Suggerimenti

Malattie e parassiti del melo: [Identificazione e trattamento]

Che le malattie del melo non diventino un problema ogni volta che hai il ciclo di semina.

Approfitta di queste informazioni e prendi nota di quali sono le condizioni più frequenti, i loro sintomi e le possibili cure.

Perché nessuno vuole consumare mele in cattive condizioni, tanto meno perdere il raccolto che richiede tanto lavoro per generare.

screziato

Questa malattia produce una serie di macchie verde scuro sul retro delle foglie.

Col passare del tempo e la malattia cresce in danni, i granelli diventano neri, danneggiando le foglie e compromettendo la forza dell’albero .

Nel momento in cui si presenta con maggiore forza, i granelli possono raggiungere i frutti, generando macchie molto visibili sulle mele.

Per il suo sviluppo, il fungo che causa la malattia si insedia nelle foglie cadute durante l’ autunno .

In alcune zone questa malattia è anche conosciuta come crosta di mele.

Trattamento per screziature nel melo

In caso di prevenzione, è meglio raccogliere le foglie cadute durante l’autunno per prevenire la generazione di microrganismi con l’umidità.

Inoltre, quando inizia la primavera quando c’è umidità e basse temperature, è meglio applicare fungicidi orientati a questa malattia.

Un buon alleato in questa materia è lo zolfo .

oidio

È una delle malattie più comuni negli alberi i cui frutti contengono ossa o semi , come in questo caso.

Il suo sintomo principale è la presenza di macchie bianche in molte zone della pianta come foglie e steli.

Quando presente, la pianta inizia a crescere molto più lentamente del solito, ritardando il lavoro in campo.

In altre fasi iniziano a cadere le foglie e anche i frutti teneri, causando la perdita del raccolto.

Trattamento per l’oidio della mela

La malattia si riproduce e prende piede quando c’è alta umidità nell’ambiente.

È per questo motivo che molti specialisti nella sua coltivazione consigliano di piantare gli alberi con una buona separazione l’uno dall’altro.

Questa misura aiuta i rami ad occupare un buon spazio e a far defluire l’umidità.

Oltre a ciò, come nel caso precedente, è buona norma utilizzare fungicidi a base di zolfo.

Questi possono essere applicati soprattutto alla base degli alberi, molto vicini al suolo.

Crosta o marciume nero

Quando un melo inizia a presentare macchie scure sulle foglie o sui frutti, è molto probabile che sia crosta.

Queste macchie sono inizialmente di colore marrone, ma in seguito si scuriscono fino a diventare nere .

Se la malattia non viene controllata in tempo e colpisce gravemente le mele, può verificarsi l’intera perdita del raccolto.

Si potrebbero raggiungere casi anche peggiori perché la ticchiolatura è in grado di danneggiare l’intera pianta, rendendone impossibile il recupero.

La crosta è anche conosciuta come marciume nero.

Trattamento della crosta sul melo

Per affrontare la crosta sul melo, un buon primo piano è lavorare con la potatura delle aree colpite .

Ciò impedirà la diffusione della malattia in altre aree.

Si consiglia inoltre di applicare fungicidi adatti a questo tipo di malattia come lo zolfo o il rame o, in mancanza, un pesticida .

Questi saranno utili nei momenti in cui la crosta non è così avanzata perché, in tal caso, ci sarà ben poco da fare.

Per evitare ciò , si consiglia l’ossicloruro di rame e il liquame di ortiche .

macchie di sughero

A differenza dei casi precedenti, le macchie di sughero non sono causate da funghi o batteri.

Piuttosto, questo tipo di malattia è causato dalla mancanza dell’albero di nutrienti adeguati per il suo sviluppo, in particolare il calcio .

Oltre a ciò, il livello di pH che ha è basso , il che impedisce alla pianta di poter svolgere il suo lavoro di crescita in modo ottimale.

La sua presenza nei meli si noterà come se fossero stati attaccati da insetti che ne mangiano le foglie.

E, sebbene sia un dato di fatto che non causi alcun tipo di danno agli esseri umani che possono consumare il frutto , ne riduce l’aspetto e il valore per la vendita commerciale.

Trattamento delle macchie di sughero sui meli

Per evitare che un melo soffra della presenza di macchie di sughero, è meglio lavorare con buoni prodotti nella sua concimazione .

Questa azione aiuterà la pianta a rafforzarsi per svolgere il suo processo e dare i suoi frutti in condizioni ottimali.

Le mele sono frutti deliziosi che la maggior parte della popolazione ama consumare, motivo per cui la loro produzione è aumentata molto negli ultimi anni.

Questo, ovviamente, ha portato a un’importante necessità di raddoppiare le cure per evitare che i meli siano vittime di malattie.

afidi

Il melo è principalmente colpito da quattro tipi di afidi : lanoso, marrone, verde e cinereo.

Per la sua prevenzione, si consiglia di applicare sapone di potassio e olio di neem .

Carpocapsa

È una farfalla che compare durante l’estate , il suo bruco è di colore rosa e si nutre di ciò che trova all’interno dei frutti , provocandone la caduta prematura o direttamente la sua putrefazione.

Per il suo controllo, si consiglia di applicare Bacillus Thuringiensis e olio di neem .

Trapano a farfalla

Le farfalle trapano, in particolare la Zeuzera o trapano giallo e Cossus o trapano rosso, spesso aprono gallerie nei rami degli alberi.

Per il suo controllo, si consiglia di applicare Bacillus Thuringiensis e olio di neem .

Bibliografia complementare e riferimenti

  • https://www.phytoma.com/sanidad-vegetal/avisos-de-plagas/manzano-plagas-y-enfermedades-Julio-2018
  • https://nuestraflora.com/c-plagas-y-enfermedades/enfermedades-del-manzano/
  • https://www.lahuertinadetoni.es/plagas-y-enfermedades-mas-comunes-del-manzano/
  • https://www.vix.com/es/imj/hogar/6122/enfermedades-mas-comunes-en-los-manzanos
  • http://www.sidalc.net/cgi-bin/wxis.exe/?IsisScript=FAUSAC.xis&method=post&formato=2&cantidad=1&expresion=mfn=028019
  • https://200.62.146.19/BVRevistas/entomologia/v36/pdf/a03v36.pdf
  • https://ria.asturias.es/RIA/bitstream/123456789/5502/1/Archivo.pdf
  • https://bdigital.zamorano.edu/handle/11036/2885

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.