Suggerimenti

Cosa sono le terrazze permanenti? Come realizzare giardini terrazzati

Molto bene a tutti gli Agrohuerter. Oggi vengo a parlarvi dei terrazzi permanenti , un’alternativa nella realizzazione e progettazione dei vostri giardini che alla lunga vi fa risparmiare fatica, tempo e denaro.

Cosa sono le terrazze permanenti?

I terrazzi permanenti non hanno una costruzione architettonica particolare o sono trattati con determinati prodotti chimici, è semplicemente un terrazzo in cui seminiamo specie perenni, vive o autoseminanti in modo tale che anno dopo anno possa dare di nuovo frutto senza avere per rilavorare la terra o comprare semi da piantare.

I terrazzi permanenti sono uno dei pilastri fondamentali all’interno delle tecniche di permacultura , se ci pensiamo ha molto senso poiché con questi terrazzi permanenti riusciamo a risparmiare molte risorse ed energia (terra, semi, lavoro, acqua ecc…) coprendo le nostre esigenze nutrizionali.

Come costruire terrazze permanenti

La costruzione dei terrazzamenti permanenti non presta molta attenzione ai materiali ma all’associazione simbiotica tra le specie da coltivare, qualcosa di simile ai boschi commestibili ma senza introdurre specie arboree. Devi anche prestare particolare attenzione a ciò che incorporerai nel terreno in modo che mantenga la sua fertilità anno dopo anno …

I primi compiti sono i più importanti, dal momento che l’idea è di non riprendere in mano la zappa per quei letti fissi (o al massimo svolgere in tempo qualche lavoro superficiale), quindi quando si decide lo spazio per i letti fissi e si ha il pavimento pulire dalle erbacce e dal dissodamento, aggiungendo un buon strato di compost o letame e un buon pacciame che mantenga l’umidità e aiuti questa materia organica a impiegare più tempo a degradarsi nel tempo.

Ora entrano in gioco le specie perenni che si vogliono coltivare su questi aiuole permanenti, tenete presente ancora una volta che questi letti non entreranno nella consueta rotazione delle colture e l’idea è che durino per diversi anni, al momento di decidere in quale specie entrare. queste terrazze permanenti hai due opzioni:

Monocoltura

Esistono specie perenni che richiedono maggiori apporti di sostanza organica e nutrienti, per questo motivo ho deciso di separarle in monocoltura in modo che non riducano lo sviluppo di altre specie nello stesso terrazzo. Sebbene la sua produzione possa essere inferiore anno dopo anno, i letti permanenti con un’unica coltura sono molto confortevoli se piantati una sola volta, risparmiando così un sacco di fatica.

Le specie più consigliate per la coltivazione di aiuole permanenti in monocoltura sono patate , carciofi o asparagi, specie perenni per eccellenza. Si possono anche piantare pomodori (o altre specie) e lasciare che i frutti maturi cadano naturalmente a terra e germinino da soli, è un altro modo per realizzare terrazze permanenti senza utilizzare specie perenni.

È importante che il seme che usi nella prima semina non sia ibrido, poiché non germoglierà di nuovo l’anno successivo.

Per migliorare la fertilità del terrazzo si possono associare queste monocolture a sovesci (ceci, lenticchie, piselli, veccia, titarro) che ricoprono zone spoglie o meno imbottite. Questi fertilizzanti forniranno materia organica e azoto una volta che li seguirai e li incorporerai nel letto stesso mediante un lavoro superficiale o aggiungendoli al pacciame esistente.

Uno dei problemi che presentano le monocolture è che sono più esposte a possibili parassiti e malattie che colpiscono il giardino, a causa dell’insufficiente biodiversità all’interno del terrazzo. Cerca di stabilire queste terrazze vicino a una zona aromatica per evitare problemi.

Associazione di coltivazioni in terrazzamenti

Conoscendo un po’ la filosofia e i vantaggi che presentano i terrazzi permanenti, vi lascio come farei un’associazione colturale fattibile in modo che lo spazio duri nel tempo, possiamo raccogliere diverse colture e non presentare problemi sanitari.

All’inizio del terrazzo metterei un cespuglio aromatico, qualcosa di piccolo che non consuma molti nutrienti, lavanda o rosmarino e se si vuole ottenere di più dalla pianta, un buon origano.

Continuerebbe quindi con una partnership che manterrebbe la fertilità del suolo a lungo termine, lo coprirebbe completamente e previene ulteriormente parassiti e malattie. Questa selezione sarebbe composta da:

  • Specie + Fertilità del suolo: I già citati sovesci e forse qualche fagiolo basso.
  • Specie + Copertura del suolo: Forse con sovescio e pacciame abbiamo già il terreno ben coperto, ma non guasta mai aggiungere delle fragole o degli spinaci neozelandesi…
  • Specie + Protettivo contro i parassiti: Aromatiche principalmente, ma queste sono più destinate alla cucina, come basilico, menta, menta ecc…

Finirei il terrazzo con un altro cespuglio, questa volta con frutti di bosco, ribes, lampone ecc…

Bene, questo è quello che metterei io, penso che l’associazione sia buona e che possa funzionare, puoi sempre provare altre colture e dirci come.

Sto iniziando con una terrazza permanente, al momento ha solo un paio di carciofi, ma con il tempo spero di fare quello che ti ho detto e dirti come sto,

Ti auguro il meglio

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.