Suggerimenti

Substrati ecologici e fertilizzanti naturali per piante da giardino

In agricoltura biologica è fondamentale utilizzare substrati e fertilizzanti idonei, substrati ecologici e fertilizzanti naturali che non abbiano sostanze chimiche e che permettano alle piante di crescere sane e robuste.

Caratteristiche dei substrati ecologici

Per poter dire che stiamo utilizzando un “substrato ecologico”, in primo luogo deve essere sprovvisto di qualsiasi tipo di concime chimico di sintesi (si devono utilizzare fertilizzanti ecologici o concimi naturali per pagarlo) e non deve essere stato sottoposto ad alcun disinfezione artificiale (gli ionizzatori a radiazioni per disinfettare il terreno, ad esempio, non sono ammessi nell’agricoltura biologica).

Inoltre, l’uso di substrati ecologici ha  effetti positivi o benefici per la conservazione dell’ambiente. Ad esempio, i substrati ecologici sono quelli:

  • Riciclabile: sottoprodotti di altre attività o industrie che a loro volta sono biodegradabili o riciclabili.
  • Che limitano lo sviluppo di agenti patogeni, che molte volte impedisce il loro trattamento con prodotti chimici artificiali: corteccia di pino compostata per prevenire/eliminare alcune malattie causate da funghi.
  • Che evitano il dilavamento dei nutrienti.
  • Che ottimizzano il consumo di acqua: substrati con elevata ritenzione idrica e capacità di scambio cationico.

Componenti del substrato più comuni

  • SUBSTRATO UNIVERSALE
  • FIBRA DI COCCO
  • CORTECCIA DI PINO
  • TERRENI FORESTALI
  • GRANITO, SILICE, SABBIA VULCANICA…
  • LANA ROCCIA
  • TORBA
  • VERMICULITE
  • PERLITE

Dedicheremo un altro articolo per spiegare come scegliere e/o combinare correttamente i diversi materiali e le tecniche di preparazione e manutenzione del supporto.

Hai anche maggiori informazioni sulle  caratteristiche del substrato adatto  in questo post che ho scritto sul “substrato ideale”.

Concimi naturali: fertilizzazione ecologica

Abbiamo già visto che, inoltre, se è passato un po’ di tempo da quando abbiamo allestito l’orto o se l’apporto di nutrienti dal substrato è basso, dobbiamo concimarlo. Vedremo i diversi fertilizzanti o concimi che possiamo usare nel nostro orto biologico.

– Concimazione organica: compost, sovesci, letame, fertilizzanti liquidi…

Compost 

È il fertilizzante più utilizzato in agricoltura biologica. È molto interessante perché possiamo fare da soli il compost fatto in casa (così risparmiamo di dover acquistare del fertilizzante) e approfittiamo anche dei rifiuti organici domestici e dell’orto stesso.

Il compostaggio è una tecnica per la decomposizione controllata dei rifiuti per ottenere l’humus. Questa trasformazione è una decomposizione biologica, cioè viene effettuata da microrganismi (funghi, batteri e piccoli insetti o artropodi) quindi le condizioni (umidità, temperatura, aria, dimensione dei rifiuti, tempo del processo, ecc.) hanno essere nei limiti. (Dedicheremo un articolo alla tecnica del compostaggio tradizionale).

Possiamo anche acquistare compost industriale o, in alternativa al compost tradizionale, utilizzare vermicompost o compost di lombrico , ottenuto grazie all’azione del verme rosso della California ( Eisenia foetida ).

Concimi verdi

Sono coltivazioni di diverse piante a rapido accrescimento (legumi, graminacee, crocifere…) che vengono seminate, tagliate e interrate per migliorare le proprietà del terreno . Non solo fertilizzano il terreno con l’humus che deriva dalla materia organica interrata, ma ne migliorano anche la struttura e favoriscono la crescita di popolazioni di microrganismi benefici.

Le colture più utilizzate come sovescio per la loro rapida crescita e la quantità di nutrienti che forniscono sono: leguminose come trifoglio, erba medica, veccia, pisello, fava, lupino… cereali o graminacee (solitamente associate ai legumi) come segale, avena o orzo, e alcune crocifere come colza, senape bianca o rafano.

Per un’adeguata produzione di humus, la coltura deve essere recisa tra la fioritura e la formazione del frutto e interrata, non subito ma dopo aver aerato per alcuni giorni.

Invece di interrare i residui, possiamo usarli anche per creare una copertura o una pacciamatura vegetale , che proteggerà il terreno.

Letame

Vengono utilizzati rifiuti provenienti da allevamenti estensivi o da allevamenti ecologici estensivi. I più utilizzati sono i letame di: bovino, ovino, caprino, equino, liquame suino, letame di pollo, guano…

Una corretta gestione del letame è molto importante prima di applicarlo al terreno per favorire la formazione di buon humus, l’assenza di erbe infestanti, semi o agenti patogeni ed evitare la perdita di nutrienti. Prima di aggiungerlo al terreno, deve “maturare” in un mucchio ben compattato senza ossigeno ( anaerobiosi ) o in una compostiera in condizioni aerobiche.

Torba

Esistono molti tipi di torba dalle paludi, dove si accumula il muschio di sfagno. Il fertilizzante organico e ste comprende materia organica, acqua e minerali. Oltre a fornire materia organica, migliora la struttura del suolo e favorisce il lento rilascio dei nutrienti. È una risorsa naturale non rinnovabile, poiché il tasso di estrazione dalle riserve di torba è superiore a quello della generazione naturale.

Concimi organici preparati e ammendanti umici 

Esistono molti tipi di fertilizzanti organici naturali già preparati da alghe, resti di piante… Possono essere liquidi o solidi (frantumati).

Dobbiamo garantire che il prodotto sia adatto all’uso nell’agricoltura biologica, poiché non tutti i prodotti naturali lo sono. Segui le raccomandazioni del produttore e fai attenzione se si tratta di un fertilizzante applicato al substrato o alle foglie della pianta.

– Concimazione minerale

Partendo dal fatto che la concimazione organica è fondamentale per l’apporto di azoto, microrganismi e perché favorisce la struttura del terreno, è possibile utilizzare anche  concimi minerali per completarlo e colmare eventuali carenze , fornendo direttamente nutrienti utili per la pianta.

In agricoltura biologica i fertilizzanti minerali devono essere naturali: non si possono utilizzare prodotti di sintesi, né con l’aggiunta di prodotti chimici.

Di seguito sono riportati i tipi di  materiali naturali per la fertilizzazione naturale consentiti in agricoltura biologica in base al nutriente più importante che forniscono:

  • Potassio: cenere di legno, sali di potassio come solfati o cloruro di potassio (silvinite, carnalite, kainite…)
  • Fosforo: fosfati naturali calcinati (come il fosfato alluminio-calcio, che fornisce anche alluminio e calcio), scorie Thomas …
  • Magnesio e Zolfo: la quantità fornita al terreno con concimazione organica è generalmente sufficiente, ma se non è sufficiente si possono utilizzare ammendanti minerali naturali da dolomite, magnesite, epsonite (con magnesio) o zolfo.
  • Silicio: rocce silicee frantumate.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *