Suggerimenti

10 semplici regole per coltivare i pomodori migliori

Coltivati ​​nell’orto di casa o nel giardino del paese, o anche sul balcone, i pomodori ci danno il meglio di sé quando sono maturati al sole sulla pianta stessa.

Segui questi semplici consigli per coltivare pomodori biologici o biologici , e oltre a goderti il ​​loro sapore in insalate, salse e altri piatti, mangerai sano.

1.- Scegli un luogo soleggiato e arioso

Sia in un giardino in vaso che in campo, le piante di pomodoro dovrebbero essere in un punto in cui ricevono tra le 6 e le 10 ore di sole. Inoltre, è necessario lasciare uno spazio sufficiente tra pianta e pianta in modo che l’aria possa circolare correttamente.

2.- Rotazione delle colture

Le rotazioni delle colture riducono al minimo gli attacchi dei parassiti e l’insorgenza di malattie. Facciamo anche un uso migliore delle sostanze nutritive della terra.

Puoi seminare o piantare pomodori dove hai precedentemente coltivato lattuga, indivia, bietola, spinaci, barbabietole, zucchine, meloni o cetrioli. Dopo i pomodori in quello stesso spazio puoi piantare legumi, cavolfiori, cavoli o broccoli.

3.- Usa semi biologici e autoctoni

Le varietà autoctone sono più resistenti alle malattie e ai parassiti, si adattano al clima e in generale crescono meglio e danno meno problemi di quelle che non lo sono.

Individua vivai nelle vicinanze, coltivatori locali o reti di sementi e acquista semi di pomodoro biologici. Se questa opzione non è possibile, puoi sempre acquistare pomodori biologici e prendere tu stesso i semi.

L’uso di semi organici invece di ibridi garantisce che otterrai un seme che non è stato trattato con tossine e che sarai in grado di ottenere più piante per colture future dai semi che danno i tuoi pomodori. Tuttavia, con i semi ibridi, non sarai in grado di ottenere più piante una volta seminati i semi dei pomodori che hai coltivato.

4.- Come scegliere le migliori piantine

Se invece di seminare tu stesso i semi di pomodoro, preferisci acquistare le piantine, tieni a mente tre fattori importanti:

Guarda le radici. Scegli piantine con radici più sviluppate, anche se la parte aerea delle piantine lo è meno.

Un altro fattore è controllare le piantine e verificare che siano prive di parassiti o malattie.

Infine, e come per i semi, scegli le piantine biologiche perché se non lo sono, verranno trattate con pesticidi.

5.- Il trapianto

Il trapianto è un altro punto importante da tenere in considerazione.

Quando andrai a trapiantare le piantine, interra i gambi e coprili di terra fino a raggiungere le prime vere foglie della piantina.

Potrai riconoscere le foglie vere dei cotiledoni (le prime foglie che escono dal seme) perché queste ultime hanno una forma ovale mentre le foglie vere hanno la forma definitiva della tipica foglia di pomodoro ma più piccole.

6.- Guarda i rischi

Devi sempre mantenere un certo punto di umidità nel terreno. Ciò si ottiene in diversi modi: attraverso l’irrigazione a goccia, la posa del pacciame o l’irrigazione nel tardo pomeriggio. Buoni risultati si ottengono annaffiando abbondantemente ogni 5 giorni. Assicurati che il terreno abbia un buon drenaggio. Evita di innaffiare le foglie in modo che non appaiano funghi, annaffia solo sul terreno.

7.- Potare la pianta di pomodoro e rimuovere i polloni

Le piante di pomodoro sviluppano rami che non danno frutti, ma consumano risorse vegetali. Eliminando questi rametti, detti anche “ventose”, attraverso una semplice potatura si favorisce la formazione e lo sviluppo dei frutti. I polloni sono ramoscelli che escono dall’ascella di un altro ramo principale.

Dopo circa 3 settimane dal trapianto, possiamo già eliminare i primi polloni, e normalmente vengono lasciati uno o due fusti principali in modo che crescano con più forza e vigore.

Puoi rimuovere i succhietti sia con le forbici da potatura che direttamente a mano.

8.- Guida la crescita delle piante

Usa tutori per guidare la crescita delle piante di pomodoro e favorire la ventilazione delle loro foglie e frutti. I tutorial non sono altro che elementi di fissaggio e guide che puoi utilizzare di materiali diversi e in modi diversi, sebbene lo scopo sia sempre lo stesso. Molte volte il primo tutore viene applicato quando la piantina viene trapiantata nel suo posto finale. Fare attenzione a non danneggiare le radici. Ecco alcuni esempi di tutorial sulle piante .

9.- Dai loro da mangiare!

Quando la pianta di pomodoro dà i primi frutti, aggiungi del compost o dell’humus attorno allo stelo e taglia un po’ i rami più alti. In questo modo si favorirà la formazione dei frutti.

10.- Pomodori più a lungo

Per i raccolti di pomodori di più mesi, pianta sfalsata ogni 3 settimane.

Per gustare i pomodori con tutto il loro sapore, raccoglili quando hanno raggiunto la dimensione e il colore giusti per la loro varietà.

Puoi vedere le schede di coltivazione qui e altri consigli pratici per il tuo giardino e il tuo giardino qui

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *