Suggerimenti

Come usare il fertilizzante a base di nitrato di potassio

Il nitrato di potassio  è attualmente uno dei fertilizzanti ricchi di potassio più utilizzati in agricoltura.

Questo perché praticamente tutte le colture necessitano di più di questo elemento rispetto al resto (azoto e fosforo). È una delle formule più solubili e a sua volta ci fornisce anche azoto sotto forma di nitrato, una delle forme azotate più facilmente assimilabili dalle piante.

Tuttavia, prima di utilizzarlo, chiariamo i tuoi dubbi sulla sua formulazione, costo, solubilità e alcuni requisiti pratici per utilizzarlo come fertilizzante per le tue colture.

Caratteristiche e usi del nitrato di potassio

Il nitrato di potassio  è un composto chimico a base della miscela di azoto (in forma nitrica) e potassio. La sua fabbricazione si ottiene attaccando la roccia di potassio con acido nitrico, ottenendo l’unione tra i due elementi.

Per le condizioni di formulazione, è attualmente il fertilizzante ricco di potassio più utilizzato in agricoltura. La sua fonte di origine è priva di cloruri, cosa che si apprezza soprattutto nelle colture sensibili ai sali in eccesso.

A sua volta, fa parte di una moltitudine di miscele e complessi in cui si uniscono azoto, fosforo, potassio, calcio e micronutrienti, poiché offre una buona miscela tra loro senza compatibilità chimica.

Un’altra caratteristica interessante del nitrato di potassio è che una volta liquido e solubilizzato in acqua, ha un pH compreso tra 6 e 6,5, quindi è perfettamente adatto per l’iniezione nel tubo di irrigazione o anche come applicazione fogliare.

Ricchezza di potassio

Tuttavia, il nitrato di potassio non è la fonte più concentrata di potassio che si può trovare sul mercato dei fertilizzanti. Altri, come il cloruro di potassio (KCl), forniscono il 60% di K2O, il solfato di potassio, il 50% di ricchezza in K2O e l’idrossido di potassio, il 50%.

Tuttavia, il suo utilizzo è interessante quando non possiamo utilizzare cloruri per la sensibilità della coltura, abbiamo problemi di miscelazione e incompatibilità quando utilizziamo solfati (solfato di potassio) o abbiamo bisogno di una certa sicurezza applicativa che l’idrossido di potassio non ci offre, a causa della sua elevata pH.

Il nitrato di potassio ha una ricchezza in K2O del 46% e in azoto del 13%, costituendosi come una formula NPK 13-0-46.

13% N equivalente a 62% NO 3  e 46% K 2 O equivalente a 38% K +

Solubilità del nitrato di potassio

D’altra parte, offre anche una grande solubilità rispetto ad altri fertilizzanti ricchi di potassio. Come il resto, maggiore è la temperatura dell’acqua, maggiore è la quantità di fertilizzante che possiamo solubilizzare in essa.

Tuttavia, dobbiamo essere realistici e conoscere la temperatura media della nostra testa di irrigazione o dove si trova il serbatoio, poiché la reazione può avvenire al contrario e precipitare se le temperature scendono troppo.

Solubilità di nitrato di potassio

T°C 0 10 venti 30 40 cinquanta 60 70 80 90 100
grammi/litro H20 133 209 316 458 63.9 855 1100 1380 1690 2020 2460

Pertanto, se ci troviamo in una zona calda dove raramente scendiamo sotto i 10 ºC, possiamo mettere 200 kg di nitrato di potassio in una vasca dove abbiamo aggiunto 1000 L di acqua.

D’altra parte, in condizioni di freddo dove si possono raggiungere 0 ºC, non è consigliabile creare soluzioni più concentrate di 100 kg per 1000 L di acqua, poiché si corre il rischio che la soluzione liquida precipiti.

In tal caso, è consigliabile aggiungere altra acqua e mescolare fino a completa dissoluzione.

Qual è la formula del nitrato di potassio?

La formula chimica del nitrato di potassio è K(NO3). La sua origine deriva dalla miscela di idrossido di potassio e acido nitrico, formando un sale.

È rappresentato chimicamente come segue:

KOH + HNO3  → H2O + KNO3

Un acido molto forte, come l’acido nitrico, con una base molto forte, come l’idrossido di potassio, genera un sale leggermente acido quando disciolto, tra 6 e 6,5.

Vendite fornite con la soluzione KNO3

Importante, per le colture sensibili nelle aree in cui la qualità dell’acqua o del suolo di irrigazione non è adeguata, utilizzare fertilizzanti che forniscano la quantità minima di sali con la più alta concentrazione di nutrienti.

Se confrontiamo il nitrato di potassio con il cloruro di potassio o il solfato di potassio, il primo offre prestazioni molto migliori a parità di apporto di sali.

Possiamo vederlo attraverso la seguente tabella:

Acquista nitrato di potassio

Attualmente, e rispetto ad altri fertilizzanti di potassio, il nitrato di potassio è più costoso del solfato di potassio, del cloruro di potassio e dell’idrossido di potassio. Tuttavia, è significativamente più economico del fosfato monopotassico (PK 52-34).

Il suo costo varia a seconda della stagione e delle importazioni, ma è compreso tra 0,85 €/kg e 0,90 €/kg.

Per l’agricoltore medio, viene solitamente venduto in sacchi da 25 kg, anche se può essere acquistato anche in big bag da 500 kg o direttamente sfuso. Quest’ultimo caso è indicato per le aziende di fertilizzanti liquidi che acquistano materie prime e le dissolvono in grandi reattori.

dove acquistare nitrato di potassio

Il modo più conveniente per acquistare questo fertilizzante di potassio è nei negozi di forniture agricole, dove è praticamente impossibile non trovarlo.

Su internet, per la piccola agricoltura di frutteti e giardini, lo troviamo anche nei negozi online specializzati.

Acquista nitrato di potassio

Quantità di nitrato di potassio necessaria a una coltura

A seconda del piano di fertilizzazione che facciamo, forniremo una quantità maggiore o minore di questo nutriente. Il volume da applicare viene calcolato in base alle unità di fertilizzante o meq/L necessarie.

Contributo in meq/L

Il calcolo di meq/L o mmol/L (in questo caso sarebbe la stessa quantità), viene effettuato in base alle esigenze della coltura.

Questi dati associano la quantità di fertilizzante di cui una coltura ha bisogno in base all’approvvigionamento idrico. Per così dire, sta cercando di collegare le unità di fertilizzante con il dosaggio dell’acqua, in modo da poter ottimizzare le quantità di acqua e sostanze nutritive che apportiamo alla nostra coltura.

Per fornire 1 meq/L di potassio con nitrato di potassio per ogni 1000 L di acqua, abbiamo bisogno di 100 grammi.

In questo caso forniremmo anche 1 meq/L o 1 mmol/L di nitrato (NO3), poiché ha la stessa valenza del potassio (1).

Colture orticole: si raccomanda di fornire tra 5 e 7 meq/L di potassio

  • 500 grammi di nitrato di potassio ogni 1000 L di acqua di irrigazione.

Alberi da frutto, agrumi, vite e ulivo: raccomandazione di fornire tra 1 e 2,5 meq/L di potassio

  • 150 grammi di nitrato di potassio ogni 1000 L di acqua di irrigazione.

Contributo in unità di fertilizzanti

Le unità di fertilizzante misurano il fabbisogno nutritivo lordo in kg.

Se una coltura necessita di 100 unità di fertilizzante di potassio (UFK), dovremo applicare 217,4 kg di KNO3. Il calcolo è semplice. Consiste nel dividere 100 (UFK) per la ricchezza del fertilizzante (46%). (100/46)*100

Con questa formula forniremmo anche azoto (N) sotto forma di nitrato (NO3), con un valore di 28,26 UF

Contributo in g/L di potassio (K)

Allo stesso modo del caso precedente, i grammi di cui avremo bisogno dipendono dalla ricchezza del fertilizzante.

Se vogliamo fornire 1 g/L di potassio puro, poiché la ricchezza di KNO3 è del 46%, dobbiamo fornire 2,17 g di nitrato di potassio. A nostra volta, forniremmo anche 0,28 g/L di nitrato.

Altri fertilizzanti correlati

acido fosforico nitrato di magnesio
Acido nitrico Nitrato di potassio
Acidi umici chelato di ferro
fosfato monopotassico solfato d’ammonio
gluconato di rame solfato di potassio

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.