essere ben aerato e di media consistenza, ad esempio composto da terriccio di erica e poca sabbia. Puoi anche avere un buon pacciame di foglie o un ricco compost da rami sminuzzati. In breve, un substrato leggero e con un buon drenaggio. Al terreno possono essere aggiunti anche microrganismi e funghi micorrizici, per imitare le condizioni del loro substrato naturale.

Qui puoi trovare informazioni specifiche sulla cura della felce elkhorn.

Posizione e umidità adeguate per le felci

Come dicevamo prima, le felci hanno bisogno di ombra e di luce sempre indiretta. L’ideale è posizionare la pianta un po’ distante da una finestra esposta a nord, perché riceve meno luce, oppure verso sud.

Le felci sono piante che necessitano di alti livelli di umidità nell’aria e nell’ambiente. Possiamo ottenere una buona umidità con metodi come mettere la pianta in vasi doppi o mettere un umidificatore nelle vicinanze.

Per utilizzare un vaso doppio, il secondo vaso deve essere più grande del vaso in cui è piantata la felce. Questo dovrebbe essere riempito con muschio e acqua e posizionato sopra l’altra pentola. La parte superiore del vaso in cui è piantato dovrebbe essere ricoperta di terra e muschio. Alcuni giorni dopo la semina, può essere annaffiato per assicurarsi che sia umido.

temperatura per le felci

La temperatura alla quale vengono mantenute le felci dovrebbe essere di circa 20ºC e può scendere sotto i 15ºC, anche se non crescono bene. Questo perché la maggior parte delle felci coltivate in casa provengono da un clima tropicale. Posizionare le felci nei bagni può essere una soluzione, poiché la temperatura e l’umidità sono generalmente più elevate a causa di docce e vasche da bagno. Quindi se hai spazio in questa zona della casa, ti consigliamo di posizionarlo lì.

Ovviamente non è consigliabile posizionarli vicino a impianti di riscaldamento o condizionamento, anche se si tratta di una zona dove si può controllare meglio la temperatura poiché questi sistemi seccano troppo l’ambiente.

Come annaffiare e concimare le felci

È conveniente innaffiare il terriccio della felce, un po’ ogni giorno, ma sempre evitando che si riempia completamente di acqua. L’ideale è anche spruzzare acqua sulla felce con l’aiuto di un diffusore o spray e, se possibile, riutilizzare l’acqua piovana per l’irrigazione e l’irrorazione. Possono essere utilizzate anche soluzioni come l’alcol denaturato, che a sua volta aiuta nella lotta contro i parassiti.

Per quanto riguarda fertilizzanti e fertilizzanti, possono essere applicati dopo sei mesi. La tua applicazione sarà mensile e dovrà essere un fertilizzante specifico per le felci.

Potatura e trapianto di felci

Le felci soffrono anche di alcune malattie, sebbene siano solitamente resistenti e non muoiono, anche se è consigliabile potare o tagliare con forbici preventivamente affilate e disinfettate le parti malate o danneggiate della felce. Se il contagio è per l’intera pianta, dovrebbe essere rimosso in modo che non diffonda la malattia ad altre felci. Inoltre, quando sono presenti parti secche o molto vecchie, è conveniente potare anche queste, cosa che può avvenire in qualsiasi periodo dell’anno.

Non appena la crescita delle felci supera le dimensioni della pianta, è consigliabile trasferirle in un altro vaso. Il tempo necessario per trasferirli dipende da ciascuna specie e anche dallo stato di salute dell’esemplare. Quindi, una felce deve essere trapiantata quando vediamo che lo spazio nel vaso è troppo piccolo o quando vediamo che ci sono problemi con il terreno o il drenaggio.

Qui vi lasciamo un video su questa guida alla cura delle felci.

Se desideri leggere altri articoli simili a Coltivazione e cura delle felci, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.