Suggerimenti

Semenzai fatti in casa per principianti: fare un semenzaio passo dopo passo

Buongiorno a tutti gli Agrohuerter! Oggi vengo per incoraggiarvi a piantare un semenzaio in casa . Inizieremo con qualcosa di piccolo, piantine fatte in casa per principianti, facili da realizzare e con materiali molto comuni. Niente di stravagante, non pretendiamo di essere i re dell’orto urbano, stiamo semplicemente per piantare delle nuove piante che alla lunga ci porteranno più benefici di una pianta ornamentale.

Semenzaio per principianti

Tutti vorrebbero avere il proprio orto sul terrazzo o semplicemente in qualche vaso dentro casa… Ma penso che per molte persone l’idea di iniziare un orto possa spaventare… «È un sacco di lavoro. .. non ho spazio… non andrà a finire bene… il cane se le mangerà… ». Sono tutte scuse che ti impediscono di avere il tuo cibo senza nemmeno provarci.

Come fare le piantine fatte in casa

Come ti ho detto prima, inizieremo in piccolo, pianteremo solo alcune specie che possiamo gestire adeguatamente in casa.

Se le piante usciranno alla grande, vedremo in altri articoli le cure necessarie per controllare adeguatamente la loro crescita e che la nostra casa non diventi una giungla tropicale. Se non escono non succede nulla… Possiamo riprovare con un’altra specie o ripetere il semenzaio casalingo (ci sono manciate di semi…).

Quali piante vanno seminate nei semenzai

Che la destinazione “finale” del tuo semenzaio sia la coltivazione in vaso indoor o su una superficie più ampia, su un terrazzo, ci sono alcune specie che dobbiamo assolutamente escludere per semplice buon senso. Meloni, cocomeri, zucche, zucchine ecc. Piante il cui cespuglio si espande molto e ha bisogno di uno spazio che non hai, lo stesso accade con piante che crescono molto in altezza…

Ti consiglio, e ribadisco, di iniziare con qualcosa di semplice, dei pomodorini, dei peperoni padrón, delle carote, delle cipolle, della lattuga, dei fagioli di bassa qualità… Cose che germogliano facilmente e che con una potatura adeguata non uscirai di mano.

Contenitori per piantine fatte in casa

Qui non c’è contenitore di stelle e solo la tua immaginazione comanda. Tutto ciò che hai in casa vale, siano essi tuppers, vasi da fiori o bicchieri di plastica, bicchieri di carta, cartoni delle uova ecc… Non complicarti minimamente la vita. Le tipologie di vasi che ci sono e come scegliere il più adatto per il successivo trapianto è un’altra storia che al momento non ci interessa.

L’unica cosa essenziale è che il contenitore abbia un foro (i) nella parte inferiore per facilitare il drenaggio e che l’acqua non ristagni. Si consiglia inoltre che abbiano un’altezza da 5 a 10 cm a seconda di quanto tempo si desidera conservarli una volta germinati prima del trapianto definitivo.

Il substrato o terreno

Una volta che abbiamo il nostro contenitore scelto, è importante scegliere un buon substrato o terreno .

Non ho intenzione di darti nessuna formula magica che mischia X quantità di torba + Y di fibra di cocco in modo che tutto vada alla grande, ti consiglio semplicemente di comprare un buon terriccio decente, andare in un vivaio o in un negozio specializzato in piante per consigliarvi ed ottenere un buon rapporto qualità/quantità/prezzo, con un sacco da 10 L è sufficiente fare il letto di semina e il successivo trapianto in un contenitore più grande. Ma sottolineo che niente per comprare terreno a 100, tendono a bruciare i semi ottenendo risultati molto sfavorevoli.

Normalmente la terra in un sacco è molto appiattita avendo molti più sacchi sopra, è consigliabile versare prima la terra in un recipiente con una buona superficie per sbriciolarla con le mani, un po’ non si impazzisce, con questo il la terra guadagnerà in porosità non essendo così incrostata e nel tuo contenitore occuperà un volume maggiore, con quello che guadagni utilizzando meno terra nello stesso spazio.

Come seminare piantine in casa

Stiamo per seminare i nostri semi in 4 semplici passaggi:

  1. Il primo passo è facile, versa lo sporco nel nostro contenitore. La loro è che si riempie di circa 3/4 della sua capacità e poi si preme un po’ per compattare e livellare la terra, ma il minimo ehh.
  2. A seconda della superficie del nostro contenitore facciamo dei buchi, 1 – 1,5 cm, per seminare i nostri semi, distribuirli uniformemente a seconda della geometria.
  3. Mettiamo il seme in quei buchi. Quanti?: Due per buca, nel caso in cui uno di loro non germini… Quanto in profondità?: Gli esperti dicono che i semi dovrebbero essere interrati a una profondità doppia rispetto alla misura del seme. Con questo voglio dirvi che se sono piccoli basta un buco di 1 cm ma se semini ad esempio dei fagioli allora fate il buco un po’ più profondo. Non devi andare in giro a misurare con il righello.
  1. Copriamo i buchi, spostando un po’ la terra, e aggiungiamo terra fino a riempire quasi completamente il letto di semina, premiamo ancora un po’ e livellaamo.

Irrigazione delle piantine domestiche

Come avrete visto nel video che vi ho lasciato sopra, i semi nel nostro contenitore possono essere molto piccoli e un’annaffiatura aggressiva potrebbe farli affondare, impedendone la germinazione. Ecco perché è importante annaffiare sotto forma di pioggia fine, bagnando il substrato ma senza che l’acqua cada con grande forza.

Gli spray vanno bene per questo, ma se hai un buon polso o puoi aiutarti con un tappo in modo che l’acqua che esce sia il meno possibile, allora meglio è che risparmi.

Manutenzione e cura in semenzaio

Hai già i tuoi semenzai, ora devi posizionarli vicino al sole, un davanzale è il posto più ideale se i venti non sono molto forti … Ci sono molte opzioni, sicuramente troverai il posto adatto nella tua casa . Si consiglia di annaffiarli nello stesso modo che ho menzionato prima praticamente tutti i giorni. Sicuramente in breve tempo otterrai i primi risultati.

In sintesi, abbiamo visto come realizzare piantine fatte in casa in modo semplice, niente di speciale. L’idea è quella di poter ottenere abbastanza pomodori da casa nostra per preparare le tue insalate. Quando le piante crescono ed è il momento di trapiantarle, puoi regalarle ad un amico se non ne vuoi così tante o donarle ad un orto urbano della tua zona, lo riceveranno sicuramente a braccia aperte.

Tirati su

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *