Suggerimenti

Semina di begonie nel tuo giardino: [passo dopo passo + cura]

Le begonie sono un genere di 1.500 specie, di cui 150 commercializzate in tutto il mondo per l’uso nel giardinaggio e perché sono piante ornamentali .

Il suo nome è dovuto a Charles Plumier, riferimento francese in botanica, che ha voluto così rendere omaggio a Michel Bégon, governatore dell’ex colonia francese ad Haiti.

Le begonie sono fiori dal colore impressionante e dalla bellezza scintillante  che, tra l’altro, vengono utilizzati per amore , perché il dono di un mazzo di begonie è la prova del sentimento verso la persona a cui viene regalato.

I fiori sono molto diversi sia per forma e dimensione che per colore; sono unisessuali, il maschio contiene numerosi stami , la femmina ha un ovario inferiore con 2 o 4 stimmi ramificati

Le oltre 1.500 specie di begonie sono originarie , quasi interamente, dei climi tropicali o subtropicali dell’Asia, dell’Africa e del Sud America.

Attenzione: le begonie possono essere tossiche per animali come cani e gatti. Se hai animali domestici dovresti guardarlo.

 

Punti importanti quando si piantano le begonie:
  • Quando? Le begonie dovrebbero essere piantate in primavera , una o due settimane dopo la fine dell’inverno.
  • Dove? Preferibilmente in vaso, all’interno della casa, poi trapiantate in giardino, in terreno compatto, in luoghi dove non ricevano luce solare diretta.
  • Esigere cure? È necessario essere consapevoli di loro, soprattutto per l’attacco di parassiti, così come diserbarli per evitare le erbacce .
  • Come preparare il terreno? Il substrato deve essere composto con una serie di requisiti come l’apporto di torba e sostanza organica per un corretto sviluppo.
  • Come innaffiamo? Due o più volte alla settimana, sempre consapevoli se il terreno è bagnato o asciutto.
  • Piaghe e malattie? Ragni rossi , lumache , lumache, cocciniglie, squame e punteruoli della vite . Inoltre, l’ oidio , la putrefazione dello stelo, la putrefazione del phythium e la botrite batterica.

 

Quando piantare le begonie?

Sono piante che richiedono temperature calde (20 gradi Celsius), per le quali devono essere seminati in primavera, preferibilmente due settimane dopo la fine dell’inverno.

Ciò è dovuto al fatto che è il momento in cui non ci sono gelate e il caldo corretto clima per lo sviluppo di queste piante è già stato stabilito .

Dove piantiamo le begonie?

Le begonie necessitano di terreno fertile, meglio essere piantate in terreno compatto, evitando quelle zone dove il terreno è sciolto perché così non si attaccheranno.

La questione della terra non dovrebbe essere presa alla leggera a causa dell’importanza di selezionare una terra adatta per ogni piantagione di colture .

Il terreno del giardino dovrebbe avere un  drenaggio corretto ed efficace perché le begonie ne hanno bisogno per crescere e svilupparsi.

Devono essere coltivate in vaso prima di essere trapiantate in giardino.

 

Come prepariamo il terreno per la coltivazione delle begonie?

Per piantare le begonie in vaso, hai bisogno  una combinazione adeguata di substrati

Il substrato deve essere interamente composto.

Questo deve avere due terze parti di torba e una terza parte di invasatura mix, senza terra, e un fertilizzante liquido al vostro mix.

La torba ti porterà acidità e migliorerà il drenaggio. 

Al di fuori , a terra deve essere aggiunto torba abbastanza e materia organica per le begonie crescere senza problemi.

 

Come innaffiamo le begonie?

 Dovrebbero essere annaffiati una volta alla settimana o ogni due settimane. Non hanno bisogno di molta acqua, basta mantenere umido il substrato . Basta inserire il dito per vedere se è bagnato o meno; Se non lo è, allora è il momento di annaffiarlo.

In inverno , begonie soffrono a basse temperature, molto di più quando le temperature scendono sotto zero gradi , nel qual caso esso è consigliabile per metterli alla parte interna della custodia e l’acqua li meno spesso.

È importante che  il terreno dove sono piantati non accumula acqua, quindi questo deve essere molto ben selezionato.

Come piantiamo le begonie passo dopo passo?

  1. I bulbi vanno piantati in vaso , soprattutto quelli che non hanno molta profondità , e se possibile dovrebbero essere di plastica.
  2. Dovresti piantare tutto quello che vuoi , avendo l’ accortezza di metterle in una finestra in modo che ricevano un po’ di sole.
  3. Due o tre settimane dopo, le begonie dovrebbero mostrare le prime foglie.
  4. Questo è il momento giusto per trapiantarli in giardino.
  5. Per fare ciò, devono essere scavate buche di 10 centimetri all’ombra , indipendentemente dalla vicinanza l’una dall’altra perché vanno molto d’accordo.
  6. Dopo il trapianto , per evitare che le radici marciscano , vanno annaffiate ogni due giorni o quando il terreno è completamente asciutto.
  7. Infine, a maturazione, le begonie vanno potate due volte l’ anno.

Per saperne di più, puoi vedere: Talee di Begonia .

 

Che cura hai?

Una cosa molto importante da tenere in considerazione è che queste piante necessitano di un certo grado di umidità, motivo per cui devono essere esposte ad una luce indiretta, mai rivolte al sole.

Questo perché sono piante da appartamento , quindi l’esposizione al sole ne impedisce lo sviluppo.

Ma possono crescere anche all’aperto, purché siano poste in luogo adatto , come è stato detto, con luce indiretta.

Sulla parte esterna che è importante per luogo vicino a piante più grandi che forniranno l’ombra necessaria per il loro sviluppo.

All’interno, è consigliabile posizionarli vicino a una presa d’aria , come una porta o una finestra , esposta a est, ovest o sud, in modo che abbiano luce solare e un’adeguata ventilazione.

È indispensabile essere consapevoli del terreno, al fine di diserbarlo per evitare che le erbacce le privino delle vitamine e dei minerali dal suolo .

Inoltre,  deve essere pagato ogni venti giorni nelle ore mattutine e annaffiato con fertilizzanti liquidi ogni quindici giorni, di notte.

 

Quali parassiti e malattie ha?

Le begonie sono soggette a parassiti e malattie . Per questo motivo è necessaria una rigorosa vigilanza durante la loro crescita , al fine di evitare attacchi da parte di predatori di piante.

Tipi di begonie

begonie di cera

Le più comuni sono le varietà di Begonia semperflorens, dette anche begonie cerose, annuali o da letto. Queste piante amanti dell’ombra portano un sacco di colore se piantate sotto gli alberi o poste in vasi, cesti appesi o fioriere.

Le begonie di cera vengono generalmente coltivate come annuali e raggiungono dai 15 ai 30 cm di altezza e larghezza.

begonie tuberose

Le begonie tuberose, un altro tipo molto popolare, hanno fiori dai colori spettacolari e sono particolarmente appariscenti in cesti o vasi appesi.

Hanno anche un’abitudine di crescita più ampia rispetto alle begonie di cera, crescendo da 12 a 18 pollici di altezza come piante d’appartamento e fino a un metro o più in contenitori all’aperto.

begonie di canna

Con un portamento eretto e steli segmentati, i tipi di canna hanno un bel fogliame e fioriscono in una vasta gamma di colori.

Appartengono a questo gruppo anche le begonie ad ali d’angelo, così chiamate per le loro foglie a forma di ali. Sono popolari e adatte come piante d’appartamento, ma possono anche essere coltivate all’aperto. Le sue dimensioni variano a seconda delle condizioni di crescita, da piante da interno di 15-20 centimetri a piante cespugliose fino a 1,5 metri.

Begonie rizomatose

Le begonie rizomatose, la classe più numerosa, si distinguono per i loro fusti, o rizomi, relativamente spessi, che crescono orizzontalmente vicino alla superficie del suolo e danno origine a nuove radici e foglie.

Hanno anche alcune delle foglie e degli steli più interessanti e sono spesso coltivate come piante d’appartamento. Le dimensioni vanno da pochi centimetri a piante grandi fino a 1 metro di altezza e larghezza.

Rex begonie

Un sottogruppo di rizomatose, le begonie Rex ( Begonia rex ), sono ampiamente disponibili, vendute nei fioristi e nei garden center durante tutto l’anno e generalmente raggiungono i 12-18 pollici di altezza e larghezza.

Il suo fogliame forte le rende una pianta da interni molto apprezzata, ma può essere schizzinosa. Sono meravigliosi nei letti estivi o in vaso, soprattutto se abbinati a felci e altri compagni di mezz’ombra.

I parassiti che più colpiscono questi fiori sono acari, lumache, lumache, cocciniglie, squame e l’ombelico.

Questo li colpisce e produce malattie, tra cui l’ oidio , il marciume dello stelo, il marciume del phythium e la botrite batterica.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.