Suggerimenti

Cura di Naranjo: [Terra, umidità, potatura e problemi]

Quali caratteristiche ha l’albero di arancio?

L’arancio è una delle piante più coltivate al mondo, per il suo aroma dolce e fresco, la squisitezza dei suoi frutti, l’arancia, e le proprietà che possiede.

Può essere gustato in diversi modi. Il suo nome scientifico è Citrus sinensis. Ci sono arance in agrodolce.

Ma non c’è un’arancia totalmente dolce ma piuttosto agrodolce, anche se esiste una specie, l’agrume aurantium, una variante medicinale che produce anche arance amare, utilizzate nella preparazione di liquori, marmellate e conserve.

Questo albero da frutto ha un tronco corto e liscio grigiastro, foglie sempreverdi ovali di 7 cm, verde brillante, radicate in grandi rami appuntiti, bellissimi fiori bianchi.

Una singola pianta può produrre frutti sufficienti a sfamare intere famiglie.

Una delle principali caratteristiche dei fiori di arancio è quella di essere ermafroditi, con 5 petali bianchi, dall’aroma accattivante, e di solito si presentano solitari o in piccoli grappoli.

Appartenente alla famiglia delle Rutaceae, l’ arancia è sorella del mandarino e cugina del limone e del tiglio, è originaria della Cina e dell’Indocina e può raggiungere un’altezza fino a 13 metri se in buone condizioni, sebbene la sua altezza media è di 7 metri.

Quando è modellato in un albero da frutto piramidale, assume una corona conica grande e densa, bella nel portamento, distinguibile da lontano come una signora elegante e di bell’aspetto.

Essendo radicato nelle aree mediterranee, si crede che l’arancio provenga da qui. Nella Penisola Iberica è coltivato abbondantemente a Valencia e nella zona dell’Ebro, dove dispone di modernissimi sistemi di irrigazione.

La stagione delle arance in Spagna dura nove mesi, da ottobre a fine luglio; Ma tutto dipende dal tipo di arancia, poiché ognuna di esse ha i suoi mesi di raccolta.

È di coltivazione prolungata negli Stati Uniti, specialmente in California e Florida; nella maggior parte dei paesi del Mediterraneo e in Brasile, Messico, Venezuela, Cina, India, Iran, Egitto, Turchia e Sud Africa.

Che bisogno di terreno ha l’arancio?

È una pianta con terreni argillosi dove cresce senza grossi problemi, ma in vaso bisogna usare substrati con un buon drenaggio. Quello che si consiglia è una materia organica fatta in casa come compost al 60% di pacciame e perlite , e come primo strato all’interno del vaso, 10% di argilla vulcanica .

Il fertilizzante che utilizziamo per lo sviluppo della pianta è molto importante . Gli esperti raccomandano l’ estratto di alghe, per i suoi nutrienti, anche se non dovremmo abusarne in questo senso perché è un fertilizzante alcalino.

Un altro tipo di compost che è raccomandato è organico compost come pecore letame o bat o pinguino guano .

Come far crescere l’arancio forte e vigoroso?

L’arancio è un albero meraviglioso, necessario, perché la sua produzione di agrumi è vitale per l’essere umano; quindi, dobbiamo essere estremamente attenti, soprattutto se viviamo in zone di freddo intenso.

Le piogge molto intense e il freddo sono negativi nel suo sviluppo e nella prevenzione delle malattie, quindi la produzione di arance può variare a seconda delle condizioni meteorologiche durante l’anno.

È meglio coltivarlo in regioni soleggiate e con temperature calde annaffiandolo da aprile a ottobre e poi accorciando l’irrigazione in estate quando annaffieremo ogni tre settimane. Un posto soleggiato nel giardino è molto adatto per la semina.

Le arance hanno bisogno di molta acqua, tanto che gli esperti calcolano che occorrono 115 litri di acqua per ogni chilo, cioè 25 litri per ogni arancia.

Almeno questo è il criterio di Enrique Cabrera, professore all’Università di Valencia, che in una conferenza della comunità valenciana ha illustrato la questione dicendo che un ettaro di arance in piena produzione richiede 5.000 metri cubi di acqua all’anno per dare più di 43.000 chili di frutta.

Possiamo anche coltivare la pianta in vaso. Qui annaffieremo regolarmente, soprattutto quando fa caldo. È preferibile farlo di notte perché in questo modo eviteremo l’evaporazione, e in inverno lo proteggeremo all’interno della casa dove lo copriremo per evitare che si congeli.

Un altro aspetto è l’area di coltivazione; questo è importante per conoscere la stagione delle arance. Ad esempio, ci sono varietà che potrebbero iniziare la loro raccolta da ottobre fino alla fine di aprile, ma ce ne sono altre dove inizieremo da gennaio fino ad aprile.

Di quale umidità ha bisogno l’albero di arancio?

Nonostante necessiti di annaffiature abbondanti, l’arancio non è un albero che sopporta un’eccessiva umidità, tanto meno impregnato d’acqua, perché si corre il rischio di perderlo.

Contro di essa cospirano anche le gelate, soprattutto nel colpire i frutti la cui qualità tende a calare notevolmente con il freddo, e nelle gelate più intense l’intero albero andrà irrimediabilmente perso in modo così brutale che la sua rinascita nella stessa zona potrebbe richiedere anni .

È necessario potare l’albero di arancio?

La potatura è importante per questi alberi, soprattutto per eliminare foglie e fiori in cattive condizioni, rami secchi, e dargli forma, soprattutto quel tocco fantastico che adotta con una potatura ornamentale dove spicca la sua chioma a forma di cono perché visivamente molto bella .

Quante volte dovremmo potare l’albero di arancio?

Faremo la potatura ogni anno, e il tempo dipenderà dalle temperature, ad esempio, bisogna tener conto se potrebbero verificarsi gelate dopo averla praticata, perché se la temperatura scende molto e abbiamo già potato, l’albero potrebbe soffrire danni ai suoi tessuti.

Un’altra cosa che dobbiamo prendere in considerazione è l’attività della pianta, perché quando sono attive la linfa trasporta i nutrienti in tutte le sue parti e potremmo sottrarre quei nutrienti se possiamo in quel momento, quindi è meglio farlo quando il la pianta non ha attività, che è nota come arresto vegetativo.

Il periodo migliore sarebbe quindi la primavera, prima che l’albero si svegli dal torpore invernale e non ci siano rischi di gelate; o nella sosta vegetativa dell’estate.

 Come possiamo evitare parassiti e malattie dell’albero di arancio?

I principali nemici degli aranci sono la cocciniglia , il ragno rosso e la mosca bianca . Possiamo attaccarli in autunno e inverno con olio insetticida e il resto dell’anno con olio di Neem o olio di paraffina.

Forse ti interessano anche:
  • 7 parassiti che colpiscono i tuoi alberi di arancio: [rilevamento, cause e soluzioni]
  • Come fertilizzare Naranjo: [Componenti, esigenze e importanza]
  • Cura dell’arancio in vaso: [terreno, umidità, potatura e problemi]
  • Malattie dell’arancio: [Caratteristiche, tipi, rilevamento e trattamento]
  • Talee di arance: [innesto, stagione, radicamento e semina]
  • Potatura dell’arancio in vaso: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]
  • Potatura Naranjo: [Date, modi per farlo e strumenti]
  • Potare un albero di arancio malato: [Importanza, tempo, strumenti, considerazioni e passaggi]
  • Irrigazione del Naranjo: [Necessità, frequenza e procedura]
  • Tipi e varietà di arance più famose e deliziose

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.