Suggerimenti

Cura della felce di Elkhorn

La pianta popolarmente conosciuta come elkhorn è una felce scientificamente chiamata Platycerium, motivo per cui a volte viene anche chiamata platycerium, ma ha anche altri nomi come pianta di staghorn o corno di cervo. Si chiama così per la sua somiglianza con le corna di alcuni animali, in particolare alci e cervi. Appartiene alla famiglia delle Polipodiaceae e al genere Platyceria, composto da 17 specie provenienti da diverse parti del mondo.

Se vuoi sapere tutto su come prenderti cura della felce elkhorn, continua a leggere questo articolo di EcologíaVerde in cui troverai una guida pratica sulla cura della felce elkhorn.

Com’è la felce di elkhorn

La caratteristica principale della felce elkhorn è quella di essere una pianta epifita, il che significa che cresce naturalmente ancorandosi su altre piante o superfici, invece di seppellire le sue radici nel terreno. Nel caso specifico della pianta delle corna di cervo, il suo ambiente naturale è la corteccia degli alberi delle foreste tropicali dell’Australia. Per saperne di più su queste piante, vi consigliamo questo altro articolo sulle Piante Epifite: cosa sono, tipologie ed esempi.

Un altro aspetto notevole è che questa felce ha due tipi di foglie:

  • Quelli verticali e larghi: che permettono di aggrapparsi ai rami per le loro grandi dimensioni, poiché crescono attorno al tronco della pianta a cui sono attaccati.
  • I pendenti: questi sono ricoperti da una caratteristica peluria fine che funge da protezione per la foglia. Sono responsabili della presa in considerazione del ciondolo elkhorn, e anche del soprannome di questa pianta, poiché il suo aspetto ricorda le corna di uno di questi animali.

Quest’ultima può raggiungere un metro di lunghezza e qualsiasi specie di questa felce può essere coltivata come pianta da interno e portata all’esterno quando arriva il bel tempo. Una volta viste le caratteristiche principali della felce elkhorn, passiamo a ciò che deve essere tenuto in considerazione per sapere come prendersi cura di una pianta di elkhorn.

Irrigazione della felce di Elkhorn

Come molte piante epifite, la felce elkhorn necessita di una buona dose di umidità, sebbene non richiedano tante annaffiature come si potrebbe pensare. In effetti, il metodo migliore per annaffiare il corno nero è immergerlo.

Per innaffiare lo staghorn per immersione, nei mesi caldi, una volta alla settimana, prendi la tua pianta in vaso di staghorn o platycerium e immergila in un contenitore di acqua priva di calcare, a cui hai aggiunto una piccola quantità di fertilizzante specifico per felci o piante delicate. Tienilo immerso nell’acqua per circa 2 ore, che sarà il tempo necessario alla pianta per assorbire l’acqua di cui ha bisogno. È molto importante non bagnare le foglie in questo processo, poiché tendono a marcire. Nei mesi freddi, l’irrigazione può essere più distanziata e non sarà necessario il fertilizzante. Ti consigliamo di leggere questo altro post per sapere quando innaffiare le piante.

Previsioni per Elkhorn Fern

Come molte piante tropicali, il platycerium apprezza temperature stabili durante tutto l’anno, in questo caso tra 15ºC e 20ºC. La variazione al di sopra o al di sotto di questo intervallo di temperatura ha buone probabilità di influenzare negativamente questa pianta, motivo per cui è comune coltivarla come pianta d’appartamento. Prestare particolare attenzione a non posizionare questa pianta vicino a fonti artificiali di calore o freddo, come condizionatori o stufe, che potrebbero seccarla e intaccarla negativamente.

Fertilizzante e substrato di felce di Elkhorn

Da un lato, come abbiamo accennato nella sezione dell’irrigazione, il platycerium apprezza un apporto settimanale di fertilizzante liquido nell’acqua di irrigazione durante i mesi caldi. Qui puoi conoscere cosa sono i fertilizzanti e le loro tipologie. Nei mesi freddi la pianta assorbe meno acqua e non ha bisogno di nutrienti extra.

D’altra parte, questa pianta ha bisogno di pochissimo substrato se si tiene conto delle dimensioni che può raggiungere, e la cosa più importante qui è che sia una miscela con una buona ritenzione dell’umidità. Miscele di torba con fibra di cocco, perlite o aghi di pino possono dare buoni risultati.

Come si riproduce l’Elkhorn

Riprodurre l’elkhorn con le spore, come una felce, può essere un compito piuttosto laborioso, specialmente per i dilettanti senza molta esperienza, quindi questa è un’opzione che viene presa molto raramente.

Nel moltiplicarlo è molto più pratico prendere i piccoli polloni che la pianta produce quando è in condizioni ottimali, che sono facili da separare con le proprie radici e trapiantare. Ti consigliamo di leggere questo altro post su quando e come trapiantare una pianta.

Se il tuo elkhorn non produce polloni, potresti dover aumentare un po’ l’umidità in estate spruzzando acqua, ma senza bagnare eccessivamente le foglie, e controlla che la tua pianta sia lontana da correnti d’aria o fonti di calore o freddo.

Elkhorn parassiti e malattie

Non è proprio una malattia, ma uno dei problemi più frequenti di cui soffre questa pianta è che molte volte viene passato un telo sulle foglie, pensando che la peluria protettiva che le ricopre sia polvere da togliere. Questo li danneggia gravemente, quindi non dovrebbe mai essere fatto.

È comune anche riscontrare casi di marciume delle foglie quando si sono bagnate durante l’irrigazione e, se la pianta è indebolita dalla siccità ambientale o per correnti d’aria, può essere attaccata dal ragnetto rosso e dalla cocciniglia. Qui vi parliamo approfonditamente di Come eliminare il ragnetto rosso e dei Trattamenti e rimedi casalinghi per eliminare la cocciniglia.

Ora che sai come prenderti cura della felce elkhorn o platycerium, ti consigliamo di leggere anche questo altro post su Coltivare e prendersi cura delle felci.

Se desideri leggere altri articoli simili a Cura delle felci di Elkhorn, ti consigliamo di visitare la nostra categoria Suggerimenti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.