Suggerimenti

Suggerimenti per la coltivazione del timo

Il timo è una pianta che è stata tradizionalmente utilizzata per le sue qualità medicinali ed è utilizzata come spezia nella gastronomia di molti paesi.

Se ti piace avere le tue piantine, ti consiglio di leggere il post 28 piante aromatiche e medicinali che puoi coltivare in casa perché può esserti utile.

In altre occasioni ti abbiamo raccontato Come coltivare il basilico , Come piantare il rosmarino , Come coltivare il prezzemolo , Piantare l’aneto e anche Come piantare il coriandolo , e questo articolo sarà dedicato a raccontarti in dettaglio come coltivare e prenderti cura del tuo timo impianti.

Alla fine dell’articolo puoi vedere un video molto interessante sulle proprietà più notevoli del timo.

Cos’è il timo?

Il timo, Thymus vulgaris L , appartiene alla famiglia botanica delle Lamiaceae (Labiada), è un’erba legnosa eretta, vivace, di aspetto verde-grigiastro, che raggiunge i 20-40 cm di altezza.

I fusti sono molto ramificati, alquanto pubescenti, legnosi nella parte inferiore.

Ha foglie opposte di forma varia, frequentemente da ovato-lanceolate a lanceolate-strette, lunghe da 3 a 6 mm e larghe 1-3 mm, pubescenti e con un lembo intero; l’infiorescenza è vertiginosa con pochi fiori che si incontrano all’estremità dei rami e sono di colore bianco, rosa o porpora.

È una pianta originaria dell’Europa meridionale e del Nord Africa, tipica della regione mediterranea ed è coltivata in Europa, Asia e America.

Viene utilizzata la parte aerea della pianta (steli, foglie e sommità fiorite), che può essere essiccata per ottenere una foglia secca o distillata per produrre olio essenziale.

È noto per una grande diversità di usi , tra cui spiccano i seguenti:

  • Negli alimenti (condimenti) il suo uso è diffuso in tutto il mondo; in particolare, è una spezia molto comune nella gastronomia mediterranea e americana.
  • In negozio di liquori per la preparazione di bevande come benedettino, liquori alle erbe della Galizia, erbe di Ibiza, liquore alle erbe della Galizia.
  • In erboristeria come antisettico in ulcere e ferite, e come infuso contro bronchiti, raffreddori, laringiti, indigestione e come antidiarroico. Combatte le infezioni e può calmare le emicranie.
  • In profumeria, sapone e cosmesi, per le sue proprietà aromatiche (oli essenziali)

Condizioni per la coltivazione del timo e modalità di propagazione

Il timo è una pianta facilmente coltivabile e cresce in un’ampia gamma di condizioni:

  • Altitudine : da 0 a 2500 mslm
  • Clima : 8-24ºC; dà il meglio di sé in climi freddi e temperati.
  • Luminosità : richiede buone condizioni quindi vanno seminate in piena terra
  • Umidità relativa : 50-70%
  • Terreno : Si adatta facilmente a diversi tipi di terreno, tuttavia, cresce meglio in terreni sabbiosi.

È considerata una pianta perenne che può vivere 8-10 anni. Si può seminare tutto l’anno, ma preferibilmente la semina si effettua in primavera o in autunno.

Oltre alla semina per seme, il timo può essere moltiplicato per divisione dei cespi (si fa quando la pianta è in riposo vegetativo). Il periodo più favorevole per farlo è la primavera o l’autunno, quando ha un ottimo radicamento.

Questa propagazione, detta asessuata, viene effettuata da porzioni vegetative che vengono estratte da piante come talee, talee e ovaiole, oppure per divisione.

Pianta di timo (a sinistra) accanto a una pianta di basilico.

Modi di propagazione

Propagazione per talea e talea

Sono porzioni di fusto con o senza foglie che vengono fatte radicare per ottenere piante adulte in minor tempo.

Le talee di latifoglie o legnose dovrebbero essere tagliate a fine inverno, quando i boccioli non sono ancora germogliati.

Le talee molli o erbacee si possono raccogliere tutto l’anno e devono avere sempre le foglie, asportando solo quelle della parte basale che si andrà ad introdurre nel terreno.

Le talee o “punte” degli steli sono a rapida radicazione, ma richiedono più cure perché si disidratano facilmente. Devono essere tagliati e posti in substrato umido, all’ombra e l’ambiente deve essere coperto con una plastica per mantenere l’umidità delle foglie. Dovrebbero essere rimossi solo quando si osserva che hanno formato un gran numero di radici.

Scopri di più sui tagli .

Propagazione a strati

Consiste nell’interrare porzioni di fusto nel terreno senza tagliarle dalla pianta originaria. Queste porzioni di fusto formeranno radici in breve tempo e potranno essere separate dalla pianta madre, ottenendo nuove piante.

Questo è un metodo semplice e quasi infallibile. Il suo unico svantaggio è che il numero di piante figlie limita le dimensioni e il numero di steli della pianta madre.

Gli strati dovrebbero essere separati dalla pianta madre solo quando si osserva che si è formato un gran numero di radici.

Propagazione per divisione

Con questo termine si indicano molte piante erbacee perenni che anno dopo anno aumentano di volume e dimensione a causa della continua comparsa di germogli che fuoriescono dalla base del fusto principale. Questi germogli, man mano che crescono e maturano, formano le proprie radici e possono a loro volta originare nuovi germogli.

Tagliando o dividendo la pianta in più parti otterremo nuove piante.

Questo metodo è appropriato per specie come il timo.

Requisiti per piantare il timo

Vengono utilizzate distanze di impianto di 30-40 cm tra le piante e di 30 cm tra le file.

Il timo è una specie che si adatta a terreni poveri e aridi e per questo viene tradizionalmente coltivato in terra asciutta. Anche così, si è visto che nei terreni irrigati la resa può essere aumentata di oltre il 100% rispetto ai terreni asciutti.

Quando la coltivazione avviene in irrigazione, le piante presentano una maggiore umidità osservabile ad occhio nudo poiché le piante hanno rami meno legnosi e i loro germogli sono più teneri.

Cura e manutenzione del timo

  • Fecondazione

Il compostaggio nella coltivazione delle erbe aromatiche e officinali è essenzialmente biologico. Dobbiamo nutrire il terreno attraverso buone tecniche di coltivazione e l’aggiunta di materia organica (letame di pollo, vermicompost , compost ), in modo che a sua volta nutra le piante.

Le fonti di sostanza organica sono generalmente incorporate nella preparazione del terreno, ma, soprattutto, nelle colture a lungo periodo vegetativo come il timo, vengono applicate in momenti diversi come il cambio di solco, dopo un raccolto, ecc.

Le esigenze annuali per la coltivazione del timo sono le seguenti:

Azoto 70-100 UF, Fosforo: 50-100 UF, Potassio: 50-100 UF. Queste quantità sono indicative e dipenderanno in ultima analisi dal livello di fertilità del suolo.

  • Irrigazione

Il timo richiede un’adeguata disponibilità di acqua al momento della semina. In questo post ti parlerò di come scegliere il miglior metodo di irrigazione , nel caso ti sia utile.

Nei periodi di prolungata estate va alimentato con irrigazione.

Non sopporta problemi di elevata umidità o ristagno idrico, quindi si consiglia di evitare la semina in terreni pesanti o con scarso drenaggio. Qui vi dico quali sono i problemi più comuni dovuti all’eccesso e all’insufficienza d’acqua .

D’altra parte, il timo può crescere perfettamente in terra asciutta, poiché tollera molto bene la siccità.

Si consiglia di effettuare un’irrigazione di supporto dopo la messa a dimora per favorire l’attecchimento delle piante.

Optare per un’irrigazione a goccia può essere la soluzione migliore per mantenere un adeguato approvvigionamento idrico.

  • Controllo delle piante spontanee o non coltivate (erbacce)

Si consiglia il controllo meccanico delle graminacee che crescono spontaneamente tra i filari, tenendo conto che il timo è una specie molto sensibile al piede scalzo delle radici.

All’interno della fila può essere effettuata manualmente, utilizzando un sistema di imbottitura o pacciamatura (segatura, corteccia, paglia, …).

Si sconsiglia l’uso di erbicidi su piante aromatiche e medicinali.

  • Raccolto

Le foglie possono essere recise dopo 60 giorni e favoriscono un maggior sviluppo della pianta.

Se la coltura viene utilizzata per erba secca, si possono effettuare due o tre colture di timo all’anno. La pianta deve essere raccolta prima della piena fioritura.

Nell’irrigazione è normale fare tre tagli all’anno. In terra asciutta, invece, si possono effettuare dai due ai tre tagli all’anno a seconda delle condizioni atmosferiche e dell’età della pianta (nei primi anni del ciclo colturale si possono effettuare tre tagli).

Se il timo viene coltivato irrigato, la produzione di foglie secche può essere doppia rispetto a quella di pioggia.

Se vuoi produrre olio essenziale, devi aspettare di raccogliere in piena fioritura, quindi il numero di raccolti da effettuare sarà ridotto, a seconda del tempo di fioritura della specie o varietà piantata. In genere fiorisce tra la seconda metà di aprile e maggio.

  • Postraccolta e essiccazione

Subito dopo la raccolta, il materiale vegetale viene distribuito su vassoi per il processo di essiccazione che dura circa tre giorni.

Vi parlo in maniera più ampia e dettagliata in questo post di come essiccare e conservare le piante aromatiche .

Problemi che la pianta del Timo può presentare

Il controllo di parassiti e malattie è fondamentalmente preventivo; il che significa evitare pratiche colturali che ne favoriscano l’aspetto, cercando di mantenere le piante ben formate per aumentarne la resistenza.

Ciò si ottiene principalmente con una buona gestione del suolo e della sostanza organica, la semina in momenti opportuni della coltura, il corretto utilizzo degli spazi di semina, una buona gestione delle acque e il mantenimento della massima diversità di specie e varietà.

Durante la fase di propagazione e coltivazione del Timo possono verificarsi alcune malattie e parassiti che descriviamo di seguito.

Malattie che possono colpire la pianta di timo

  • Marciume basale e radicale da funghi (Pythium, Phytophthora, Fusarium, spp)

Marcisce alla base degli steli delle piantine, causandone la piegatura e la morte. Le radichette possono avere colorazioni scure.

Guida

  • Utilizzare materiale di propagazione di qualità e provenienza riconosciute.
  • Trattare i semenzai con solarizzazione o alcuni fumiganti di uso consentito.
  • Se possibile, usa un nuovo substrato per le piantine.
  • Evitare l’eccessiva umidità nei semenzai e nelle piantagioni.
  • Evita di piantare in profondità.
  • Utilizzando alcuni preparati a base di prodotti di origine naturale come lo zolfo in polvere che applicato sulle foglie permette di controllare le macchie fogliari causate da funghi o l’ Equiseto liquefatto e applicato sulla chioma.
  • Marciume radicale (Rhizoctonia solani)

Lesioni screpolate sui fusti: possono essere basali o in altra regione del fusto; e talvolta marciume radicale.

Guida

  • Utilizzare materiale di propagazione di qualità e provenienza riconosciute.
  • Trattare i semenzai con solarizzazione o alcuni fumiganti consentiti.
  • Trattare l’area di semina con prodotti consentiti.

Parassiti che possono colpire la pianta di timo

  • Mosca del substrato (mosca della famiglia Sciaridae)

Presenza di piccole larve, generalmente dalla testa nera (1 mm) nel substrato o alla base delle piantine, che provocano danni alle radici o ai tessuti vegetali, o la morte della pianta.

Controllo

Trattare i substrati, soprattutto quelli ricchi di sostanza organica, con solarizzazione, acqua calda o prodotti consentiti.

  • Afidi (Aphis gossypii e Myzus persicae)

Gli afidi mordono, raschiano o succhiano la linfa della pianta, indebolendola, deformandola e seccandola, cosa che è evidenziata dalla torsione delle foglie giovani, solitamente accompagnata da una muffa nera (fuliggine).

Controllo

  • Monitora costantemente la presenza di questi insetti nella coltura.
  • Posizionare reti antiafidi nel caso di serre.
  • Effettua l’applicazione di prodotti biologici a base di funghi (Lecanicillium), estratti vegetali o oli vegetali.
  • Utilizzo di preparati a base di prodotti di origine naturale:
    • Cenere: applicato su germogli e fogliame
    • Aglio/Cipolla: in soluzione saponosa

Ecco i migliori rimedi contro gli afidi

.

  • Tripidi (Frankliniella occidentalis e Thrips palmi)

I tripidi mordono, raschiano o succhiano la linfa dalla pianta, causando la deformazione delle foglie giovani e l’abbronzatura nella parte inferiore delle foglie.

Controllo

  • Monitora costantemente la presenza di questi insetti nella coltura.
  • Posizionare le reti antiscasso nel caso di serre.
  • Effettua l’applicazione di prodotti biologici a base di funghi (Lecanicillium, Beauveria), estratti vegetali, oli vegetali o insetti predatori (Chrysoperla, Oryus).
  • Usa Ash applicato sui germogli.

Vi lascio maggiori dettagli su come prevenire e combattere i tripidi

  • Acari (Tetranychus sp)

Gli acari, parenti dei ragni, succhiano la linfa dalla pianta, indebolendola progressivamente. Il più comune è l’ acaro del ragno .

È evidenziato dalla comparsa di macchie clorotiche molto piccole e abbondanti sulle foglie della parte centrale della pianta, che in seguito provocano l’essiccazione delle foglie. Nella parte inferiore si osserva il movimento degli acari.

Controllo

  • Monitora costantemente la presenza di acari sulla pagina inferiore delle foglie.
  • Effettuare il controllo biologico con l’utilizzo di funghi (Metarhiziun, Beauveria).
  • Consentire l’instaurarsi del controllo biologico dell’acaro Phytoseiulus.

Leggi altri fatti utili sul controllo ecologico del ragno rosso .

  • Lumache (Deroceras reticulatum e Sarasinula cfr. Plebeia, Miax gagates)

Si osservano perforazioni, principalmente nelle foglie giovani, che lasciano una traccia (melma). Attacchi occasionali agli steli, provocando loro lesioni.

Controllo

  • Monitorare la presenza di uova nelle aree vicine alla coltura colpita.
  • Posizionare trappole nei focolai e nelle aree esterne della coltura (fisiche, come assi, sacchi, tegole, che siano ripari per questi parassiti). Le trappole dovrebbero essere ispezionate ogni giorno nelle prime ore del mattino e quelle trovate dovrebbero essere rimosse.
  • Per quanto possibile, eseguire il controllo manuale, cercando rifugi.

Più opzioni per eliminare i parassiti delle lumache o della melma .

.

  • Nematodi

Parassita microscopico, i cui danni si possono osservare principalmente sulle radici e occasionalmente su foglie, steli e fiori.

Il più cosmopolita provoca nodi alle radici, che possono essere di diverse dimensioni, a seconda della coltura e della specie di nematodi.

Questo parassita può facilitare l’ingresso di altre malattie.

Controllo

  • Monitorare suoli o tessuti vegetali in cui si sospettano nematodi.
  • Utilizzare materiale di propagazione di qualità e origine riconosciute.
  • In caso di forte infestazione dei terreni, applicare sterilizzanti del suolo con proprietà nematocide o solarizzare i terreni per almeno un periodo di 30 giorni.
  • Per alcune specie di nematodi possono essere effettuate applicazioni di funghi, rotazioni con piante non ospiti o estratti vegetali con proprietà letali per questi fitoparassiti.

Ecco i Rimedi Ecologici contro i Nematodi

.

  • insetti farinosi

Aspetto di macchie farinose sulle radici; occasionalmente possono essere trovati in cima alle piante. Le cocciniglie causano l’ingiallimento delle foglie e la crescita ritardata delle piante.

Controllo

  • Monitorare suoli o tessuti vegetali dove si sospettano cocciniglie.
  • Utilizzare materiale di propagazione di qualità e provenienza riconosciute.

Vi lascio altri Rimedi Naturali contro la Cocciniglia .

.

Bibliografia

  • Coltivazione e produzione di piante aromatiche e officinali

2a edizione. Rionegro: Universidad Católica de Oriente, 2013. 98p;

Collezione Scienza, Tecnologia e Salute ISBN versione stampata: 978-958-8385-73-0 ISBN versione digitale: 978-958-8385-74-7

Fondo Editoriale Università Cattolica dell’Est

  • Coltivazione di piante aromatiche, medicinali e da condimento in Catalogna. 6 anni di campi dimostrativi.

Centro Tecnologico Forestale della Catalogna, E-25280 Solsona (Spagna)

1a edizione: 2009

  • Coltivazione di erbe aromatiche e officinali

Istituto Nazionale di Ricerca Agraria, INIA

Direzione Generale della Ricerca Agraria

Lima – Perù RI Brochure n. 10 novembre 2001

  • Attività antibatterica degli estratti acquosi ed etanolici di Thymus sp L. (Timo)

Università Nazionale San Luis Gonzaga

Repository Digitale Istituzionale

.

.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *