Suggerimenti

Virus del mosaico del pomodoro: [Caratteristiche, rilevamento, effetti e trattamento]

Cos’è il virus del mosaico del pomodoro?

Il tobamovirus o virus del mosaico del pomodoro è una malattia molto potente che attacca le colture di piante di pomodoro, generando grosse perdite economiche se non viene fermata in tempo, perché rovina i frutti.

Il virus del mosaico del pomodoro (ToMV) non ha alcuna somiglianza con la carenza di nutrienti, quindi dovrebbe essere confuso. Ad oggi sono stati rilevati diversi ceppi grazie a un vettore che viene trasmesso meccanicamente. Non sono noti vettori naturali specifici.

Infatti, il virus può rimanere nell’endosperma della pianta per circa 9 anni. Ecco perché le misure igieniche per questa delicata coltura soggetta ad essere attaccata da molti insetti e malattie sono estremamente importanti.

È una malattia che ha una gamma abbastanza ampia di ospiti, in particolare colture ed erbe infestanti, che possono funzionare come una perfetta fonte di inoculazione.

Ma fondamentalmente la sua diffusione si ottiene per contatto da una pianta malata a una sana, per azione del vento e per manipolazione di un operatore con mani e vestiti contaminati.

È tipico che i resti di una precedente coltura infetta vengano trasmessi ai macchinari utilizzati nei tipici lavori di campo, trasmettendo il virus a piante sane. È facile, ad esempio, che le radici di una nuova pianta di pomodoro vengano contaminate venendo a contatto con i detriti di una precedente piantagione infetta.

Un’altra modalità di trasmissione della malattia avviene grazie all’intervento degli insetti masticatori, che contribuiscono alla diffusione del virus, anche se in misura minore. Allo stesso modo, i semi infetti sono portatori sicuri del virus, ma la minaccia più importante è quando vengono eseguiti i trapianti di piante.

Come possiamo identificarlo?

Per riconoscere la presenza del virus del mosaico del pomodoro è necessario saper individuare una serie di sintomi che colpiscono la pianta malata. Vediamo.

  1. Il tessuto fogliare mostra un mosaico o una striscia di luce da verde chiaro a più scuro, così come screziature clorotiche, necrosi, arricciatura delle foglie verso l’alto e comparsa di striature sugli steli, che vengono poi visti come striati. Tuttavia, questi tratti malsani dipendono dal tipo di ceppo virale che attacca.
  2. Nei periodi climatici freschi, le foglie possono assumere l’aspetto di foglie di felce, poiché la lamina delle stesse è notevolmente ridotta. Ma alle alte temperature, i sintomi fogliari sono spesso mascherati.
  3. I frutti mostreranno segni di malattia, presentando poi una maturazione disomogenea degli stessi, con deformazioni significative, nonché una colorazione bruna a livello della polpa, che solitamente è prima dei lineamenti sulle foglie.
  4. I fiori diventano sterili e in uno stadio avanzato della malattia non daranno frutti.
  5. Il ritardo nella crescita delle piante è un altro sintomo inconfondibile associato a questa malattia.
  6. Una buona misura preventiva che eviti l’applicazione di trattamenti inappropriati è richiedere un’analisi al laboratorio, per assicurarsi che si tratti del virus del mosaico del pomodoro.
  7. È molto importante controllare i parassiti che colpiscono il raccolto di pomodoro , al fine di prevenire la proliferazione di tutti i tipi di virus.

Quali piante colpisce il virus del mosaico del pomodoro?

Questo virus colpisce le varie varietà di piante di pomodoro, che riducono la loro produttività quando vengono colpiti i frutti, producendo grosse perdite economiche che portano anche alla disoccupazione e alla rovina.

Sfortunatamente, è riuscito a diffondersi in tutto il mondo. Il virus del mosaico del pomodoro (ToMV) agisce in una vasta gamma di razze che colpisce le famiglie delle Solanaceae , Aizoaceae, Amaranthaceae e Chenopodiaceae.

Come combattere il virus del mosaico del pomodoro?

Esistono modi per impedire che un ceppo del virus del mosaico del pomodoro colpisca le piantagioni e le colture di questa specie così popolare sulle tavole di milioni di case in tutto il mondo. Diamo un’occhiata a quelli più importanti.

  1. Una garanzia di successo contro questo virus è acquisire varietà di piante resistenti alla malattia, con il supporto di un vivaio di fiducia si possono acquisire le migliori giovani piante. 
  2. La principale fonte di contaminazione è nei detriti vegetali lasciati sul terreno e nei semi infetti.
  3. Evita di piantare nuove piante e germogli in terreni che sono stati precedentemente contaminati da qualche ceppo del virus.
  4. L’applicazione della sterilizzazione a vapore al terreno per le pentole è un’altra pratica molto buona e lo stesso metodo di disinfezione dovrebbe essere applicato anche a utensili, strumenti e attrezzature agricole, contenitori, pentole e altre attrezzature utilizzate nelle tipiche attività sul campo. 
  5. Anche le mani dei lavoratori e degli altri lavoratori dovrebbero essere regolarmente disinfettate con un buon prodotto igienizzante, al fine di prevenire la diffusione del virus.
  6. Allo stesso modo, le attrezzature utilizzate nella potatura di manutenzione ordinaria, e nella gestione dei polloni, devono avere precedenti garanzie di disinfezione, poiché introdotte dalle ferite o lesioni lasciate da trapianti e potature.
  7. È conveniente applicare la pratica della rotazione delle colture .

Tuttavia, è necessario indicare che una pianta sana e resistente sarà sempre quella coltivata in condizioni di illuminazione, umidità e nutrizione adeguata, al riparo da stress idrico e variazioni atmosferiche negative.

Se è in equilibrio, sarà resistente a parassiti e malattie di ogni tipo. Fondamentale è anche la prevenzione con l’ausilio di prodotti biologici, poiché quelli di origine chimica complicano la situazione. 

Quali sono i migliori prodotti per uccidere il virus del mosaico del pomodoro?

Al momento non esiste un trattamento specifico per il controllo e l’eliminazione di questo potente virus che può rimanere in vita per anni.

Ciò significa che una pianta può essere malata di questo virus per tutta la sua vita. È quindi necessario applicare una serie di buone pratiche agricole, che combinate tra loro danno ottimi risultati.

Esistono trattamenti efficaci per la disinfezione e la gestione del seme, come la termoterapia del seme , che prevede l’applicazione di calore secco, circa 80°C per almeno 24 ore.

Un altro trattamento per i semi che funziona se non sono certificati, è la precedente disinfezione con supporto in 10% di fosfato trisodico, per circa 15 minuti.

E lo stesso effetto si ottiene, con una soluzione di fosfato di sodio al 10% per 15 minuti, e poi in un’altra soluzione di ipoclorito di sodio allo 0,525% per altri 30 minuti. Successivamente vanno lavate con abbondante acqua pulita, molto pulita e senza cloro.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.