Suggerimenti

Cura della pianta di Peperomia o dell’ombelico terrestre

Il cinguettio è conosciuto con i nomi comuni di ombelico terrestre e coda di ratto.

Il suo nome scientifico è Peperomia che deriva dal greco “peperi”= “pianta del pepe” e “omoios”= “simile”; che significa simile alla pianta del pepe, poiché le caratteristiche morfologiche sono simili a quelle del genere Piper, al quale la pianta del pepe appartiene.

È un genere composto da circa 1.000 specie di piante annuali e perenni , provenienti dalle regioni tropicali e subtropicali della zona del Pacifico.

Appartiene alla famiglia Piperaceae . Le specie più comuni sono : Peperomia caperata, Peperomia magnoliifolia, Peperomia marmorata, Peperomia metallica, Peperomia hederiefolia, Peperomia scandens, Peperomia angulata (Peperomia quadrangularis).

Le peperomie sono piante con foglie carnose ; i colori variano da una specie all’altra, ma sono tutti molto colorati. La combinazione di diverse specie mostra la loro bellezza. Non sviluppano steli lunghi, ma aumentano le dimensioni delle foglie. I fiori sono insignificanti se raccolti in spighe bianche.

Viene utilizzata come pianta da interno, anche se in estate può essere all’esterno, sempre all’ombra e al riparo dalla pioggia in quanto non è consigliabile bagnarne le foglie. All’interno va collocato in un luogo ben illuminato ma senza luce solare diretta.

Il terreno può essere un “pacciame universale”, oppure un terreno da giardino misto a 13 terreni acidi e 13 sabbie.

Il trapianto viene effettuato in autunno o in pieno inverno. Deve essere trapiantato al massimo ogni due anni.

L’irrigazione dovrebbe essere molto moderata. Lasciate asciugare la terra tra di loro. L’immersione è il modo ideale per innaffiarla.

Dall’inizio della primavera fino a metà autunno è consigliabile fornire una volta al mese un concime minerale miscelato con acqua.

Il vivaio può essere moltiplicato dividendo il cespuglio o per i semi. Il sistema più comune è quello del taglio degli steli o delle foglie. Si fa in primavera o in estate.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *