Suggerimenti

La cura di Cedrus libani o Cedro del Libano

Il genere Cedrus , della famiglia Pinaceae , è composto da 4 specie arboree: Cedrus libani (cedro del Libano), Cedrus atlantica (cedro dell’Atlante), Cedrus brevifolia (cedro di Cipro), Cedrus deodara (cedro dell’Himalaya).

È conosciuto anche con i nomi comuni di Cedro del Libano o Cedro di Salomone ed è un albero originario del Medio Oriente.

Sono alberi impressionanti di forma piramidale (quando sono giovani) e poi sparsi, che possono essere alti 40 metri e vivere per più di 2.000 anni. Le loro foglie sono di colore verde chiaro, gli aghi leggermente grigiastri e si presentano in rosette o isolate. All’inizio della primavera, i fiori femminili e maschili che emergono non sono di alcun interesse ornamentale. Gli ananas sono a forma di uovo e impiegano fino a 2 anni per maturare e rilasciare i loro semi.

Queste eleganti conifere sono utilizzate nei grandi giardini e nei parchi urbani; esistono varietà come Cedrus libani “Nana” e Cedrus libani “Sargentii” per piccoli giardini. Il legno è di ottima qualità e viene utilizzato fin dall’antichità.

Il cedro del Libano prospera sia in pieno sole , sia in un’esposizione luminosa . È in grado di resistere al gelo, ma non è adatto al gelo.

Sebbene preferisca i terreni calcarei , con alcune metrie organiche e ben drenanti, può vivere in altri tipi di terreno (con un buon drenaggio). La semina nella sua sede definitiva avrà luogo in autunno.

Acqua frequentemente per gli esemplari giovani (fino a 3-4 anni) e moderatamente dopo, poiché tollerano la siccità.

Non è necessaria la potatura , solo se è necessario rimuovere un ramo vecchio o danneggiato.

Concimare con letame all’inizio della primavera.

Sono a crescita lenta e resistenti ai soliti parassiti del giardino, ma non all’irrigazione eccessiva che può causare il marciume delle radici.

si propagano da semi seminati in primavera, ma si consiglia di acquistare gli esemplari da vivai e centri di giardinaggio, assicurandosi che il punto guida della pianta sia lungo e forte.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *