Suggerimenti

Giornata internazionale della Madre Terra 2019: basta distruggere la natura

Sicuramente penserete che ogni giorno dovrebbe essere la Giornata della Terra , ma c’è ancora molta consapevolezza sull’immensa impronta ambientale di continuare con l’attuale ritmo di consumo e il modo in cui le risorse naturali si stanno ancora esaurendo.

No, non abbiamo un altro pianeta su cui andare . Siamo nella nostra casa, il pianeta Terra, ma non sembra che ci sia ancora abbastanza consapevolezza dei danni che stiamo causando alla natura. Per il bene del pianeta stesso, della fauna e della flora che lo abitano, compresi noi stessi, dobbiamo cercare di avere un atteggiamento più rispettoso ed equilibrato nei confronti dell’ambiente.

Indiscriminato disboscamento delle giungle e foreste in tutto il mondo,l’aria di inquinamento , rifiuti industriali, aumento dei gas a effetto serra, la gestione dei rifiuti poveri, di produzione alimentare a base di pesticidi e l’ impatto dei pesticidi sull’ambiente , la saturazione dei mari e degli oceani dalla plastica … L’ ecofemminismo potrebbe essere la soluzione?

Quasi 20 anni fa le Nazioni Unite ( ONU ) istituirono il 22 aprile per celebrare la Giornata Internazionale della Madre Terra . Una data in cui si intende richiamare l’attenzione sull’importanza della cura della natura e della tutela della biodiversità.

Ogni anno la Giornata della Terra si concentra su un tema specifico e il motto per questo 2019 della Giornata Internazionale della Madre Terra è “Proteggi la nostra specie”.

La perdita di biodiversità sta avvenendo a marcia forzata, perdita di fauna e flora che colpisce irrimediabilmente tutti gli ecosistemi , acquatici e terrestri. Nello specifico, in agricoltura la biodiversità delle piante coltivate è stata ridotta a un ritmo vertiginoso, secondo la FAO (Food and Agriculture Organization of the United Nations). Carestie, maggiore incidenza di parassiti e malattie sono alcune delle conseguenze della perdita di diversità delle colture .

Credi che sia arrivato il momento di agire?

Come cittadini e consumatori abbiamo alla nostra portata di compiere piccole ma importanti azioni quotidiane per proteggere l’ambiente e la sua ricchezza:

  • Essere responsabili delle nostre abitudini di consumo è fondamentale. Forse dovremmo avere abitudini più orientate al minimalismo piuttosto che al consumismo.
  • Dare priorità all’acquisto di alimenti biologici , stagionali e da qui è un gesto che, oltre ad aiutare a prenderci cura dell’ambiente, ci aiuta a prenderci cura della nostra salute e a stimolare l’occupazione sostenibile nelle zone rurali ed è un fattore fondamentale per evitare lo spopolamento .
  • L’ educazione ambientale dei più piccoli è un lavoro importante che può essere svolto contemporaneamente sia a casa che nelle scuole. Sappiamo che gli orti scolastici sono uno straordinario strumento per infondere nei bambini valori come il lavoro di squadra, la pazienza, la capacità di progettare e analizzare, per non dimenticare la conoscenza della natura stessa e dei suoi ritmi in ogni stagione dell’anno. e del alimenti che dovrebbero costituire la base della nostra dieta: verdura, verdura e frutta . Proponiamo anche altre attività ambientali da vivere con i bambini che potrete mettere in pratica.
  • La comunità degli orti urbani o il tempo libero tra città vicine sono una meravigliosa alternativa per condividere conoscenze, esperienze e ottenere cibo naturale, coltivato senza pesticidi. Gli orti urbani contribuiscono anche a rendere più verdi le città ea creare spazi in cui avvicinarsi alla natura .

Sebbene oggi sappiamo che il cambiamento climatico rappresenta una grande minaccia sia per gli esseri umani che per altri esseri viventi sulla Terra, i leader politici non sembrano accettare di adottare misure urgenti per mitigarne gli effetti.

E sembra che proprio questa inerzia dei governi sia stata la causa che stanno avvenendo manifestazioni e proteste in tutto il mondo: Greta Thunberg , ambientalista svedese di soli 16 anni, riesce a guidare e mobilitare i giovani (e non tanto i giovani) manifestare il venerdì ( Fridays For Future , movimento FFF chiamato Youth for Climate in Spagna) per la mancata attuazione di azioni e misure che proteggano l’ambiente dai cambiamenti climatici.

Proteggiamo le specie, proteggiamo la Terra, il 22 aprile e gli altri 364 giorni dell’anno. Le generazioni future hanno il diritto di vivere in un ambiente naturale che non le condanni a sopravvivere male.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *