Suggerimenti

Coltivazione di cavolo cappuccio rosso e cavolo cappuccio

Entrambi Cavolo rosso o rosso come il Repollo appartengono alla famiglia delle crocifere. Il cavolo cappuccio rosso è una pianta annuale dal fusto eretto consistente ma legnoso, con foglie rosso porpora intenso e gemma dura e compatta. D’altra parte, il cavolo verde ha foglie esterne verde scuro e quelle interne vanno dal verde chiaro al verde chiaro.

Durante la semina, lasceremo una distanza tra le piante di 40 cm., e una distanza tra linee o solchi di circa 70 cm. Possiamo anche coltivarlo in un vaso largo almeno 20 cm, lungo 20 cm e altri 20 cm. Alto.

Possiamo seminarli sia direttamente nel terreno che in semenzaio, interrando i semi a una profondità di 0,5-1 cm e poi ricoprendoli con un sottile strato di terriccio e compost.

40 o 50 giorni dopo la semina effettueremo il trapianto definitivo, facendo attenzione a coprire la pianta alla base delle foglie senza coprire il germoglio centrale, in quanto molto fragile.

Sono adatti terreni calcarei umidi, ben drenati e porosi. A volte non è necessario concimare all’inizio, soprattutto se la coltura precedente era di legumi. Cresce bene in terreni con un pH compreso tra 5,5 e 6,8 (preferibilmente tra 6,2 e 6,5). Tollera molto bene l’acidità, ma a più di 7 ha problemi ad assimilare acqua e sostanze nutritive. Quando si pianifica la rotazione delle colture, non seminare dopo le colture della stessa famiglia.

Per quanto riguarda le esigenze irrigue, sono molto sensibili alla siccità, quindi va annaffiata frequentemente, necessita di umidità, poiché, a causa delle sue foglie larghe, evapora più acqua. Dovrebbe avere un buon drenaggio in modo che non si verifichi la putrefazione delle radici.

Sia il cavolo rosso che il cavolo cappuccio possono essere coltivati ​​in quasi tutti i climi, ma hanno bisogno di molta luce.

I fabbisogni di nutrienti sono elevati, essendo piante molto esigenti, motivo per cui è richiesto un buon fertilizzante. Il compost deve essere ricco di azoto dall’inizio alla formazione dei capolini, soprattutto quando le foglie crescono più velocemente.

Quando si associano cavoli rossi e cavoli ad altre piante, prenderemo in considerazione l’associazione con barbabietole, fagioli, lattuga, piselli, patate, cetrioli o pomodori. E con aromi come menta, melissa, rosmarino o timo che respingono i parassiti dei cavoli. Eviteremo di associarli a fragole e fagioli.

Dobbiamo stare attenti con alcuni parassiti e malattie :

    • Ernia del cavolo cappuccio: è una malattia che provoca nodi alle radici e al fusto, facendo appassire le foglie e spesso le piante finiscono per morire. Per prevenire, effettueremo rotazioni ben distanziate ed eviteremo l’uso di letame fresco.
    • Cavolaia: è una farfalla bianca con puntini neri che depone le uova gialle sotto le foglie dei cavoli; le larve, di colore verdastro e alquanto pelose, rosicchiano le foglie fino a farle uscire solo dai nervi centrali. Possiamo prevenirlo cercando le uova sulla pagina inferiore delle foglie e distruggendole con le dita o raccogliendo manualmente i bruchi. Vedi altri rimedi ecologici.
    • Afidi: succhiano la linfa dalle foglie, dando origine a macchie giallastre che finiscono per deformarle. La pianta appassisce e perde molta qualità. Ecco 10 rimedi ecologici per evitare e combattere gli afidi .
    • Lumache e chiocciole: sebbene non rappresentino un problema serio, possono mangiare le foglie di cavolo, accedendo alle foglie esterne e più dure che normalmente non consumiamo. Per evitarli, approfitteremo dei giorni di pioggia per raccoglierli e metteremo delle tessere intorno al raccolto in modo che si rifugino lì e quindi la loro raccolta è più facile, ma hai anche altri 10 modi ecologici per evitare e combattere lumache e parassiti di lumache.

Una volta raccolti, puoi fare i crauti o il cavolo fermentato , che ha un probiotico molto benefico per la nostra salute. Leggi di più qui

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.