Suggerimenti

Come fare un piano di fertilizzazione delle patate

I nostri consigli sulla concimazione delle patate.

L’applicazione continua di fertilizzanti si adatta molto bene alle patate. Tanto che la sua produzione aumenta vertiginosamente. Occorre però controllare quali prodotti e di quale natura applichiamo in base alla fase fenologica in cui si trova la patata.

Quando si prepara un fertilizzante per patate, è importante controllare la quantità e l’origine della materia prima. Vi racconteremo tutto questo in questo articolo.

Come accennato in precedenza, è importante applicare continuamente fertilizzanti alla patata, poiché periodi di scarsità di nutrienti, anche se temporanei, possono ridurre notevolmente la produzione finale di patata.

In questa immagine puoi vedere il ciclo fenologico della patata, dove attraversa diverse fasi di crescita, come qualsiasi altra pianta.

Tuttavia, è importante prestare attenzione alle linee gialle e verdi, in quanto segnano il periodo in cui la patata si trova nella fase di crescita vegetativa, dove viene data particolare attenzione agli apporti di azoto e fosforo, e alla fase di crescita riproduttiva., dove la pianta già fruttifica e dobbiamo modificare la concimazione della patata per facilitarne il riempimento e la crescita omogenea.

Produzione media di patate con fertilizzanti

La produzione media nella coltivazione della patata è di circa 50-60 t/ha, considerando gli apporti di fertilizzazione. Un valore importante in questo tipo di coltivazione è la qualità del frutto (colore, spessore e resistenza della buccia) e la sua omogeneità.

Per noi è inutile avere 60 t/ha di frutti dove c’è una grande differenza di pezzatura tra di loro. Nella coltivazione delle patate, l’ omogeneità è molto apprezzata.

Il calibro finale dipenderà dal mercato a cui ti rivolgi, dal momento che le patate di piccolo calibro stanno diventando di moda per la comodità di maneggiarle a casa.

La concimazione e la concimazione della patata ha un’importanza particolare per ottenere una maggiore o minore omogeneità dei calibri. Soprattutto, controllando la fase fondamentale della tuberizzazione e dell’ingrasso dei frutti e assicurando che la distribuzione degli zuccheri trasportati sia equilibrata.

L’importanza dell’apporto di sostanza organica

L’importanza della sostanza organica nella qualità del frutto e nella sua produzione finale è stata più che dimostrata.

La patata è una coltura che, poiché si sviluppa nel terreno, ci serve per avere la massima qualità fisica possibile. Con questo si intende che non ci sono ostacoli meccanici allo sviluppo del frutto come ghiaia, sassi o terra incrostata che deformi il frutto o ne limiti la crescita.

Una soluzione a questo tipo di problema è l’incorporazione di materia organica. Oltre a mineralizzare lentamente e fornire preziosi nutrienti come azoto, fosforo, potassio o micronutrienti, migliora anche la consistenza e la temperatura del terreno, concetti molto importanti nello sviluppo della patata.

La quantità di sostanza organica da applicare dipende dal suolo e da un’analisi del suolo. Il tasso medio raccomandato di sostanza organica è compreso tra 1,5 e 2%.

Ogni vari anni vengono normalmente apportati apporti di 40-60 t/ha di sostanza organica, applicati diversi mesi prima della messa a dimora, poiché in questo modo si garantisce che sia sufficientemente decomposta e asciutta per non bruciare le radici delle future piante.

Raccomandiamo vivamente di fare un test del suolo ogni anno. Il costo è compreso tra 80-90 € e possiamo risparmiare 2 o 3 volte tale importo se scegliamo bene il piano di concimazione delle patate.

estratti di patate

Secondo le bibliografie, le estrazioni medie nella coltivazione della patata sono le seguenti:

  • Azoto: 250-300 kg/ha di azoto
  • Fosforo: 80-100 kg/ha di fosforo
  • Potassio: 350-450 kg/ha di potassio
  • Calcio: 150-200 kg/ha di calcio
  • Magnesio: 40-60 kg/ha di magnesio

Queste quantità sono scelte per una produzione media di 50-60 t/ha di patate. Dobbiamo avere quello che abbiamo nel terreno che possiamo salvare noi stessi e con il calcio e il magnesio che fornisce l’acqua di irrigazione.

Sì, è anche importante fare un’analisi dell’acqua per vedere cosa abbiamo. Almeno ogni 2 o 3 anni.

L’importanza di ogni nutriente nella concimazione delle patate

Fornitura di azoto

L’azoto è uno degli elementi più importanti nella coltivazione delle patate. Molte volte utilizzato abusivamente e senza controllo, e non per questo ottenendo produzioni superiori. Al contrario.

L’importanza dell’azoto risiede principalmente nel periodo in cui i tuberi sono in formazione e sviluppo. Questo praticamente coincide con 30-60 giorni da quando la patata è stata piantata.

Poiché l’azoto ha un effetto positivo sullo sviluppo della parte aerea (steli e foglie), la pianta potrà accumulare più energia dalla fotosintesi e inviarla ai frutti, che stanno crescendo.

Tuttavia, se ne applichiamo troppo, oltre ad essere più suscettibili a parassiti e malattie, può causare fisiopatie nella patata, come l’oscuramento dell’interno della patata o l’ aspetto di un cuore cavo. 

Contributo di fosforo

Il fosforo è coinvolto, come sicuramente avrete visto in altre colture, nella produzione delle radici. L’applicazione della quantità consigliata nel piano di concimazione della patata produce una maturazione precoce (favorisce l’accumulo di vitamina D) e aumenta il contenuto di amido come fattore organolettico.

In un test del suolo, possiamo controllare la quantità nel suolo di fosforo Olsen, misurata in ppm (parti per milione o mg/kg).

Nella maggior parte dei suoli spagnoli, il fosforo si trova in quantità abbastanza elevate rispetto a quanto raccomandato. Il problema è la disponibilità ad essere assorbito dalla pianta. Come è noto, in un terreno calcareo ad alto contenuto di calcio e/o magnesio (fornito dall’acqua di irrigazione, sicuramente), la precipitazione del fosforo è quasi immediata, con una resa prossima al 15-20%.

Assunzione di potassio

Per quanto riguarda il fabbisogno di potassio nella patata, è un nutriente che non può mancare. Erroneamente, non dovrebbe essere fornito solo nelle fasi finali della maturazione della patata, poiché è importante anche per svolgere altri ruoli (come la regolazione dell’acqua delle piante) durante le fasi vegetative.

È però nella fase di riempimento dei frutti che ne viene maggiormente fornito, poiché il potassio è coinvolto nel movimento di zuccheri e carboidrati dalla parte aerea (foglie e steli) ai frutti.

È importante contribuire nelle quantità consigliate se vogliamo frutti di dimensioni simili e quando cerchiamo l’omogeneità. 

Inoltre, un potassio ben fornito aumenta la resistenza del frutto ai danni meccanici post-raccolta o durante la raccolta. Un fattore importante da considerare.

Contributo di calcio, magnesio, zolfo e micronutrienti

Non dimenticare mai calcio e mangasio. È qualcosa che di solito viene eliminato nei piani di abbonamento, dove vengono forniti solo azoto, fosforo e potassio. Partiamo dal presupposto che l’acqua di irrigazione o il terreno abbiano già abbastanza calcio e magnesio, ma non è sempre così, almeno nelle zone con terreno acido.

Quello che devi sapere è che la qualità del frutto e la sua produzione finale è strettamente legata al contenuto di calcio. Influenza la qualità della pelle e previene una fisiopatia nelle patate nota come necrosi all’interno del tubero.

I micronutrienti sono  essenziali per qualsiasi pianta, poiché agiscono come catalizzatori nell’assorbimento del resto dei nutrienti.

Tra tutti il ​​ferro è il più giallo, poiché produce la ben nota clorosi ferrica  che provoca un ingiallimento generale della pianta, soprattutto nella parte aerea, ma rispettando il colore originario delle nervature.

Tieni presente che molti di questi micronutrienti devono essere in forma chelata (protetta con una speciale molecola che ne impedisce l’insolubilizzazione), a seconda del pH del terreno che hai. Il chelato più noto per il ferro è il chelato Fe EDDHA.

Programma di concimazione delle patate a goccia o pivot

L’uso efficiente della fertirrigazione si sta imponendo sempre di più, a scapito dell’irrigazione a solco oa tappeto, come è tradizionalmente noto.

Utilizzando questo mezzo, come l’irrigazione a goccia, risparmiamo sull’applicazione di acqua e concentriamo il volume proprio sulle radici.

Inizialmente, nota come concimazione di fondo, i nutrienti che rimangono nel terreno vengono solitamente applicati in attesa che la patata venga piantata o trapiantata. Ciò garantisce l’assorbimento immediato dei nutrienti nelle prime fasi dello sviluppo.

Le formule più consigliate per il fertilizzante per patate in applicazione dal basso sono solitamente queste:

  • 4-8-12 (NPK)
  • 5-8-10 (NPK)
  • 6-12-18 (NPK)

Come puoi vedere, sono formule nutritive ricche di potassio e fosforo, ma non tanto di azoto, poiché è più conveniente fornirlo nel condimento superiore.

Il potassio che viene applicato in questa fase sarà disponibile per quando il frutto sarà riempito, una fase critica in cui è richiesto il massimo assorbimento di questo elemento nella concimazione della patata.

Storicamente sono state utilizzate formule come 15-15-15, 20-20-20, ecc. Tuttavia, la concimazione delle patate è avanzata e nelle prime fasi si considera un apporto eccessivo di azoto (15 o 20%), che si trasformerà rapidamente in una forma direttamente assorbibile (nitrico o nitrato) senza una completa crescita delle radici. Pertanto, percolerà nel sottosuolo e produrrà contaminazione dei corpi idrici.

Dose da utilizzare nella fertilizzazione di fondo

Delle formule precedentemente consigliate,  nel fertilizzante di fondo si aggiungono solitamente 600-800 kg/ha. Può essere in forma solida come complessi o miscele granulari, munito di trattore oppure in forma liquida come sospensioni o formulazioni liquide.

  • Il costo di queste formule e nella quantità consigliata oscilla tra 250-300 €/ha

Concime per patate in copertura

Se andiamo direttamente al condimento superiore, durante le fasi di crescita della patata, abbiamo diverse opzioni da utilizzare. Li commenteremo tutti.

Che si tratti di fertirrigazione sotto forma di gocciolamento o pivot, si consiglia di fornire i seguenti fertilizzanti.

Durante il primo mese di sviluppo della patata

Contributi da 10-20 giorni dalla germinazione. Non aggiungere fertilizzanti se la pianta è ancora piccola e non ha foglie vere e nuovi steli formati.

  • 10-3-5 (NPK)
  • 8-3-5 (NPK)
  • 12-2-5 (NPK)

Cioè, soluzioni con un’alta concentrazione di azoto per una rapida crescita delle patate. Inoltre, si integra molto bene con il fertilizzante di base poiché non ne abbiamo utilizzato una grande quantità a causa del rischio di lisciviazione.

Con la fertilizzazione di fondo, l’assimilazione del fosforo è pienamente garantita e quindi si riduce la dose.

Dose da utilizzare di queste 3 formule, tra 500-600 kg/ha. Dose inferiore per un apporto di azoto inferiore e viceversa.

Se utilizziamo fertilizzanti semplici nella concimazione della patata – IRRIGAZIONE A GOCCIA:

  • Nitrato di ammonio: 250 kg/ha
  • Acido fosforico: 60 kg/ha
  • Nitrato di potassio: 110 kg/ha

Questo ha un costo approssimativo di 160-170 €/ha

Se utilizziamo fertilizzanti semplici nella concimazione delle patate – IRRIGAZIONE PER PIVOT:

Rinunciamo all’uso dell’acido fosforico, per evitare di bruciare la parte aerea a causa della sua estrema acidità:

  • Nitrato di ammonio: 230
  • Fosfato monoammonico: 50 kg/ha
  • Nitrato di potassio: 110 kg/ha

Questo fertilizzante per patate in questa fase ha un costo approssimativo di: 180-190 €/ha

Come puoi vedere, i cloruri non vengono utilizzati per non danneggiare la produttività della pianta nei terreni salini.

Durante il 2° mese di crescita della patata

La concimazione della patata nel 2° mese, circa (da 30 a 60 giorni o da 40 a 70 giorni dalla germinazione), consisterà nell’applicazione della seguente proporzione di nutrienti:

  • 6-3-6 (NPK)
  • 6-2-8 (NPK)
  • 7-3-7 (NPK)

In altre parole, diamo praticamente la stessa importanza all’apporto di azoto e potassio, lasciando fosforo in quantità minori ma mantenendole costanti come nel primo mese.

Le dosi da utilizzare per questi rapporti nutrizionali sono di 800-1000 kg/ha.

Scomposizione in fertilizzanti solidi [6-2-8] DRIP:

  • Nitrato di ammonio: 110 kg/ha
  • Acido fosforico: 40 kg/ha
  • Nitrato di potassio: 175 kg/ha

Costo approssimativo: 170-180 €/ha

Se utilizziamo acido fosforico, è accettato solo in fertirrigazione a goccia. In applicazione aerea per perno, non perché diventi molto acido e si corre il rischio di bruciare le foglie, anche se è una grossa goccia.

Questa alternativa è proposta nel 2° mese di sviluppo della patata – PIVOT:

  • Nitrato di ammonio: 100 kg/ha
  • Fosfato monoammonico: 35 kg/ha
  • Nitrato di potassio: 175 kg/ha

Costo approssimativo: 190-200 €/ha

Fertilizzante per ingrassare le patate dal 3° mese di sviluppo fino alla raccolta

Si passa ad una fase riproduttiva in cui viene data importanza assoluta alla produzione dei frutti. Pertanto, cerchiamo un equilibrio nutrizionale ricco di potassio come fertilizzante per ingrassare le patate.

Ecco perché, come abbiamo detto prima, dobbiamo fornire una buona quantità di potassio e lasciare da parte l’azoto, che verrà fornito in piccole quantità o nullo, a seconda del fertilizzante di fondo e della quantità di sostanza organica nel terreno..

Opzione 1: fertilizzante liquido NPK 0-0-10

Opzione 2: fertilizzante liquido NPK 2-0-10

Dosaggio da utilizzare, compreso tra 800 e 1.000 kg/ha di concime

Possiamo applicarlo con solfato di potassio (200 kg/ha) poiché non fornisce azoto.

Prodotti consigliati

Articoli correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.