Suggerimenti

Irrigazione del Bonsai Ficus: [Necessità, Frequenza e Procedura]

Innaffiare il ficus bonsai è uno dei temi che più preoccupa chi decide di avere un esemplare in casa.

Come per tutte le specie, sono diversi i fattori che giocano un ruolo fondamentale nello stabilire frequenze e quantità d’acqua.

Tutto questo è facilitato quando scommettiamo sul conoscere in dettaglio le strategie di base per svolgere questa cura. E questo è l’argomento che ti portiamo oggi, l’irrigazione del ficus bonsai, hai il coraggio di unirti a noi?

Punti importanti quando si innaffia un bonsai di ficus:
  • Frequenza di irrigazione: nelle giornate calde si possono effettuare fino a due irrigazioni settimanali, mentre nelle giornate fredde sarà sufficiente una sola irrigazione.
  • Metodo di irrigazione: da gocciolamento .
  • Orario ottimale della giornata per l’irrigazione: in qualsiasi momento della giornata, evitando il margine di mezzogiorno, che è quando la temperatura è più alta.
  • Identificare l’acqua in eccesso: indebolimento del bonsai che culmina con la sua morte.
  • Identificare la mancanza d’acqua: foglie secche.

Che esigenze di irrigazione ha il ficus bonsai?

I bonsai di ficus sono generalmente piantati in vaso e tenuti in casa . Questa condizione significa che le sue esigenze di irrigazione devono essere curate senza indugio perché le sue radici non hanno la possibilità di ottenere più umidità dal terreno.

Idealmente, il terreno è sempre leggermente umido, quindi si propone di annaffiare in profondità ad ogni applicazione.

Come possiamo rilevare la mancanza di irrigazione nel ficus bonsai?

Quando dimentichi di innaffiare il tuo ficus bonsai o fai un viaggio per qualche giorno, è possibile che inizi a comparire una secchezza delle foglie .

È un problema molto meno complesso rispetto a quando si verifica un’eccessiva irrigazione perché è sufficiente applicare un’irrigazione profonda affinché le radici si reidratino.

Vale anche la pena spruzzare le foglie con un po’ d’acqua più volte al giorno.

Ogni quanto bisogna innaffiare il ficus bonsai?

La frequenza dell’irrigazione sarà determinata dalle particolari condizioni che operano in un determinato momento. Infatti, un bonsai di ficus che viene tenuto per un anno intero nello stesso luogo, avrà delle variazioni di frequenza obbligatorie.

Per avere un’idea di come lavorare su questo problema, dobbiamo mettere in pratica l’osservazione e applicare l’irrigazione nei momenti in cui la terra si sta prosciugando . Non aspetta che sia completamente asciutto, ma un punto appropriato in cui le radici hanno ancora accesso all’umidità sotterranea.

Sebbene possa sembrare complicato, l’esperienza di toccare frequentemente il suolo faciliterà questo compito. Ovviamente le irrigazioni non dovrebbero mai essere giornaliere. Per le condizioni più generali, è normale effettuare irrigazioni due volte alla settimana nei giorni caldi dell’anno e una volta alla settimana nelle giornate fredde .

Qual è il modo migliore per innaffiare il ficus bonsai?

Il metodo migliore è il gocciolamento, avvalendosi di un barattolo da giardinaggio con piccoli fori per controllare meglio la somministrazione del liquido. 

L’irrigazione in questo caso verrà applicata in due fasi:

  1. Fase 1: applicare una generosa quantità d’acqua, annaffiando dalla parte superiore della pianta fino a quando l’acqua non inumidisce bene tutto il terreno.
  2. Fase 2: dopo circa 10 minuti, ripeti nuovamente il processo assicurandoti che il vaso inizi a drenare il liquido attraverso la base, il che ti darà un segnale che tutto il terreno è decisamente ben inumidito.

È importante mantenere la pentola in una posizione in cui possa eliminare tutta l’acqua in eccesso prima di rimetterla al suo posto. In caso contrario, puoi posizionare un piatto sotto di esso dove raccoglie il liquido e quindi rimuoverlo.

Come rileviamo l’acqua in eccesso nel ficus bonsai?

L’eccesso di acqua nei bonsai di ficus porterà senza dubbio alla morte prematura. Quando non si hanno sufficienti conoscenze sulla cura di questa specie, è comune pensare che la frequenza delle irrigazioni sia maggiore di quanto dovrebbe essere.

Se a questo si aggiunge che molte volte vengono piantati in substrati con basso livello di drenaggio, questa situazione può diventare caotica. Ricorda che è molto importante che questi bonsai abbiano sufficiente umidità nel substrato , ma senza pozzanghere.

Se c’è tempo piovoso, è un buon piano raccogliere quest’acqua per applicare l’irrigazione poiché non contiene sale o minerali nocivi. In questo modo applicherai al tuo bonsai di ficus un’acqua più adatta che si rifletterà proporzionalmente sulla sua salute.

Nel caso non si abbia accesso all’acqua piovana, meglio declinare quindi per acque depurate. Con queste cure delle innaffiature del ficus bonsai e del resto di quelle consigliate per questa specie, avrete esemplari belli e sani per molto tempo.

Forse ti interessano anche:
  • Ficus Benjamina: [Pianta, cura, irrigazione, substrato e caratteristiche]
  • Gomero o Ficus Elastica: [Pianta, cura, substrato e irrigazione]
  • Prune Ficus Ginseng: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]
  • Irrigazione di ficus in vaso: [necessità, frequenza e procedura]

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.