Suggerimenti

Amaranto, come coltivarlo? Semina, cura e raccolto

Ciao a tutti! Su richiesta di uno dei nostri lettori, oggi spiegheremo in dettaglio come coltivare l’amaranto . Ma prima di tutto, la prima cosa è spiegare cos’è l’amaranto.

Cos’è l’amaranto?

L’ Amaranto è una pianta appartenente alla famiglia delle Amaranthaceae e al genere Amarhantus . È un genere di piante ampiamente distribuito nella maggior parte delle regioni temperate e tropicali . Molti di loro sono coltivati ​​come ortaggi, cereali o piante ornamentali. Il chicco di amaranto è considerato uno pseudocereale , poiché ha proprietà simili a quelle dei cereali ma tassonomicamente non lo è.

L’amaranto è una pianta da coltivazione annuale che può raggiungere da 0,5 a 3 metri di altezza ; ha foglie larghe e abbondanti di colore brillante, spighe e fiori viola, arancioni, rossi e dorati.

Proprietà e benefici dell’amaranto

L’ amaranto è senza dubbio uno degli alimenti più ricchi e nutrienti . Attualmente è uno dei prodotti preferiti dagli sportivi, perché è facile da trasportare e contiene molte proteine . Alcune delle sue proprietà sono:

Ricco di minerali e vitamina C

Contiene lisina ( amminoacido essenziale , cioè ha bisogno di essere ingerito perché il nostro corpo non può produrlo da solo), che aiuta la memoria, l’intelligenza e l’alto apprendimento.

A basso contenuto di grassi.

Fonte sana di carboidrati . Fornisce energia e funge da fibra alimentare e lassativo. È digestivo al 100%.

Proteine . È una fonte naturale di questi nutrienti ed è alla pari con le proprietà del latte e   ha il doppio delle proteine ​​del riso.
– Contribuisce alla prevenzione del cancro al colondel colesterolo LDL (il “cattivo”). Inoltre, consumando amaranto naturale si combattono l’ osteoporosi e l’  anemia .

Specie o varietà di amaranto

Sono tre le specie di amaranto che producono seme e che, a loro volta, sono le più apprezzate:

Amaranthus caudatus : Viene coltivato nella regione andina ed è commercializzato come pianta ornamentale, principalmente in Europa e Nord America.

Amaranthus cruentus : è originario del Messico e dell’America Centrale, dove viene coltivato principalmente per ricavarne grano. Viene anche consumato come verdura.

Amaranthus hipochondriacus : Proveniente dalla parte centrale del Messico, viene coltivato per ricavarne grano.

Come coltivare l’amaranto

Piantare amaranto

Con circa 1 chilogrammo di seme si possono seminare 3 ettari, cioè occorrono 333 g/ha. Per dimensioni più umili e considerando il numero di semi, avremmo bisogno di circa 55 semi/mq.

La profondità di semina è estremamente importante , i migliori risultati si ottengono seminando da 1 a 2 cm dalla superficie del terreno . Se la profondità è maggiore ci sono problemi e l’emergenza è molto irregolare. Inoltre, il terreno o il substrato devono essere umidi in questo momento.

In Messico, dove la coltivazione dell’amaranto è più diffusa, esistono due modalità: semina diretta in piena terra e semina in semenzaio e successivo trapianto .

Nel primo caso la semina può avvenire in due modi:

  • Semina a file: le file sono profonde 5 cm e distanziate di 60-70 cm. I semi si depositano sotto forma di flusso continuo all’interno e lungo il solco.
  • Semina a colpi: Si semina a gruppi distanti 20 cm e si possono depositare 10-20 semi per ogni gruppo.

Nel caso dei semenzai , i semi vengono seminati nei rispettivi letti, dove vengono conservati fino a raggiungere un’altezza compresa tra 15 e 20 cm. Successivamente verranno trapiantate nel terreno definitivo, dove precedentemente sono stati aperti i solchi ad una distanza di 70-100 cm l’uno dall’altro e ad una profondità di 30 cm, nei solchi vengono poste circa 3-6 piantine ogni 60 cm, quindi sono ricoperti di terra e si compattano intorno a loro.

Innaffiamento di amaranto

La quantità totale di acqua richiesta dall’amaranto durante il suo ciclo di vita è solo il 60% dell’acqua rispetto al grano o all’orzo , quindi l’amaranto da seme è una coltura ideale per le regioni aride. Sopporta la scarsità e l’irregolarità delle piogge, necessita di umidità solo al momento della semina fino alla comparsa dei polloni, anche se con l’apporto dell’irrigazione durante tutto il ciclo le rese migliorano.

A metà o fine estate compaiono le spighe colorate, se le strofini e i semi si staccano è il momento di sospendere le annaffiature per iniziare la raccolta.

Aumentare

La coltivazione dell’amaranto è altamente efficiente poiché può prosperare in condizioni agroclimatiche avverse: siccità, alte temperature o suoli salini . Il suo ciclo vegetativo ha una media di 180 giorni , dalla germinazione fino alla maturazione del seme.

Cura dell’amaranto

È importante avere la pianta in un luogo con luce . I parassiti di solito non lo attaccano. La pianta, infatti, genera enzimi che combattono in modo naturale gli insetti fitofagi, e quando viene attaccata allontana gli zuccheri da dove si trova la fonte del danno, quindi rimangono a corto di cibo . Inoltre, l’incidenza di parassiti e malattie può essere ridotta dalla rotazione delle colture .

Dopo l’insediamento della coltura, la cosa più importante è il controllo delle erbe infestanti . Per ottenere ciò sono necessarie due diserbo, il primo quando la pianta è alta 10-20 cm, e il secondo a 40 o 50 cm. 

È importante notare che occorre prestare particolare attenzione alle erbacce nelle prime fasi della crescita, poiché l’amaranto cresce molto lentamente durante il primo mese. In seguito non sarebbe così necessario, poiché la pianta è abbastanza grande da competere con l’avventizia, anche, a volte, la seconda sarchiatura può essere omessa.

Associazione di colture con amaranto

Sono stati sviluppati sistemi di produzione per la coltura di amaranto associata a mais e fagioli, principalmente; grazie alle sue condizioni agronomiche.

Raccolto di amaranto

La raccolta va effettuata quando le piante sono di colore bruno-giallastro . In ogni caso presenta una certa deiscenza alla base delle pannocchie e dei chicchi, diventano di aspetto farinoso quando hanno raggiunto la maturità del raccolto.

Dopo che l’irrigazione è stata sospesa, lasciare passare 3 giorni e raccoglierli . Il modo tradizionale di raccogliere il chicco di amaranto consiste nel tagliare le pannocchie, metterle ad essiccare per due o tre giorni al sole su una coperta o su un piano di cemento, e successivamente trebbiarle, percuoterle con delle verghe o calpestarle con animali; il seme viene pulito sfiatandolo.

Conservazione dell’amaranto

L’umidità più consigliata per conservare il seme è dal 10 al 12 percento , che si ottiene essiccandolo al sole per due o tre giorni, come già accennato.

Il grano conservato esente da parassiti e malattie conserva il suo potenziale nutritivo, tra i 5 ei 7 anni se conservato in un luogo asciutto, fresco e ventilato.

Un problema che può insorgere è l’inalazione diretta della polvere di amaranto maneggiandola, che andrebbe ridotta al minimo con l’uso di mascherine , per evitare esposizioni ripetute che possono portare a problemi respiratori.

Come hai visto, l’amaranto è una coltura che può contribuire molto al tuo orto, al tuo orto e alla tua salute. Perché non hai il coraggio di provarlo?

Spero che l’articolo ti sia d’aiuto e alla prossima volta!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *