Suggerimenti

Come fare ancora più compost con Bokashi

Sono un contadino ribelle a cui piace provare tutte le cose che la gente mi dice di non fare (purché siano legali). Per esempio, quando si tratta di compostaggio, avevo i miei dubbi su queste liste di cose da non fare.

L’elenco dice di non fertilizzare con alimenti preparati, carni, latticini, escrementi di gatto, ecc. Beh, vi assicuro che se costruite un mucchio abbastanza grande, tenete lontani i parassiti e invecchiate il vostro concime per un anno, potete concimarlo in modo sicuro.

Per la cronaca, ai produttori di alimenti è persino consentito coltivare il cibo in acque reflue solide semi-composte. Quindi immagino che se queste cose possono essere sicure per i campi, allora molte cose che ci piace pensare siano tabù (come la cacca) possono anche fare del buon compost.

Ora vivo in campagna. Di conseguenza, i miei vicini più vicini sono l’equivalente di pochi isolati di distanza. Questo significa che nessuno si accorgerà se il mio cumulo di concime puzza per un giorno o due dopo che l’ho costruito. Non c’è anche nessuno di cui lamentarsi se ho mosche che ronzano intorno al mucchio fino a quando non si riscalda.


Gli inizi di Bokashi

Di recente, ho iniziato a chiedermi se potevo fare del compost per tutto, anche senza costruire una gigantesca compostiera. Anche per me, ci sono momenti, come in inverno, in cui vorrei poter lavorare prima i miei avanzi invece di conservarli per quando ho abbastanza materiale per fare una grande pila.

Si scopre che c’è un modo semplice per rendere quasi tutto sicuro per il compostaggio. Funziona anche se si vive in un appartamento e giardino in container.

È necessario far fermentare i rifiuti prima di poterli compostare. Il processo di fermentazione dei rifiuti per prepararli al compostaggio si chiama “bokashi”. È una parola giapponese che significa materia organica fermentata .

Come la fermentazione dei crauti, del vino, del sidro o della birra, la fermentazione dei loro rifiuti potenzialmente maleodoranti avviene in un ambiente anaerobico o privo di aria. Per questo motivo è possibile farlo anche al chiuso in uno spazio ridotto.

Come per gli altri fermenti, per ottenere i migliori risultati è necessario creare le condizioni ideali di fermentazione. Fortunatamente, trasformare i vostri rifiuti alimentari puzzolenti in bokashi è facile come mantenere un contenitore vermicompostato.


Gli strumenti del bokashi

Questo è ciò di cui avete bisogno per far fermentare i vostri materiali meno aromatici compostabili a casa.


Il Cubo di Bokashi

Come per il vermicompost, la chiave del bokashi è il contenitore in cui è fatto. Deve essere a tenuta stagna e limitare la trasmissione della luce.

Perché il bokashi funzioni bene, i suoi rifiuti devono avere un contenuto di umidità del 60%. La maggior parte dei prodotti alimentari tendono ad avere più liquidi di questo. Ecco perché anche il vostro secchio di bokashi deve essere svuotato in modo che il liquido in eccesso possa fuoriuscire.

Durante il processo di fermentazione, questo liquido extra si fa strada fino al fondo del vostro secchio di bokashi. Se si accumula troppo a lungo, può causare problemi di fermentazione.

Quindi questo fluido ha bisogno di una via d’uscita. Ci sono alcuni semplici modi per affrontare la questione.


Secchio con rubinetto

È possibile acquistare un secchio bokashi ufficiale con una valvola deluxe sul fondo. È anche possibile utilizzare uno di quei secchielli per la fermentazione della birra che hanno un rubinetto sul fondo. Vi consiglio di mettere un sottile pezzo di rete sopra l’apertura della valvola all’interno del secchio per evitare che il rubinetto si intasi.


Secchio doppio

È anche possibile creare il proprio cubo bokashi. Il modo più semplice è quello di fare alcuni fori di drenaggio sul fondo di un secchio. Poi annidate questo secchio in un altro secchio della stessa dimensione.

Assicuratevi che i due cubi si incastrino insieme. Inoltre, il secchio con i fori ha bisogno di un coperchio molto stretto. Il secchio stretto e il coperchio rendono impossibile per Bokashi ottenere le condizioni d’aria richieste da Bokashi.


Drenaggio domestico

Se avete una sega a tazza, potete anche acquistare parti idrauliche in PVC per pochi euro presso il negozio di ferramenta per fare un tubo di scarico nel vostro secchio domestico. Avrete bisogno di un riduttore per accoppiatore filettato, un po’ di stucco in silicone e un capezzolo per il lato più piccolo del riduttore dell’accoppiatore.

Questa opzione funziona un po’ meglio di un rubinetto, purché si metta un po’ di carta nel foro di scarico prima di iniziare a riempire il secchio. La carta impedisce alle particelle di cibo di defluire nel grande scarico quando si apre il coperchio. È anche possibile utilizzare uno schermo di metallo se si desidera qualcosa di permanente.


Bokashi Starter

Starter kit Bokashi

Come per la birra o il vino con il lievito selvatico, si può fare il bokashi utilizzando batteri indigeni. Tuttavia, questo richiederà più tempo.

Inoltre, potreste non avere abbastanza del giusto tipo di batteri per ottenere i risultati desiderati. Di conseguenza, potrebbe anche essere un completo disastro!

Proprio come l’aggiunta di un lievito specifico al vino o alla birra, l’aggiunta di un fermento bokashi al residuo per la fermentazione garantisce il giusto tipo di batteri. In questo modo, potete facilmente trasformare i vostri rifiuti puzzolenti in un compost fermentato che ha un ottimo profumo.

Il suono inoculato è il tipo più comune di iniziatore bokashi. La crusca è ottenuta dalla lolla di grano o di riso essiccata e polverizzata. La crusca viene fatta fermentare in acqua zuccherina melassosa inoculata con appropriati tipi di batteri.

È possibile acquistare o fare il proprio suono. Tuttavia, vi suggerisco di acquistare il suono commerciale per iniziare, in modo da poter vedere come dovrebbe funzionare. Poi si può fare il proprio.

È possibile utilizzare il suono inoculato bagnato o asciutto. Tuttavia, quando si è nuovi al suono, il suono secco è più facile da lavorare. Il suono secco del bokashi è stabile.

Non si modella come una cassa di risonanza bagnata. Inoltre, pesa meno, quindi se si devono pagare le spese di spedizione, il costo è a volte inferiore a quello del suono umido. Tuttavia, quando si produce il proprio suono a casa, il suono umido è meno elaborato.

Se siete interessati, potete acquistare lo starter kit per iniziare.


Cibo

L’ultima cosa di cui avete bisogno per fare il bokashi è tutto lo spreco di cibo che darete ai batteri che creano il bokashi. Personalmente, dato che il suono costa denaro per l’acquisto o la produzione, io faccio solo bokashi da “roba disgustosa”. Tutto il resto va nel mio normale ammasso di concime.

Il disgusto comprende tutto ciò che può attirare le mosche o contenere agenti patogeni. Carne, grassi, oli, cibi preparati, latticini, piccole ossa e molto altro ancora sono cucinati in inverno a casa mia.

Per ottenere i migliori risultati, la maggior parte delle persone consiglia di tenere il bokashi in piccoli pezzi. Più grande è la superficie, più facile è per i batteri colonizzare. Questo dovrebbe aiutare il processo.

Personalmente, essendo un trasgressore delle regole, tendo a mettere qualsiasi cosa nel mio secchio. Se i pezzi non sono piccoli, aggiungo più suono per compensare la mancanza di superficie.

Non ho ancora avuto problemi con questo metodo pigro. Ma sta a voi decidere se volete correre il rischio di infrangere le regole o meno.


Il processo Bokashi

Ora che avete i vostri strumenti pronti, il resto è super facile.


Fase 1: Aggiungere il materiale di alimentazione

La prima cosa da fare è aggiungere 2-3
cm dei vostri rifiuti sul fondo del vostro secchio.


Passo 2: Estendere il suono di Bokashi

Poi si coprono i resti con una luce…
…polvere di crusca bokashi. Se si usa la crusca secca, si usa un po’ di
meno che con il suono bagnato.

Anche se di solito ci vogliono circa 2 o 3 cucchiai del suo inoculo per ogni strato quando si usa un secchio. La vostra sorgente sonora o la vostra ricetta vi fornirà di solito istruzioni più specifiche per l’applicazione.


Passo 3: Ripetere i passi 1 e 2

Ora ripetere i punti 1 e 2 fino a raggiungere la parte superiore del secchio. Fermatevi a circa 5 centimetri dalla cima in modo che il vostro secchio non esploda durante la fermentazione.

Si noti che, come regola generale, ho provato anche questo. Il suo coperchio è diventato brutto e coperto di schiuma bianca. E a volte si stacca quando si apre il secchio. Così, lasciando un po’ di spazio in alto, si rende il bokashi meno sporco!

Inoltre, tenere il secchio chiuso tra le fodere. Questo aiuterà a controllare gli odori e a limitare parassiti come mosche e zanzare fino a quando l’azione effettiva inizia quando il secchio è pieno.


Fase 4: Rimuovere il liquido

Ogni 2 o 3 giorni vorrete rimuovere il liquido bokashi che si accumula sul fondo. Se si utilizza un rubinetto o uno scarico, mettere una tazza sotto prima di aprire l’apparecchio. Poi raccogli questo liquido nella tua tazza.

Se si usa il metodo del doppio secchio, il modo più semplice per rimuovere il liquido è quello di mettere il secchio bokashi con i fori di scarico direttamente in un altro secchio. Poi il secchio contenente il liquido diventa la vostra tazza.


Fase 5: Fermentare i rifiuti

Una volta arrivati in cima al secchio, lasciate il coperchio e lasciatelo riposare per 2 o 3 settimane. La vera fermentazione avviene quando si smette di aprire e chiudere il coperchio per aggiungere gli avanzi.

Non dimenticate di continuare a drenare il liquido durante la fermentazione.


Fase 6: Utilizzate il vostro Bokashi per la fecondazione

Bokashi non è un fertilizzante. Si tratta essenzialmente di rifiuti di compost pre-digerito che sono stati resi sicuri per l’uso in altri processi. Ora dovete concimarlo con gli altri metodi di compostaggio. Il modo più semplice, sicuro ed efficace per usare il bokashi è quello di fare delle trincee con esso.

Anche se realizzate un contenitore da giardino, potete usare questo concetto con i vostri grandi contenitori. Tutto quello che dovete fare è mettere qualche centimetro di terra sul fondo del vostro contenitore.

Poi metteteci i vostri fermenti bokashi. Infine, coprire il tutto con due pollici di terra del contenitore. Il bokashi si trasformerà in fertilizzante nel contenitore e si decomporrà per nutrire le piante di cui sopra. Funziona come un mini hugelkutur.

Potete anche nutrire i vostri vermi con i vostri fermenti bokashi. Mescolo i miei fermenti bokashi con i miei altri normali rifiuti di cucina in modo che i vermi ricevano una dieta variegata.


Utilizzo di Bokashi Liquid

Il liquido nel secchio può essere usato come fertilizzante per altre piante. Per il vostro prato, potete applicarlo diluito al tasso di 1 parte di bokashi liquido a 100 parti di acqua. Per piante non commestibili o grandi piante perenni si può utilizzare diluito in circa 100-300 parti di acqua a 1 parte di bokashi liquido, a seconda del fabbisogno di azoto della pianta.

Sconsiglio l’uso di bokashi liquido nel vostro frutteto. Anche se il bokashi compostato può essere utilizzato in modo sicuro nel vostro giardino, il liquido esce in diverse fasi del processo. Non è stata composta. Inoltre, può essere maleodorante all’inizio, prima che inizi la fermentazione.


Consigli per Bokashi

Bokashi è semplice come sembra, ma a volte le cose vanno male. Per esempio, ho imparato alcuni trucchi quando ho iniziato a fare il fertilizzante per la lettiera del gatto.


Evitare le sostanze chimiche

Tanto per cominciare, si può fare un bokashi con questa orribile sostanza chimica, la lettiera per gatti che si trova al supermercato. Ma, quelle sostanze chimiche nocive sono sempre lì alla fine.

Vi suggerisco di evitare di usare il bokashi su qualsiasi cosa con sostanze chimiche discutibili. Lo stesso vale per le piante con agenti patogeni o malattie fungine. È meglio tenerli fuori dal secchio di bokashi.


Mantenere l’umidità

Bokashi richiede condizioni di tenuta stagna. Ma ha anche bisogno di umidità sufficiente. Quando si fa il bokashi con tutti i rifiuti della cucina, si tende ad ottenere un sacco di umidità in più.

Se fate solo bokashi, cose che non potete mettere direttamente nella vostra pila di compost, potreste aver bisogno di aggiungere acqua per avviare il vostro bokashi. I miei test con la lettiera per gatti mi hanno insegnato anche questo.

Quando ho provato a fare il bokashi con palline di carta, impasti di argilla e così via, erano troppo secchi per fermentare correttamente. Una volta aggiunta l’acqua, il processo ha funzionato molto bene.


Test di fiuto

Il più delle volte il bokashi funziona perfettamente. Avrà un po’ l’odore dell’aceto o dell’alcool e avrà una schiuma bianca ammuffita sulla parte superiore quando sarà fatto. Ma ogni tanto si può avere un fallimento bokashi.

A volte lo stampo bianco non si vede. Non c’è problema. Ma se non sentite questo odore di fermentazione quando aprite il secchio dopo 2 o 3 settimane, ricominciate.

Basta aggiungere il suono. Controllare l’umidità e aggiungere acqua se necessario. Coprire il contenitore e lasciarlo riposare per altre 2-3 settimane.

Se non funziona la seconda volta, controllate il vostro suono bokashi. Il vostro suono potrebbe non contenere i batteri necessari per avviare il processo.


Diversi cubi

Dato che il bokashi richiede dalle 2 alle 3 settimane, mi sembra di aver bisogno di qualche secchio per continuare la rotazione.

Il loro acquisto può essere piuttosto costoso. Se ne servono più di uno o due, date un’occhiata alle idee nel cubo bokashi qui sopra per ridurre i costi.


Bokashi è bello

C’è un piccolo fattore disgustoso quando si inizia a fare il bokashi. Tuttavia, quando si comincia a vedere quanto compost si può fare, questo primo disgusto svanisce.

Infatti, se volete davvero bokashi un sacco di rifiuti extra, usatelo con la vostra toilette per il compostaggio domestico. Una volta imparato il bokashi, c’è ben poco che non si possa trasformare in compost con questo semplice processo.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *