Suggerimenti

Acebuche: caratteristiche principali dell’olivo selvatico

Sebbene l’olivo sia il fedele rappresentante dell’agricoltura del sud-est spagnolo, non bisogna tralasciare specie autoctone di grande rusticità che fanno parte del paesaggio della penisola iberica, come nel caso dell’olivo selvatico.

Per classificarlo in qualche modo va detto che l’olivo selvatico è il fratello selvatico dell’oliveto, con una grande capacità di crescita e di adattamento a tutti i tipi di terreno, sebbene non sia valorizzato a livello produttivo per ottenere olio o olive.

La tendenza al consumo biologico ha fatto sì che negli ultimi anni le specie di olivo selvatico siano state recuperate per essere utilizzate nella produzione, ottenendo un olio tradizionale con qualità apprezzate dai consumatori gourmet.

A loro volta, le foglie dell’olivo comune e dell’olivo selvatico sono sempre state apprezzate per le loro proprietà medicinali, alcune delle quali scientificamente riconosciute. Tra queste proprietà spiccano il controllo della pressione sanguigna e l’attività ipoglicemizzante nelle persone con diabete.

Esemplare di olivo selvatico (Olea europaea var. sylvestris) squartato su rocce vicino al mare – José Antonio López Espinosa

Caratteristiche dell’oliva selvatica

È noto come acebuche o olivo selvatico, il cui nome scientifico è Olea europaea var. silvestri. Presenta notevoli differenze rispetto all’olivo comune, e la sua distribuzione è diffusa in tutto il bacino mediterraneo della penisola iberica.

Il paesaggio di questa zona è caratterizzato da diverse varietà di querce da sughero, lecci, ulivi, pini e ulivi selvatici. Sono tutte specie resistenti che si adattano molto bene al clima, in alcuni casi estremamente caldo, alla siccità e alle miti temperature invernali.

L’olivo selvatico infatti è abbastanza sensibile al freddo, soprattutto alle gelate gelate con umidità, tutto il contrario rispetto alle alte temperature, dove sopporta con grande rusticità ambienti asciutti e caldi.

È raro trovare un olivo di grandi dimensioni, soprattutto perché cresce in zone molto aride e questo ne limita notevolmente la crescita. Nelle zone con suoli più fertili e disponibilità idrica possono raggiungere le stesse dimensioni dell’olivo comune, anche se questo non è il più comune.

A livello produttivo, l’oliva selvatica è stata utilizzata come portainnesto per diverse varietà di olivo. Questo è così poiché offre una robustezza extra, resistenza alla siccità e un maggiore sviluppo delle radici.

Produci olive?

A livello produttivo, va notato che l’olivo selvatico produce delle olive di piccole dimensioni che attualmente non hanno valore industriale. La maggior parte di loro cade a terra a causa della sovramaturazione o viene mangiata da uccelli che sfruttano il loro contenuto di grasso per utilizzarli come riserva durante i loro viaggi.

Negli ultimi anni c’è stato un flusso di aziende basate sul mercato biologico in cui cercano di sfruttare l’olio di oliva selvatico per distinguersi dal mercato, ottenendo poca produzione ma altissimo valore aggiunto.

Come si produce l’oliva selvatica?

L’olivo selvatico appartiene alla stessa specie dell’olivo, ma con una differenza varietale detta silvestris. La sua comparsa avviene spontaneamente, quando da un comune olivo nasce una pianta dall’aspetto strisciante, tipo cespuglio, con foglie più piccole e grande rusticità.

Per questo motivo, per ottenere un uliveto da un ulivo, l’innesto viene effettuato con le qualità delle varietà di oliveto indicate. È la denominazione di quello che è conosciuto come l’olivo del bordo, motivo per cui abbonda così tanto nell’area mediterranea.

Queste forme selvatiche si verificano anche in altre specie come alberi da frutto con nocciolo e agrumi. Dove se è germinato per seme, per raggiungere le qualità originali della varietà ha bisogno di essere innestato.

Come distinguere un olivo selvatico da un olivo?

Ci sono differenze evidenti, anche all’occhio inesperto, tra un uliveto comune e un olivo selvatico. Quest’ultimo, infatti, può sviluppare spine che non si vedono mai in un olivo tradizionale.

L’olivo selvatico ha un portamento di crescita diverso, potendo formare boschetti che possono essere raggruppati con altri esemplari. Foglie generalmente più piccole, legno flessibile e più denso e frutti notevolmente più piccoli dell’oliveto.

Quando un uliveto viene abbandonato, acquisisce le abitudini di crescita dell’olivo selvatico. Non disponendo di acqua o sostanze nutritive prontamente disponibili o essendo soggetta a potatura, le sue foglie si sviluppano più piccole (per mancanza di azoto), i suoi rami si accorciano e assume un aspetto cespuglioso. Come si dice colloquialmente, «se acebucha».

Usi dell’olivo selvatico

L’olivo è in realtà una pianta che in alcuni casi viene utilizzata come ornamentale per parchi, rotonde e giardini. Tuttavia, la realtà è che si tratta di un albero che cresce in ambienti selvaggi e senza utilizzo.

Negli ultimi anni è iniziato un flusso di utilizzo di tutti i tipi di piante, alcune delle quali dimenticate, come nel caso dell’olivo selvatico. Sebbene abbiano pochissima produzione di olive, questa scarsità ha accresciuto il loro valore quando si tratta di produrre olio «in edizione limitata».

Olio con valore aggiunto

Il contenuto di olio è generalmente molto basso, perché non richiede cure o manutenzioni. Di solito è composta da circa l’8-12% di resa in grasso, rispetto alle varietà di olive produttive con un minimo del 18-20% e oltre.

Pur riconoscendo la bassa produzione di olio che si ottiene dai suoi frutti, gli assaggiatori assicurano di poter percepire note diverse da quelle dell’olivo comune, con toni più selvaggi legati al campo, come rosmarino, timo, origano, ecc..

D’altra parte, bisogna riconoscere che l’olivo selvatico è capace di crescere in qualsiasi ambiente, per quanto inospitale possa essere. Può crescere su montagne ripide, bordi rocciosi e aree difficili da raggiungere, rendendo estremamente difficile la raccolta.

industria cosmetica

A livello dell’industria cosmetica, questo olio è apprezzato anche per le sue proprietà idratanti, così come per gli estratti delle sue foglie a scopo medicinale. In questo aspetto deve vincere l’olivo. Recenti ricerche hanno valutato un contenuto di sostanze antiossidanti, come il tocoferolo, quasi doppio rispetto alle varietà di olivo coltivate.

Questo, come avviene anche per l’estrazione di oli nelle piante aromatiche, ha a che fare con la situazione di stress che la pianta può subire durante la sua crescita. Maggiore è lo stress (dovuto alla mancanza di acqua, nutrienti, esposizione al sole, vento, ecc.) maggiore è la produzione di questo tipo di sostanza, fino a determinati limiti.

Usi ornamentali: bonsai di olivo selvatico

Il mondo del bonsai, così complesso e suggestivo allo stesso tempo, ha lasciato un varco anche per la coltivazione dell’olivo selvatico. Questa specie si adatta molto bene alla coltivazione in contenitore. Consente diverse forme di crescita (a cascata, Moyogi, verticale, ecc.).

Potete vedere un esempio di adattamento di questa coltura per bonsai, modulandone forma e portamento.

Altri articoli correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.