Suggerimenti

Il futuro della marijuana medica

Sempre più spesso si sta aprendo un’ampia gamma di possibilità per combattere i disturbi della marijuana medica. Negli Stati Uniti, gli stati del Nevada, della California e del Massachusetts ne hanno approvato l’uso per legge, sotto controllo medico.

Altri paesi come Messico, Portogallo, Israele, Regno Unito, Danimarca, Croazia e un lungo eccetera seguono lo stesso percorso. Tuttavia, la marijuana medica deve essere differenziata da quella relativa al consumo come sostanza psicoattiva. Almeno moralmente.

La regola numero 1 di un sistema sanitario adeguato è ridurre il più possibile la situazione del dolore. Quindi, è stato trovato un elemento naturale della pianta per alleviarlo, temporaneamente o cronicamente.

Infatti, banche del seme e distributori di prodotti, come Hortitec, offrono sempre più una varietà genetica maggiore che può adattarsi ad ogni esigenza o disturbo.

In ogni caso, quello che è chiaro è che ci sono molti riferimenti scientifici e sperimentazioni mediche che garantiscono i benefici (e anche i danni) dell’uso della marijuana terapeutica, sotto controllo medico.

Ciò ha comportato una crescita, a livello agronomico, della specializzazione di questa coltura, pensando a una situazione futura in cui ci siano aziende private con appalti pubblici dedicati alla produzione di questa pianta e alla sua vendita all’industria farmaceutica.

Il business della marijuana medica

Il business della cannabis medica è stimato in 50.000 milioni di euro, secondo l’Osservatorio spagnolo sulla cannabis medica, quindi aspira a diventare il successo del 21° secolo.

Sebbene in Spagna l’uso ricreativo e medicinale non sia autorizzato, siamo all’avanguardia in termini di ricerca e tecniche di produzione.

La cosa interessante di questa pianta è che in futuro sarà possibile ottenere varietà di marijuana medica a basso contenuto di THC (sostanza psicoattiva) e CBD (non è psicoattiva e offre molte proprietà medicinali interessanti).

Il Dipartimento di Biochimica dell’Università Complutense di Madrid sta cercando di realizzare una mappa delle varietà per conoscere gli effetti collaterali, la tracciabilità e creare un futuro «vademecum» specifico per ogni paziente, à la carte.

Attualmente stiamo parlando di più di 120.000 persone in Spagna che soffrono di sclerosi multipla, crisi epilettiche, cancro in fase avanzata o dolore cronico che si autosomministrano senza controllo medico (perché è vietato) ed è ciò che deve essere evitato.

Ciò che è chiaro è che la marijuana medica è qui per restare e le grandi società che distribuiscono cibo, bevande (Coca-Cola), tabacco (Philip Morris), prodotti farmaceutici, software, biotecnologie e persino aziende di fertilizzanti, vogliono il loro pezzo di torta.

L’ONU stima che il numero di consumatori regolari di marijuana sia di 200 milioni, sebbene ci siano solo 75 milioni di utenti legali registrati.

Pertanto, a livello di agricoltura, si pone una nuova sfida perché c’è pochissima esperienza con questa coltura, nonostante sia con noi da più di 4.000 anni. Attualmente, ci sono più di 600 brevetti relativi al settore della marijuana, che vanno dai fattori per migliorare la produzione e le varietà, ai sistemi di estrazione, raccolta e conservazione.

La Spagna ha grandi distese di terra da coltivare, quindi richiederà professionisti dell’ingegneria agronomica per controllare il processo dalla semina alla raccolta, secondo gli standard medici e legali che verranno imposti.

Attualmente, il Paese che si sta muovendo di più e accelerando il futuro mercato della marijuana medica è il Canada (l’azienda principale è Canopy, con una capitalizzazione di mercato di oltre 15.000 milioni di euro). Tuttavia, non hanno una superficie adeguata per la loro coltivazione, a causa della temperatura e di altri fattori negativi per la loro coltivazione.

Coltivazione autorizzata in Spagna

Da febbraio 2019, 4 ettari (40.000 m2) di produzione sono stati autorizzati in Spagna sotto controllo legale. Si trovano nella regione di Murcia, in Andalusia, in Catalogna e nella Comunità Valenciana. Sono zone con una maggiore predisposizione alle buone temperature, inverni più miti e dove attualmente esiste una maggiore superficie dedicata a tutti i tipi di colture.

In Spagna, la coltivazione della cannabis è valida solo per scopi di ricerca, scientifici o medici e deve essere preventivamente approvata dall’Aemps (Agenzia spagnola per i medicinali e i prodotti sanitari).

Le future sfide agronomiche, quando ci sarà un improvviso aumento delle superfici vitate, saranno quelle di aumentare la produzione per superficie piantata, garantendo standard elevati di alto contenuto di CBD (cannabidiolo), il principio attivo senza effetti psicoattivi e che offre un’ampia gamma di possibilità di controllare il dolore (inibisce la trasmissione dei segnali nervosi associati al dolore) e l’inibizione della crescita delle cellule tumorali.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.