Suggerimenti

Ginseng: le migliori varietà, guida alla coltivazione, cura e raccolta

Il ginseng, un classico rimedio erboristico, è apprezzato e coltivato da secoli. Sia che conosciate il ginseng americano ( Panax quinquefolius) o il ginseng orientale ( Panax ginseng) , entrambi sono stati ampiamente utilizzati come miorilassanti, trattamenti per il diabete e persino afrodisiaci!

La maggior parte delle persone, me compreso, lo sanno già. È anche noto che la raccolta del ginseng selvatico è altamente regolamentata, perché il ginseng costa centinaia di euro a libbra.

Ma quello che molti non sanno è che in realtà è abbastanza facile coltivare il proprio ginseng a casa. Se avete accesso ad un ambiente forestale con terreno umido e fertile, la coltivazione del ginseng è a portata di mano.

È così che facciamo.

>


Varietà di Ginseng

Ci sono due tipi principali di ginseng “reale”, americano e orientale. Tuttavia, sono emersi anche diversi tipi alternativi. Anche se non fanno parte della famiglia Panax e quindi non sono “veri” ginseng, queste piante hanno alcuni degli stessi benefici per la salute.


Ginseng americano

Il ginseng americano è originario del Nord America, in particolare degli Appalachi. Cresce spontaneamente nelle aree boschive e ha un leggero effetto rinfrescante. È meglio usarlo come tonico calmante. Se state pensando di coltivare il ginseng, questa è probabilmente la varietà che sceglierete, in quanto è la più facile da ottenere.


Ginseng orientale

Il ginseng orientale è un cugino stretto del ginseng americano ed è originario della Siberia, della Corea e della Cina. Conosciuto anche come ginseng rosso, ginseng vero e ginseng asiatico, questo ginseng ha un gusto più “piccante” ed è usato come stimolante. In natura è quasi estinta.


Ginseng indiano

Il ginseng indiano non fa parte della famiglia Panax – il suo nome scientifico è Withania somnifera . Tuttavia, ha alcune delle stesse proprietà antinfiammatorie e antiossidanti. È anche conosciuta come la ciliegia d’inverno.


Ginseng siberiano

Il ginseng siberiano è spesso commercializzato come ginseng, anche se, ancora una volta, non fa parte della famiglia Panax. Scientificamente nota come Eleutherococcus senticosus , questa pianta è a volte conosciuta solo come eleuthero. Viene utilizzato per alleviare lo stress ed è anche uno stimolante.


Ginseng brasiliano

Anche il ginseng brasiliano, o Pfaffia paniculata , non è un vero ginseng. Tuttavia, si pensa che abbia alcune delle stesse proprietà afrodisiache.


Piantare il ginseng


1. quando e dove piantare

È possibile coltivare il ginseng americano ovunque nelle zone da 3 a 7 (o anche nella zona 8 in alcuni luoghi). Il momento migliore per piantare il ginseng è in autunno. I semi impiegano fino a 18 mesi per germogliare, quindi siate molto pazienti all’inizio.

Scegliere un sito in pendenza con l’80% di ombra. Dovrete piantare il vostro ginseng (come semi o piantine) in un luogo dove la concorrenza delle altre piante è bassa e dove le piante non sono disturbate dal traffico pedonale.

Alcuni scelgono di piantare il ginseng in letti rialzati coperti da reti. Il ginseng può essere coltivato con successo al di fuori di un letto, quindi la scelta è vostra. Le piante di ginseng prosperano in condizioni di umidità, ma per il resto non hanno bisogno di molto altro per crescere. Le piante hanno bisogno di un terreno neutro, ma fanno meglio in un terreno che tende ad essere alcalino piuttosto che acido. Potrebbe essere necessario regolarsi un po’ con la calce prima di piantare.

La cosa principale da tenere d’occhio è la temperatura. Il ginseng non ama il calore. Se vivete in un clima più caldo, assicuratevi di scegliere un posto ombreggiato per piantarlo, o piantatelo in un contenitore per aiutarlo a rimanere fresco.

Una buona regola è quella di piantare il ginseng dove ci sono molti legni duri, come il faggio, l’acero, il noce, la quercia o il noce. Più spessa è la calotta, meglio è, il che ridurrà le erbacce nel sottobosco che competono con il ginseng. Anche un buon drenaggio è essenziale.


2. Pianta ginseng nel terreno

Se si prevede di coltivare il ginseng direttamente nel terreno (o in letti rialzati), tenere presente che potrebbe essere necessario stratificare i semi prima. È possibile acquistare semi già stratificati, che di solito vengono venduti da commercianti affidabili. Se i vostri semi non sono stratificati, fatelo prima di piantarli, conservandoli nella sabbia poco profonda e in condizioni di refrigerazione per almeno sei mesi.

Si possono anche acquistare radici, il che è più facile e consente di risparmiare 18 mesi di attesa per la germinazione dei semi, ma può essere costoso. Le radici devono essere mantenute intere e piantate prima di iniziare a germogliare in primavera.

Seminate i vostri semi in autunno inoltrato, piantando ad una profondità di 1½ cm. Il momento migliore per piantare è dopo la pioggia o la neve quando il terreno è bagnato. Spaziate i vostri semi ad almeno 15 cm di distanza l’uno dall’altro e assicuratevi che ci sia almeno 1 cm di terra prima di toccare uno strato di roccia.

Il foro nella piantagione dovrebbe essere profondo circa ¼ di cm. Premete il seme nel foro, quindi copritelo con una forte pressione sul terreno e aggiungete tre centimetri di foglie su tutta la superficie della pianta. Questo non richiede la lavorazione del terreno, che può aiutare il drenaggio.

Se state piantando le radici, devono essere piantate sotto due pollici di terreno. Dovrebbero essere piantati all’inizio della primavera piuttosto che in autunno. Tutte le altre raccomandazioni per la semina sono valide, ma non dovrete aspettare tanto a lungo che la pianta metta le bacche, naturalmente.


3. Pianta il ginseng in un contenitore

Il ginseng può essere coltivato anche al chiuso, utilizzando contenitori con un eccellente drenaggio. Basta assicurarsi che i contenitori non siano esposti alla luce del sole.

Altrimenti, il metodo di simulazione selvaggia sarà la vostra migliore guida su come coltivare il ginseng al chiuso. È possibile posizionare i vasi su un patio o sul ponte quando le condizioni esterne sono favorevoli, piantando i semi in autunno. Le ricoprirete con 1 cm di foglie in decomposizione dopo l’impianto.

Evitare di piantare semi di ginseng in vasi di argilla. L’argilla assorbe l’umidità e si asciuga più velocemente della plastica. Assicuratevi che i vasi siano conservati in un’area ombreggiata; in caso contrario, tutte le altre fasi della coltivazione del ginseng in un contenitore sono le stesse di quelle per la coltivazione del ginseng all’aperto.


Prendersi cura del Ginseng

Ora la parte più difficile è l’attesa. Anche se avete già passato 18 mesi ad aspettare che i vostri semi germogliassero, ora dovrete aspettare ancora qualche anno prima di poter raccogliere il ginseng. Il ginseng in crescita è davvero un gioco di attesa.

I semi della pianta non germoglieranno fino all’anno successivo alla semina. Non c’è bisogno di concimare la pianta, coprirla di pacciame o fare molto di più per curarla. Si tratta infatti di una sorta di pianta “metti e dimentica”. Tuttavia, potrebbe essere necessario innaffiare il ginseng all’aperto quando le condizioni sono particolarmente secche.

Dopo la germinazione dei semi (di solito qualche anno dopo la semina), noterete che il ginseng fiorisce e produce bacche rosse. Potete raccogliere i semi di queste bacche per conservarli per dopo, ma non dovete ancora raccogliere il resto della pianta – non è ancora maturata. Matura solo dopo cinque o dieci anni.


Problemi legati alla coltivazione del ginseng

Il ginseng ha pochissimi problemi, solo il fatto che matura così lentamente! Dovreste controllare periodicamente il vostro raccolto per verificare che non ci siano problemi di funghi o parassiti, ma se non è così, dovreste semplicemente lasciar crescere le piante.

Le bacche di ginseng sono le preferite delle lumache. Poiché il ginseng viene coltivato in un ambiente relativamente umido, è necessario fare attenzione alle lumache e rimuoverle manualmente se ne trovate.

Una delle maggiori minacce per le vostre piante di ginseng, a cui probabilmente non avete pensato, è la questione dei parassiti umani. Il ginseng viene comunemente pescato da altri raccoglitori che vogliono vendere questo prezioso raccolto.

Le bacche sono di un rosso vivo e visibile, che attira le persone che vogliono godersi tutto il loro lavoro. Molti coltivatori rimuovono le bacche e i semi non appena sono maturi per evitare di essere scoperti. Questo può anche impedire agli animali di mangiare le bacche.

L’unica altra questione da considerare è l’ammortamento. Si tratta di una malattia relativamente comune del ginseng che di solito colpisce le piante di meno di due anni. Causa lo scolorimento delle foglie e la morte della pianta. Assicuratevi che il terreno sia sufficientemente drenato ed evitate le zone basse durante la semina.


Le migliori piante da compagnia al ginseng

Il ginseng non beneficia necessariamente della coltivazione in prossimità di altre piante. In effetti, è meglio che venga coltivata da sola. Tuttavia, alcune piante indicano buone condizioni del suolo per la coltivazione del ginseng. Questi includono quanto segue:

  • Trillium
  • Marrone blu o nero
  • Jack-in-the-pulpit
  • Sigillo d’oro
  • Ignami selvatici
  • Il Sigillo di Salomone
  • Capelli di felce vergine
  • Baneberry


Raccolta e campeggio; deposito di ginseng

Il ginseng impiega un minimo di cinque anni per maturare. Questo è il motivo principale per cui raggiunge prezzi così alti che ci vuole molto tempo perché il ginseng maturi.

Tuttavia, quando è finalmente matura, può essere raccolta in autunno. Assicurarsi che la pianta abbia sviluppato tre o più picchi, che indicano la maturità del ginseng. Molti pensano che le punte indichino l’età, ma non è così, perché due piante della stessa età possono avere quantità diverse di punte.

Scavare con attenzione intorno alle radici per evitare danni. Per farlo, vi consiglio di usare una forchetta. Scavate intorno alla pianta, a circa 15 cm di distanza l’uno dall’altro, e pregate sotto la pianta per lasciarla andare. Dopo averli tolti, lavarli e asciugarli. Non strofinare troppo forte, in quanto è possibile rimuovere alcune delle sostanze chimiche medicinali dai peli delle radici.

Una volta raccolte, le radici possono essere essiccate in un disidratatore o appese per diverse settimane. Possono poi essere tagliati o grattugiati in contenitori per un uso successivo, oppure conservati interi.

Il ginseng può essere masticato crudo o usato fresco nelle zuppe, nelle patatine fritte, nei tè e nei trattamenti medici. Vi consiglio di consultare un medico in merito al dosaggio consigliato se avete intenzione di utilizzarlo per motivi medici – è sempre importante ottenere un parere medico prima di utilizzare una cura non tradizionale!

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *