Suggerimenti

L’UE vieta la vendita e la riproduzione di semi autoctoni e tradizionali

È una settimana molto frenetica. Ultimamente le persone hanno inviato email a centinaia di migliaia su questo argomento. Sembra che ci siano state alcune importanti modifiche dell’ultimo minuto al conto, incluse alcune modifiche apportate domenica sera.

Sebbene questa sia ancora una cattiva legge, è molto meno cattiva della stesura iniziale, o anche di altri progetti di legge. Ciò è dovuto alla pressione di molte persone. In ogni caso, dobbiamo essere vigili per garantire che non ci siano cambiamenti in peggio, poiché ciò che accade attraverso l’UE si traduce in leggi nei paesi che la compongono. Ecco una sintesi della situazione attuale. Un link a fine articolo permette il download della bolletta.

La nuova legge sulle sementi riduce l’accesso alle sementi per l’uso domestico e limita i raccolti degli agricoltori.

Lunedì 6 maggio è stata presentata alla Commissione Europea una nuova legge che stabilisce nuovi poteri per regolamentare la coltivazione delle piante in tutta Europa . La ” Legge sul materiale riproduttivo vegetale ” regola tutte le piante. Contiene restrizioni sulla coltivazione di ortaggi e sulla piantagione di alberi, mentre vengono creati nuovi poteri per limitare tutte le altre piante di qualsiasi altra specie in un secondo momento.

Secondo la nuova legge, sarà illegale coltivare, riprodurre o commercializzare qualsiasi seme di pianta o albero che non sia stato testato e approvato da una nuova “Agenzia europea per le varietà vegetali”, che sta per redigere un elenco di piante autorizzate. D’altra parte, all’Agenzia deve essere versata una quota annuale per mantenere quei semi nell’elenco e se non viene pagata non possono essere coltivati.

Dopo molte proteste e intense pressioni da parte di associazioni di consumatori, piccoli agricoltori, banche genetiche e persino alcuni governi degli Stati membri, sono state apportate alcune modifiche dell’ultimo minuto, che, sebbene non siano una legge perfetta, ne hanno notevolmente ridotto l’impatto.

Le concessioni last minute, dovute alla pressione pubblica, sono le seguenti:

* I giardinieri possono salvare e scambiare semi non approvati senza infrangere la legge.

* Gli individui e le piccole organizzazioni possono procurarsi semi di ortaggi non approvati purché abbiano meno di 10 dipendenti.

* Le banche dei semi possono conservare semi non approvati senza infrangere la legge.

* Nella futura legislazione (senza specificare quando) verranno regolamentate le sementi adatte all’agricoltura biologica.

Le restrizioni seguono per il resto, e alla lunga sarà più difficile per le persone entrare in possesso di buoni semi da coltivare in casa. Ci sono anche clausole che potrebbero ribaltare precedenti concessioni senza passare per il Parlamento per il voto.

Stiamo pensando a quale sarà il prossimo passo. Sembra che la legge andrà al Parlamento per la sua modifica o approvazione, quindi ci sono ancora possibilità di modifiche, in meglio o in peggio. Dobbiamo continuare la nostra campagna in modo che vengano approvati solo miglioramenti alla legge.

Ben Gabel, coltivatore di piante ed editore di The Real Seed Catalog , ha dichiarato:

Il disegno di legge è stato orribile, ed è bene notare che la Commissione ha risposto in modo soddisfacente alle richieste di centinaia di migliaia di cittadini che hanno alzato la loro voce contro di essa. Hanno fatto alcune importanti concessioni per la coltivazione domestica e per i piccoli agricoltori, anche se è un peccato che non siano stati pensati in primo luogo.

Tuttavia, ci sono ancora conseguenze negative. I giardinieri, gli agricoltori biologici e gli agricoltori che coltivano per i mercati locali su piccola scala avranno il diritto di accedere alle diverse varietà vegetali.

Questo perché il sistema di registrazione principale non facilita l’ uso domestico (orti, frutteti) – le varietà per uso domestico non soddisfano i rigidi criteri dell’Agenzia delle varietà vegetali, che si preoccupa solo di far passare i semi utilizzati dall’agricoltura industriale.

Per questo motivo, le aziende sementiere hanno registrato e venduto varietà di semi per uso non professionale in casa. Con il nuovo sistema, che ora si chiama varietà “locali”, non esiste un registro di queste varietà, ma c’è un grosso inconveniente: a qualsiasi azienda con più di 10 dipendenti è vietato coltivarle e utilizzarle.

Quindi nuove varietà per la coltivazione domestica possono essere sviluppate solo da piccole organizzazioni e potrebbero non avere le risorse per farlo. Ci saranno pochissime varietà professionali per l’uso da parte dei giardinieri o per l’agricoltura sostenibile su piccola scala.

La legge ridurrà anche la scelta dei grandi agricoltori. In alcuni casi, nuove varietà vegetali saranno consentite solo se approvate e risultate migliori di quelle attualmente elencate. Questo è assurdo, poiché i benefici di una nuova varietà vengono spesso scoperti dopo diversi anni, ad esempio, quando si osserva la sua resistenza a questa o quella malattia. In un mercato libero, dovrebbe spettare agli agricoltori dire l’uso delle nuove varietà e quali preferiscono in base alla loro esperienza.

Non c’è davvero bisogno di questo nuovo complesso regolamento . Abbiamo già delle leggi che tutelano il consumatore: i semi devono essere idonei alla vendita; Devono corrispondere alla descrizione e corrispondere a quanto pubblicizzato. L’attuale legge sulle sementi copre già la difesa della salute, della tracciabilità e della sicurezza. Chi produce semi è già ispezionato e i suoi semi certificati dagli Enti di Stato.

Questo è un esempio di burocrazia fuori controllo. Non vogliamo che così tanti funzionari dell’UE vengano pagati per spostare montagne di carte per interferire con il diritto delle persone di coltivare ciò che vogliono, né dovremmo pagare per l’uso di piante che sono state utilizzate per migliaia di anni in agricoltura su piccola scala.

È anche preoccupante che si siano dati il ​​potere di regolamentare e approvare la coltivazione di qualsiasi specie vegetale in futuro, non solo quelle per uso agricolo, ma erbe, muschi, fiori, ecc., senza dover necessariamente passare per il Consiglio per il tuo voto

Questa legge è stata scritta pensando alle esigenze delle multinazionali dell’agricoltura e dell’industria sementiera, che forniscono sementi in grandi quantità per la produzione industriale. È qualcosa che non dovrebbe valere per usi domestici o piccoli agricoltori che producono per i mercati locali, che hanno esigenze molto diverse.

Chiediamo l’esenzione totale per legge dei semi venduti in piccole quantità ai singoli consumatori”.

[…]

Contatto per i media: Ben Gabel di The Real Seed Catalog , [email protected]

[…]

Ulteriori informazioni e un avviso:

Se leggi solo le prime 5 pagine, che possono essere intese come un riassunto, penserai di sapere di cosa tratta la legge. Il riassunto non è quello che diventerà la legge. Sono i diversi articoli che diventano Legge. Il riassunto non ha personalità giuridica e appare solo come ausilio al pubblico, e dovrebbe fornire informazioni generali e stabilire un contesto per sapere cosa sta succedendo e perché.

Il problema di questa legge è che nel riassunto si dicono tante cose carine in modo soft su preservare la biodiversità, semplificare la normativa, facilitare le cose, ma gli articoli parlano del contrario. Il riassunto non diventa legge.

Ad esempio, i punti 1, 2 e 3 parlano di facilitare le cose per ottenere le varietà non professionali, ma si scopre che tutte queste varietà sono state abolite negli articoli iniziali della Legge.Tuttavia, il riassunto e i comunicati stampa parlano ancora sull’aiuto alla conservazione delle varietà non professionali. Il riassunto è falso: non include i punti di vista della Legge.

Perciò stai attento. Tralascio il riassunto, che non rispecchia affatto ciò che è la legge.

Versione ufficiale del disegno di legge presentato il 6 maggio 2013:

https://ec.europa.eu/dgs/health_consumer/pressroom/docs/proposal_aphp_en.pdf

Via G mwatch e News di seguito
.

.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *