Suggerimenti

Cosa posso coltivare su un tavolo di coltivazione nel mio orto urbano?

Ora siamo pronti per allestire il nostro orto urbano ecologico : abbiamo letto i libri più importanti sul giardinaggio, abbiamo i semi , gli attrezzi necessari, il substrato , abbiamo anche il compost pronto per fare il compost organico! Mancano solo i contenitori in cui coltivare: fioriere , strutture da giardino verticale , le grow box e, naturalmente, le regine dell’orto urbano: i tavoli da coltivazione .

Vuoi coltivare le tue piante aromatiche e medicinali, ortaggi e bacche? Devi solo continuare a leggere per imparare a sfruttare un piccolo spazio in casa e goderti il ​​giardinaggio biologico .

Crescere negli spazi urbani può comportare alcune sfide, ma proprio come hai fiori sul tuo balcone, terrazzo o piccolo patio, è anche possibile avere un orto urbano dove coltivare piante aromatiche commestibili e raccogliere verdure durante tutto l’anno.

Se ancora non sei convinto delle dimensioni o dello stile dei vasi o vuoi che il tuo piccolo spazio esterno continui ad essere funzionale a diverse attività, puoi sempre optare per un tavolo da coltivazione .

Si tratta semplicemente di uno strumento molto pratico che permette di avere un’estensione di “terreno” ad un’altezza comoda anche per lavori orticoli per persone di tutte le età, soprattutto se c’è una riduzione della mobilità.

I tavoli da coltivazione possono anche fornire mobilità al giardino a seconda del periodo dell’anno o degli altri usi che il piccolo orto viene dato in casa, molto più facile incorporando le ruote.

Accedi ora> Perché hai bisogno di un Quaderno da campo per il tuo giardino, come crearlo e un esempio da scaricare

Il controllo dei parassiti , oltre a quello dell’umidità e della qualità del substrato, è molto più semplice che nel terreno ed è addirittura possibile incorporare un mini impianto di irrigazione a goccia .

Puoi acquistare tavoli da coltivazione di diverse dimensioni e con vari accessori, è anche possibile regolarne l’altezza, ma puoi anche costruirlo riutilizzando materiali che hai in casa o che puoi ottenere facilmente. Tra i più noti, ad esempio, ci sono quelli progettati con i bancali in disuso, anche se sta diventando sempre più difficile ottenerli in buone condizioni e a costo zero.

Cresci sul tuo tavolo di coltivazione passo dopo passo

Prepara il tavolo di coltivazione

Per iniziare ad utilizzare un tavolo di coltivazione è importante considerare che, a differenza di un vaso o di qualsiasi altro contenitore, in genere i tavoli dovranno essere ricoperti di plastica e su di esso dovrà essere effettuato un po’ di drenaggio.

Si consiglia la plastica nera, perché può assorbire la luce, prevenendo lo sviluppo di funghi sul substrato.

Una volta posato e ben steso, coprendo tutto il fondo e i lati, viene graffato o imbastito ai bordi e si consiglia di fare un unico foro per posizionare un tubo di scarico.

Il substrato

Nelle tavole di coltivazione, così come in genere in terrazzi e balconi, non viene utilizzato terriccio, in quanto il suo peso è eccessivo. Vengono invece utilizzati diversi tipi di substrato , solitamente in miscele che vengono preparate o che possiamo miscelare da soli.

Tra i più utilizzati c’è la miscela di fibra di cocco e humus di lombrico : mentre la fibra di cocco fornisce aerazione alle radici, l’humus di lombrico è ricco di sostanze nutritive organiche indispensabili per un buon raccolto.

Assicurati che il substrato sia organico al 100%. Le sostanze nutritive saranno esaurite dopo alcuni mesi di coltivazione, momento in cui il compost inizierà a essere incorporato circa 2 volte l’anno.

Il compost offre molti vantaggi immagazzinando acqua e sostanze nutritive che forniscono tutto il cibo di cui le piante hanno bisogno, anche nella bassa profondità della tavola di coltivazione.

Organizzazione della piantagione

Puoi farti guidare dal calendario della semina comune o dal calendario lunare .

La prossima cosa: usa semi di qualità , i semi biologici ti assicurano il miglior inizio possibile nel tuo orto urbano.

Prima di considerare quali sono le specie che avranno bisogno di piantine e trapianti , e quelle che non ne hanno bisogno perché sono piante a semina diretta, è fondamentale considerare la durata del ciclo per avere una buona pianificazione dei raccolti.

La durata del ciclo di vita delle piante aromatiche e degli ortaggi è il tempo che intercorre tra la semina e il raccolto.

Il primo fattore da considerare è la varietà, in quanto esistono varietà della stessa specie che hanno cicli diversi. Per un piccolo spazio come un tavolo da coltivazione, quelli a ciclo breve sono i migliori. Alcuni esempi di verdure a crescita rapida sono: spinaci, ravanelli, lattuga, barbabietole, rucola, ecc.

Un altro fattore sono le condizioni climatiche, poiché le piante matureranno più velocemente quanto più temperatura e umidità sono presenti nell’ambiente. Essendo poco profonda, la temperatura varia più rapidamente sui tavoli di coltivazione che sul terreno.

Un terzo fattore chiave è la successione dei raccolti , intervallando piante che giungono a maturazione in maniera scaglionata in modo che, quando raggiungono il loro massimo sviluppo, non si disturbino a vicenda e permettano di massimizzare la superficie.

.

Associazione delle colture

Ogni centimetro è importante in un orto urbano, e ogni pianta è importante per la salute della policoltura.

Esistono, tuttavia, alcune regole di base nella compatibilità delle piante per garantire la produzione su un tavolo da coltivazione. Alcuni competono tra loro per i nutrienti attraverso le radici, mentre altri competono per l’ombra o la luce.

Come associare correttamente le piante? Ve lo racconto in dettaglio nel mio ultimo articolo sulle associazioni di coltivazioni e vi lascio anche il link alla tabella delle associazioni .

Benefici della coltivazione di piante aromatiche

L’associazione delle verdure con le piante aromatiche è molto benefica. Innanzitutto perché si sviluppano molto bene e con poca richiesta in piccoli contenitori. Qui ti do alcuni esempi .

Attirano insetti utili da giardino, come gli impollinatori , e aiutano a respingere i parassiti che possono causare malattie.

Leggi 28 piante aromatiche e officinali che puoi coltivare in casa

Oltre ad aumentare la diversità dell’orto, possono essere molto utili in cucina, come condimento, nelle preparazioni per condire insalate, o semplicemente per aggiungere un aroma rinfrescante all’ambiente.

Tra le più facili da mantenere e più utili, sia in cucina che nel giardino stesso, alcune opzioni sono: basilico , erba cipollina, scalogno, coriandolo , aneto , menta, melissa, menta, origano , salvia, prezzemolo e timo.

Sistema di irrigazione

Le condizioni di base per la pianificazione di un giardino domestico sono luce diretta e acqua sufficienti in un luogo vicino.

L’ irrigazione è una delle attività che richiedono più tempo nella manutenzione del giardino, poiché è un tipo di impianto delicato rispetto alle piantagioni in terra.

Sebbene l’irrigazione possa essere effettuata manualmente, solo con un annaffiatoio e molto lentamente per evitare la formazione di crepe nel substrato, esistono anche sistemi di irrigazione a goccia per la bilancia da tavolo da coltivazione che possono essere acquistati come accessorio.

L’impianto di irrigazione a goccia deve essere installato dopo aver posizionato il substrato e aver dato una prima irrigazione con un annaffiatoio in modo che si assesti in modo uniforme; ma, deve essere posto prima di effettuare qualsiasi semina o trapianto.

Semina diretta e semenzaio

Come accennato prima, alcuni semi dovranno essere seminati direttamente sul tavolo di coltivazione, mentre altri andranno prima seminati in semenzaio e poi trapiantati.

I semenzai o piantine servono a favorire la germinazione dei semi più piccoli, che richiedono un po’ più di umidità e temperatura, e allo stesso tempo, una selezione per favorire lo sviluppo di una piantina che verrà successivamente trapiantata.

Come riferimento:

  • Semina diretta: fragola, ravanello, carota, spinacio, prezzemolo ed erba cipollina.
  • Piantine: rape, barbabietole, pomodori, peperoni, melanzane, origano, basilico e lattuga.

Raccogli e rifornisci

Come accennato prima, affinché l’orto urbano sia sostenibile, è importante considerare al momento della piantumazione, sia la durata del ciclo, sia la possibilità di sostituzione o rotazione man mano che si raccoglie.

I ravanelli possono essere pronti da mangiare in 3-4 settimane, mentre le lattughe impiegano circa 2 mesi, le carote si raccolgono da 3 a 4 mesi e melanzane, peperoni e pomodori non saranno maturi prima di 6 mesi. .

Lattughe, ravanelli e carote possono essere sostituiti subito dopo la raccolta, ma per mantenere un raccolto che sia possibile consumare è consigliabile scaglionare gli impianti di quelli che sono più veloci.

Con una buona pianificazione, anche su un piccolo tavolo da coltivazione, puoi assicurarti deliziose insalate di lattuga, ravanelli, carote e pomodori, condite con erba cipollina, prezzemolo, basilico o aneto per tutta l’estate, direttamente in tavola a pochi metri dalla tua Terrazza .

Scopri tante altre informazioni pratiche per il tuo giardino

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *