Suggerimenti

Tipi di sistemi di irrigazione: quale è meglio?

Molti anni e molte ricerche sono passate attraverso molti anni e molte ricerche, dalla tradizionale irrigazione a tappeto al sistema di irrigazione a goccia sotterraneo automatizzato ad alta frequenza. Ed è che la tecnologia sta avanzando anche quando si tratta di sistemi di irrigazione agricola.

È chiaro che sia il cambiamento climatico che l’aumento delle superfici coltivate nel mondo costringono a un aumento dell’efficienza irrigua, senza più alternative, poiché la popolazione mondiale è in costante aumento ogni anno.

Per questo motivo, dimenticandoci della tradizionale irrigazione a pioggia, la missione di questo articolo è insegnarvi quali sono i diversi tipi di sistemi di irrigazione da utilizzare sia nell’agricoltura professionale che nel giardinaggio domestico, poiché la maggior parte di essi è replicabile in entrambi i settori.

Tipi di sistemi di irrigazione

Irrigazione allagamento o per gravità

L’irrigazione per inondazione o per gravità è ancora utilizzata in molti ettari in Spagna e in altri paesi. Attraverso fossi o altri tipi di canali, grandi quantità di acqua vengono trasportate a coprire qualsiasi terreno, azienda agricola o area agricola.

Ben gestita, è molto positivo che una coltura copra d’acqua l’intero bulbo umido, in modo tale che un aumento della superficie radicale orizzontale sia causato da un aumento dell’umidità del suolo. Per fare ciò, vengono utilizzati trattori che incorporano un sistema GPS che consente di spostare il terreno in modo che vi sia una leggera pendenza verso il basso, ottenendo un’eccellente copertura dell’acqua su tutta la superficie.

Tuttavia, una grande quantità di acqua viene sprecata e la sua applicazione è limitata a più volte l’anno, quindi la mancanza di omogeneità (periodi di siccità e periodi di eccesso di umidità) nell’applicazione dell’irrigazione riduce la produttività di qualsiasi coltura.

Vantaggi

  1. Forma più naturale di irrigazione, che simula l’apporto idrico della pioggia, coprendo l’intera superficie agricola.
  2. Favorisce un maggiore sviluppo delle radici, poiché l’acqua copre l’intera superficie del terreno.
  3. La concentrazione di sali nel bulbo umido è ridotta, in modo che le radici non soffrano di sali in eccesso.

Svantaggi

  1. Bassa efficienza idrica e alta percentuale di rifiuti.
  2. Poca omogeneità nella distribuzione dei fertilizzanti.
  3. Proliferazione di erbe infestanti in tutta l’area allagata

irrigazione a goccia

L’irrigazione a goccia è forse uno dei sistemi di irrigazione più utilizzati e avanzati attualmente nel settore agricolo, poiché per numero di ettari supera di gran lunga qualsiasi altro tipo di iniezione d’acqua.

La sua alta efficienza (utilizzando circa il 95%) e la sua durata lo hanno reso il re dei sistemi di irrigazione. Nel tubo di irrigazione, solitamente di 16 mm di diametro e di colore nero (molto resistente all’esposizione solare), sono incorporati diffusori con diversi profili di flusso (da 2 L/h a 64 L/h), quindi si gioca con la quantità d’acqua incorporato e può essere regolato in base allo sviluppo del raccolto.

L’acqua di irrigazione ricopre solo un bulbo umido che normalmente coincide con lo sviluppo delle radici, quindi il consumo di acqua è molto elevato. Inoltre, come qualsiasi altra installazione automatica, permette di settorizzare tramite elettrovalvole per dare ad ogni zona la corrispondente irrigazione.

Vantaggi

  1. Elevata ottimizzazione dell’acqua di irrigazione, dove viene fornita solo nell’ambiente radicale della coltura.
  2. Possibilità di iniettare fertilizzanti di ogni tipo.
  3. Si adatta a qualsiasi tipo di terreno e pendenza.

Svantaggi

  1. Se si utilizza la fertirrigazione può favorire un eccessivo accumulo di sali nell’ambiente radicale.
  2. I diffusori si intasano facilmente e richiedono un monitoraggio e una sostituzione costanti.
  3. Costo moderato di manutenzione e installazione.

microirrigazione a goccia

Nel microgocciolamento si utilizzano piccoli diffusori che possono essere sciolti o inseriti direttamente nel tubo. Offrono portate inferiori ma sono generalmente installati in volumi maggiori, il che aumenta la loro omogeneità di applicazione. Sono progettati per colture ad alta densità di impianto.

Questo tipo di sistema viene utilizzato anche nei vivai, nella coltura idroponica o nella coltivazione in contenitori.

Irrigazione a pioggia

L’ irrigazione a pioggia viene utilizzata quando è necessario coprire un’ampia superficie colturale, ottenendo una distribuzione abbastanza omogenea dell’acqua di irrigazione con un tasso di efficienza abbastanza elevato (intorno all’85%).

Poiché l’acqua cade dall’alto, offre un effetto simile a quello della pioggia, motivo per cui solitamente bagna l’intera superficie fogliare della coltura, aumentandone l’umidità relativa, cosa che può essere vantaggiosa o dannosa a seconda della pianta e del tempo dell’anno.

Nell’irrigazione a pioggia, i fertilizzanti liquidi solubili possono essere incorporati senza alcun problema, oltre a regolare la dimensione delle gocce per cercare una maggiore lisciviazione (soprattutto in terreni con problemi di drenaggio) o un effetto nebulizzante.

Vantaggi

  1. Simula l’effetto della pioggia, quindi copre l’intera superficie del terreno.
  2. Aumenta l’umidità ambientale, favorevole a molte colture, soprattutto nei periodi di siccità.
  3. I fertilizzanti possono essere incorporati tramite iniettori.

Svantaggi

  1. Meno efficiente dell’irrigazione a goccia, poiché soffre di una maggiore evaporazione.
  2. Può causare umidità eccessiva in alcune colture, favorendo la comparsa di malattie crittogamiche che si sviluppano in condizioni umide (muffa, botrite, antracnosi, ecc.).
  3. Richiede una buona pianificazione per ottenere un’uniformità di irrigazione massima dell’80%.

Irrigazione a microirrigazione

I microirrigatori seguono lo stesso schema degli sprinkler, solo la loro dimensione e portata sono ridotte. Viene utilizzato quando non si vogliono coprire grandi superfici ma una determinata dimensione, oltre che per aumentare il bulbo umido nelle colture arboree.

Non bagnando l’intera superficie fogliare, specialmente nelle colture più grandi, si evita la comparsa di malattie che necessitano di un’elevata umidità per prosperare.

irrigazione trasudante

Potremmo davvero considerare che il sistema di irrigazione a tubo trasudante sia in realtà un sistema a goccia, ma ha le sue differenze.

Sebbene nell’irrigazione a goccia abbiamo bisogno di un diffusore da dove fuoriesce l’acqua (come nel caso degli irrigatori), il tubo di irrigazione essudante è microforato, in modo che fuoriesca un flusso omogeneo su tutta la sua superficie.

Questo è l’ideale per le colture dove c’è poco terreno nudo e praticamente l’intera superficie ha piante. Ad esempio, in colture orticole ad alta densità di impianto (spinaci, lattuga, bietola, sedano, cavolfiore, ecc.) o, in giardino, per prati, arbusti lineari o specie tappezzanti.

Vantaggi

  1. Irrigazione omogenea, molto interessante in modo che tutte le piante ricevano la stessa quantità di acqua.
  2. Possibilità di utilizzare fertilizzanti nel flusso d’acqua.
  3. Elevata resistenza all’usura e buona ottimizzazione dell’acqua.

Svantaggi

  1. Il suo utilizzo è limitato alle specie con un’alta densità di piantagione o, in caso contrario, si verificherà una perdita di efficienza idrica.
  2. L’uso di sostanza organica liquida in fertirrigazione dovrebbe essere limitato, poiché esiste il rischio di intasamento della superficie microforata.
  3. Con il tempo e la formazione di biofilm, è possibile che l’omogeneità dell’irrigazione si riduca.

Quale impianto di irrigazione si adatta meglio alle mie esigenze?

In ogni caso, essendo un blog che ricerca l’efficienza, escludiamo l’irrigazione allagamento, salvo imperativi, vecchi orti familiari o impossibilità di altri tipi di installazione per mancanza di allacciamento elettrico, ad esempio.

Tra irrigazione a goccia o a pioggia, il modo per differenziarli è chiaro.

Si consiglia l’irrigazione a goccia:

  • Colture con impianto a telaio <100.000 piante/ha.
  • Problemi di costo, fornitura e qualità dell’acqua di irrigazione.
  • Colture arboree.
  • Aree con problemi di sviluppo delle erbe infestanti.

Applicheremmo l’irrigazione essudante quando vogliamo evitare un aumento eccessivo dell’umidità ambientale (tipica dell’irrigazione a pioggia) e cerchiamo un’elevata omogeneità di resa idrica, ad esempio per prati, piantagioni ad alta densità o piante tappezzanti.

Si consiglia l’irrigazione a pioggia:

  • Alta densità di impianto
  • Colture che richiedono umidità ambientale
  • Aree senza problemi di costi o di richiesta di acqua.
  • Terreni molto lavorati (dissodati) durante lo sviluppo della coltura.
  • Colture che non riducono la loro produttività in presenza di erbe infestanti.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.