Suggerimenti

Le Solanacee: [Caratteristiche, Semina, Irrigazione, Substrato, Cura]

Punti importanti durante la semina delle solanacee
  • Dove seminare? In piena luce. Ha bisogno di molta luce solare.
  • Quando? In autunno (gennaio e marzo).
  • Come prepariamo il terreno? Rimosso, aerato, eliminando le erbacce . Abbondante materia organica e humus di vermi.
  • Come innaffiamo? Ideale con gocciolamento .
  • Quanto spesso annaffiamo?  In estate , giornalmente con annaffiature abbondanti senza allagamenti. Il resto dell’anno innaffiature distanziate.
  • Piaghe e malattie? Afidi verdi, cocciniglie cotonose, nematodi, mosche bianche . Muffa grigia, cladosporiosi del pomodoro , marciume radicale, tra le altre specifiche per specie solanacee.

  

Caratteristiche delle solanacee

Quando ci riferiamo alla belladonna ( Solanaceae ) raggruppiamo  un gruppo di piante che hanno caratteristiche comuni nella forma dei loro fiori o nella disposizione dei semi nei loro frutti .

In questo gruppo di piante si possono trovare da erbacee, sottoarbusti, arbusti, alberi o liane. Possono essere annuali, biennali o perenni , erette o cadenti.

Le solanacee sono generalmente provviste di tuberi sotterranei. Non presentano laticiferi, lattice, né succhi colorati e possono avere un’aggregazione basale o terminale di foglie o non avere entrambi i tipi.

Le solanacee contengono sostanze chimiche note come alcaloidi tra cui la solanina delle patate (quando verdi), la nicotina (in quantità molto piccole!) e la capsaicina, che dà la sensazione di bruciore nei peperoni .

Attenzione con questo!
Alcune delle belladonna sono molto tossiche e velenose, come la belladonna, la mandragora, il giusquiamo e il melo spinoso. Anche il tabacco appartiene a questo gruppo di piante.

Sono più di 2.500 le specie di piante che appartengono alla belladonna, ampiamente conosciuta e utilizzata come alimento e medicinale, ma le più comuni sono: pomodori , melanzane , zucchine , peperoni , patate e frutti di bosco.

Alcune verdure del gruppo delle Solanacee sono state collegate a dolore, infiammazione e problemi digestivi in ​​persone intolleranti ai loro componenti.

  

Le solanacee comprendono 98 generi e circa 2.700 specie.

Tuttavia, questa enorme varietà di specie non è distribuita uniformemente tra tutti i generi.

Pertanto, gli 8 generi più importanti della famiglia concentrano più del 60% della specie, come mostrato nella tabella sottostante. Infatti solo Solanum  – il genere che caratterizza la famiglia – comprende quasi il 50% del totale delle specie di Solanaceae.

Genere Numero approssimativo di specie
solanum 1330
Lycianthes 200
Cestrum 150
Nolana 89
Physalis 85
Lycium 85
Nicotiana 76
Brunfelsia Quattro cinque
Numero stimato di specie nella famiglia 2700

Quali belladonna sono commestibili?

Ci sono un certo numero di piante di tipo belladonna che sono commestibili. In effetti, sono ampiamente utilizzati nella gastronomia di tutto il mondo. Li abbiamo menzionati prima:

  • Pomodori.
  • Melanzane.
  • Peperoni.
  • Patate.
  • Frutti di bosco

Quali belladonna sono tossiche?

  • Belladonna.
  • Mandragora.
  • Giusquiamo bianco.

  

Quando seminare belladonna?

Il periodo migliore per coltivare piante che appartengono al gruppo delle Solanacee è tra gennaio e marzo, essendo la primavera ideale per la crescita e la maturazione dei loro frutti.

Dove dovremmo seminare la belladonna?

Il luogo ideale dove posizionare e seminare le piante del gruppo delle Solanacee è in piena luce in quanto necessitano di molta luce solare. Devono anche essere protetti dalle correnti d’aria.

Come preparare il terreno?

Preparare il terreno per le piante solanacee richiede di essere molto costanti con i nutrienti che vengono immessi nel terreno.

Necessita di abbondante materia organica, come i lombrichi, con un buon drenaggio e un pH compreso tra 6-7.

La sostanza organica per le Solanacee deve essere posta almeno una volta al mese, il che assicurerà che la specie si sviluppi sana e forte.

Quando si prepara il terreno per piantare le solanacee, si dovrebbe tenere conto del fatto che molte delle specie di questo gruppo richiedono tutori per tenere i gambi delle piante.

Il tutoraggio può essere effettuato mediante un sistema di legatura con corde, fili o altro materiale che viene utilizzato per “abbracciare” il fusto della pianta insieme al tutore ma non troppo ravvicinati.

  

Come innaffiamo le belladonna?

Per le solanacee le annaffiature devono essere abbondanti e adeguate alla stagione.

Ma è importante dosare molto bene l’irrigazione, poiché in estate richiedono acqua abbondante ma il resto dell’anno devono essere più distanziate.

Come seminiamo la belladonna passo dopo passo?

Per seminare belladonna in vaso, dovresti scegliere un terriccio arricchito con fertilizzante organico.

Ad esempio la melanzana, seminata in semenzaio a fine inverno , è una delle ultime a germogliare, insieme al seme di peperone,

Trapiantare il raccolto di melanzane all’inizio della primavera, quando la pianta ha quattro foglie, lasciando 40 cm di distanza tra le piante.

  

Altre belladonna

  1. Semina ad una distanza tra loro da 1 a 1,5 m, sia tra le piante che tra le file.
  2. Interrare la belladonna, a seconda del tipo in questione, a circa 20-25 cm in modo da seminare fino alla prima foglia in modo che possano fuoriuscire le radici del fusto.
  3. Concimare ogni 15 giorni, solo in alcuni casi di belladonna come il pomodoro in modo che crescano sane e forti.
  4. I primi scatti appariranno dopo 2 settimane.
  5. Raccogli i suoi frutti fino a dopo circa 90 giorni.
  6. Metti le piante di belladonna alla luce diretta del sole per uno sviluppo migliore e più veloce.

Quali associazioni favorevoli ha?

L’associazione di colture vegetali compatibili produce benefici rispetto alla loro coltivazione separata, oltre all’utilizzo di luce, acqua e/o sostanze nutritive.

Le solanacee possono essere associate ad altre varietà compatibili, ad esempio peperoni, o zucchine e con questo sono molto rigorose, poiché, se accanto ad essa si trova una varietà sbagliata, non potrà crescere normalmente.

Gli aromatici si adattano bene anche all’associazione con le Solanacee. Quindi, pomodorini e strettamente un po’ di rucola o basilico , per esempio.

  

Quali parassiti e malattie ha?

I parassiti e le malattie che attaccano la belladonna sono specifici del tipo di specie in questione.

Tuttavia, a livello generale si può affermare che i parassiti più comuni del gruppo delle solanacee sono i nematodi, e la mosca bianca delle serre, gli afidi , le lumache , le lumache e i vermi .

Tra le malattie ci sono la muffa grigia, la necrosi apicale, la peronospora, la malattia del ramo secco; virus del mosaico, crosta di patate, verruca di patate, scarabeo di patate e crosta polverosa, tra gli altri.

Per aiutare a combattere i parassiti e le malattie delle solanacee, si consiglia di rimuovere e bruciare le piante infestate e spruzzare con fungicida .

Solanacee come piante ornamentali

Alcune belladonna sono state utilizzate anche come piante ornamentali . La più famosa è probabilmente la petunia , ma ce ne sono altre come:

  • Calibrachoa. 
  • Physalis.

  

Bibliografia

  • Enciclopedia Le mie prime conoscenze su piante, serpenti e conservazione . (1961). Edizione spagnola del Dr. Frank Thompson. Editoriale Grolier Incorporated New York. Stampato in Messico.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *