Suggerimenti

Borsa del pastore: [coltivazione, irrigazione, cura, parassiti e malattie]

Originaria dell’Europa, la borsa del pastore è una delle piante esotiche più diffuse al mondo, tradizionalmente utilizzata come rimedio naturale.

È usato per fermare l’emorragia, per migliorare le condizioni della pelle, per guarire le ferite e per stimolare la circolazione sanguigna. Migliora anche le infezioni urinarie, allevia le emorroidi, previene la comparsa di vene varicose, tra alcune altre condizioni.

In alcune parti del mondo viene coltivato come ortaggio primaverile per il suo sapore di cavolo . Questa pianta , infatti, è uno degli ingredienti principali di un pasto religioso in Giappone, che si svolge il 7 gennaio.

La borsa del pastore è considerata una pianta protocarnívora, cioè attira, intrappola e uccide gli insetti, ma non ha la capacità di digerire come pianta carnivora.

Punti importanti quando si semina la borsa del pastore
  • Nome scientifico: Capsella bursa-pastoris.
  • Nome comune: borsa del pastore, borsa del pastore, pane e formaggio, paniquesillo, crescione, dente di leone.
  • Altezza: da 10 a 40 centimetri.
  • Fabbisogno di luce : Luce diretta.
  • Temperatura: climi temperati e freddi.
  • Irrigazione: moderata e scarsa.
  • Fertilizzante : fertilizzante organico.

Quali caratteristiche ha la borsa del pastore?

La borsa del pastore è un’erba annuale di altezza variabile. È generalmente alto dai 10 ai 40 centimetri, ma a volte raggiunge i 70 centimetri. La radice è sottile e affusolata, cresce verticalmente verso il basso.

I fusti di questa pianta sono sottili e cilindrici, solitari o ramificati dalla base. A volte compaiono discreti villi verde pallido. Le foglie sono diverse alla base e nella parte superiore. Nella parte inferiore le foglie sono oblanceolate e picciolate; sono lunghi 15 cm.

Nel caso delle superiori, queste sono più piccole, lunghe 8 centimetri, prive di gambo. I fiori sono piccoli, con 4 petali bianchi, anche se a volte presentano striature viola. Questi sono raggruppati in gruppi terminali di lunghi pedicelli. Fiorisce per gran parte dell’anno.

Nel caso dei frutti, la forma e il colore di questi ricordano la borsa, o cartella, che i pastori erano soliti portare, da cui il nome della pianta . All’interno di questi silicoli ci sono i semi, piccole capsule ovali rossastre.

Quando seminare la borsa del pastore?

I mesi migliori per seminare la borsa del pastore con i semi sono febbraio, marzo, aprile e maggio; anche se può essere coltivata anche a metà autunno , nei mesi di ottobre e novembre.

Secondo gli esperti, la cosiddetta borsa del pastore germina principalmente durante l’autunno a causa della breve esposizione alla luce naturale e alle temperature caratteristiche di questa stagione.

Dove piantare la borsa del pastore?

La borsa del pastore di solito cresce in climi caldi e secchi. Può affermarsi nella maggior parte dei terreni, anche in quelli più poveri e poco profondi, anche se questo fatto potrebbe far sì che la pianta non sviluppi una grande altezza.

In caso di coltivazione in terreni più ricchi, le piante raggiungeranno un’altezza maggiore, ma impiegheranno più tempo a produrre semi.

In termini di esposizione al sole, la borsa del pastore può crescere in mezz’ombra o alla luce diretta del sole. Tuttavia, preferisce essere esposto alla luce solare.

Per quanto riguarda la temperatura, il sacco del pastore necessita di essere sottoposto a basse temperature per rompere la dormienza del seme ; condizioni che generalmente si manifestano durante il primo inverno.

Come preparare il terreno?

La borsa del pastore cresce meglio in un terreno umido e fertile ricco di materia organica. Allo stesso modo, essendo nitrofilico, è favorito da terreni ricchi di azoto , con pH da 5 a 8. Si consiglia invece di lavorare il terreno in condizioni umide prima della semina.

Queste misure favoriranno la germinazione dei semi.

Come innaffiamo la borsa del pastore?

La pianta della borsa del pastore non ha una grande richiesta d’acqua. In effetti è una pianta che resiste abbastanza bene alla siccità, ma è importante applicare l’irrigazione quando il terreno è asciutto.

Quante volte annaffiamo la borsa del pastore?

L’irrigazione della borsa del pastore dovrebbe essere moderata e frequente durante le sue prime fasi di sviluppo e durante la stagione secca. Tuttavia, man mano che matura, dovrebbe diventare raro e meno frequente.

Come seminare la borsa di un pastore passo dopo passo?

Si propaga principalmente per seme. La pazienza è necessaria durante la semina, poiché i semi della borsa del pastore possono impiegare mesi per germogliare a causa della loro dormienza interna. Tuttavia, il seme rimane vitale per molto tempo.

Semina per i semi

  1. Dopo aver dissodato e inumidito il terreno, praticare un piccolo foro e posizionare diversi semi a una profondità di 2 o 3 volte la loro dimensione. In caso di semi piccoli, possono essere seminati a spaglio.
  2. Copriteli con del substrato e annaffiateli leggermente.
  3. Lascia che i semi vengano esposti a temperature comprese tra -10ºC durante la notte e 25ºC durante il giorno.
  4. Attendi 1 o 2 settimane affinché le piantine germoglino e continua ad annaffiare con parsimonia fino a quando non si sono stabilizzate.

Di quale cura ha bisogno la borsa del pastore?

La borsa del pastore non ha bisogno di cure se non di annaffiare quando il terreno è veramente asciutto. Se invece si vuole che la pianta produca più foglie alla base, si dovrebbe aggiungere del fertilizzante organico. Questo aiuterà la pianta ad avere più nutrienti per svilupparsi e crescere.

Quali parassiti e malattie colpiscono la borsa del pastore?

La borsa del pastore è una pianta in cui soggiornano numerose specie di insetti, funghi e virus che causano parassiti e malattie in altre colture. Tra alcuni di questi ci sono i virus che colpiscono barbabietole, cavoli, cavolfiori , rape, patate, ravanelli, tra gli altri.

Quindi sarà importante evitare di coltivarlo vicino alle aree agricole. La borsa del pastore , invece, è molto suscettibile al fungo Verticillium dahliae , un agente patogeno che provoca lo scolorimento delle foglie e persino la morte della pianta stessa.

Riferimenti

  • https://www.ecoagricultor.com/propiedades-medicinales-bolsa-pastor/
  • http://www.conabio.gob.mx/malezasdemexico/brassicaceae/capsella-bursa-pastoris/fichas/ficha.htm
  • https://www.minsal.cl/portal/url/item/7d983cf52c-lex.europa.eubd6e04001011e011da0.pdf
  • https://es.wikipedia.org/wiki/Capsella_bursa-pastoris
  • https://pfaf.org/user/plant.aspx?LatinName=Capsella+bursa-pastoris
  • https://www.cabi.org/isc/datasheet/11223

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.