Suggerimenti

Elenco dei principali parassiti e malattie del pomodoro

Negli ultimi anni la coltivazione del pomodoro è diventata una delle più apprezzate negli orti urbani di tutto il mondo.

Giusto.

I pomodori nostrani sono sempre molto più gustosi e salutari di quelli acquistati al supermercato.

Per lo stesso motivo, non dovrebbe sorprendere che la maggior parte dei frutteti includa i pomodori nel proprio repertorio.

Sfortunatamente, il pomodoro incontra molti ostacoli per una semina di successo . Come per altre colture, la primavera è uno dei periodi più critici per la loro crescita , poiché, con l’aumento delle temperature e dell’umidità , proliferano innumerevoli parassiti e malattie.

In questo articolo, si discuterà delle principali sfide che si incontrano se si vuole coltivare pomodori nel vostro giardino o urbano orto .

Per approfondire sulla semina del pomodoro:
  • Il fertilizzante del pomodoro. 
  • Potare il pomodoro.
  • Diversi tipi di pomodori da coltivare. 
  • Le proprietà del pomodoro.

Principali malattie

Tra questi possiamo trovare:

Oidio (Leveillula taurica)

È uno dei  principali malattie del pomodoro. I sintomi compaiono prima sulle foglie vecchie, come macchie gialle e possono essere necrotici al centro. Una polvere biancastra appare anche sul lato inferiore della foglia.

Le principali fonti di inoculo sono la belladonna selvatica. Si sviluppa tra 10 e 35ºC, con una temperatura ottimale di 26ºC e un’umidità relativa del 70%.

La prevenzione è importante per rimuovere le erbacce e i detriti dalle colture precedenti e utilizzare piantine sane.

Marciume grigio (Botrytis cinerea)

 Si tratta di un parassita che attacca le piante zioni di pomodoro può anche causare la morte della pianta. Attacca principalmente i frutti e il calice. Il sintomo tipico è una lesione marrone chiaro, non acquosa che si ricopre di una muffa grigiastra e finisce per ricoprire l’intero frutto .

Le principali fonti di inoculo sono i conidi ei resti vegetali che vengono dispersi dal vento. Si sviluppa tra 17 e 23ºC, con un’umidità relativa del 95%.

Per prevenire la Botrytis è importante  controllare i livelli di azoto e calcio nel suolo, rimuovere le piante che sono già state colpite dalla malattia e prestare particolare attenzione nella potatura , effettuando tagli netti a filo del fusto e, se possibile, quando l’umidità relativa non è troppo elevata.

Marciume bianco (Sclerotium rolfsii; Sclerotinia sclerotiorum)

È un fungo polifago che attacca la maggior parte delle specie orticole. Attacca il collo della pianta, dove compaiono lesioni acquose marroni. Successivamente, alla base del fusto si sviluppa un micelio bianco, in cui si formano sclerozi sulle lesioni . Può attaccare radici, semi o frutti.

La varietà sclerotinia sclerotiorum attacca solo la superficie del suolo verso l’alto , colpendo fogliame, frutti e fusto. In questi si forma una muffa bianca cotonosa che provoca il marciume dei tessuti.

La malattia inizia da sclerozi nel terreno da precedenti infezioni , che germinano in condizioni di elevata umidità relativa e temperature miti.

Per la sua prevenzione, si raccomanda di rimuovere le piante che sono già state colpite dalla malattia e di effettuare una corretta gestione della ventilazione e dell’irrigazione.

Peronospora (Phytophthora infestans)

Questo fungo colpisce diverse specie di solanacee. Nel pomodoro attacca foglie, rami e frutti, provocando marciumi irregolari untuosi o acquosi .

Sulla pagina inferiore delle foglie è presente una muffa bianca . D’altra parte, i frutti colpiti hanno un cattivo odore.

La dispersione del fungo viene effettuata da pioggia e vento, irrigazione a pioggia , rugiada e gocce di condensa . Le condizioni favorevoli per il suo sviluppo sono l’umidità relativa superiore al 90% e le temperature comprese tra 10 e 25°C.

Per la sua prevenzione, si raccomanda di rimuovere le piante che sono già state colpite dalla malattia e di effettuare una corretta gestione della ventilazione e dell’irrigazione.

Si consiglia inoltre di utilizzare piantine sane.

Alternariosi (Alternaria solani; Alternaria alternata)

Colpisce principalmente le Solanacee, principalmente pomodoro e patata . Inizia attaccando le vecchie foglie, provocando macchie circolari ad anelli concentrici.

La varietà Alternaria alternata produce anche micelio nero e lesioni angolari scure sulle foglie.

Può essere trasmesso da semi , detriti vegetali infetti, belladonna selvatica , spruzzi d’ acqua, pioggia o vento. Si sviluppa tra 3 e 35ºC. La sporulazione è favorita da notti umide seguite da giornate soleggiate e temperature elevate.

Per la sua prevenzione si consiglia di rimuovere le erbacce , così come le piante che sono già state colpite dalla malattia. Si raccomanda inoltre di effettuare una corretta gestione della ventilazione e dell’irrigazione, e una concimazione equilibrata .

È meglio usare semi e piantine sani.

Fusarium oxysporum

Si manifesta durante la fioritura e la maturazione dei frutti . Inizia con la caduta dei piccioli delle foglie superiori. Le foglie più vecchie diventano giallastre.

La diffusione avviene tramite semi, vento, lavoro del suolo, piante malate o strumenti contaminati. Il fungo può rimanere nel terreno per anni e penetrare attraverso le radici nel sistema vascolare . Entra nella pianta attraverso ferite, principalmente quelle causate da nematodi. La temperatura ottimale per lo sviluppo è 28ºC.

Per la sua prevenzione, si consiglia di ruotare le colture per ridurre la presenza del patogeno nei terreni infetti. Si consiglia inoltre di rimuovere le piante infette e i detriti delle colture. Il modo migliore per prevenire la malattia è utilizzare varietà resistenti, piantine sane e semi certificati.

Principali parassiti

Tra i parassiti che più colpiscono il pomodoro possiamo trovare:

ragno rosso

L’acaro ragno è un acaro a quattro zampe abbastanza piccolo. Le sue dimensioni non superano circa 0,5 mm e si trova sempre in gruppo . Come caratteristica peculiare, il suo colore varia a seconda della stagione: è verde chiaro con macchie nere durante i mesi estivi, e arancione senza macchie nei mesi autunnali e invernali.

Si nutrono della linfa delle piante e sono uno dei parassiti che meglio si adattano ai diversi tipi di colture.

Questi insetti formano una rete bianca sulle foglie e sugli steli per proteggersi dai predatori . Si installano, principalmente, sulla pagina inferiore della foglia e si nutrono dello strato superficiale della stessa, provocando immediatamente macchie chiare sulla pagina superiore e inferiore della foglia, che aumentano di dimensioni fino a quando la foglia diventa definitivamente e completamente gialla .

Questi danni sono irreversibili e provocano la morte delle foglie.

Per prevenirne la comparsa, si consiglia di mantenere le colture pulite da erbacce e residui di colture precedenti. Un’altra forma efficace di prevenzione è la rotazione delle colture.

È anche consigliato  evitare substrati con eccesso di azoto e monitoraggio delle colture durante le prime fasi di sviluppo. In climi abbastanza secchi si consiglia di annaffiare le colture di notte per mantenere l’umidità.

Un’altra raccomandazione è la disinfezione prima di piantare in appezzamenti con una storia di acari rossi per garantire che non rimangano uova.

Per combattere un’infestazione si può applicare un estratto di aglio e peperoncino, anche se se la pianta è molto colpita , è meglio rimuoverla per evitare che si diffonda ad altre piante.

Il controllo biologico può essere effettuato attraverso i suoi nemici naturali. Le principali specie predatorie di ragnetti rossi per uova, larve e adulti sono altre specie di acari come Amblyseius californicus e Phytoseiulus persimilis . Anche la zanzara Feltiella acarisuga è un predatore abbastanza efficace.

Mosca bianca

La mosca bianca è considerata una delle 100 specie esotiche più dannose al mondo. Si tratta di unpiccolo pallido color hemiptera , appena superiore a 2 mm di lunghezza . Le sue due ali bianche gli permettono di muoversi abbastanza facilmente tra le piante. Durante l’ inverno rimane sulla pagina inferiore delle foglie.

I danni che provocano principalmente nelle colture sono macchie giallastre sulle foglie , deformità su frutti, foglie e fusti e , se la popolazione è molto elevata, può portare ad un indebolimento della pianta, clorosi e disseccamento delle foglie . Inoltre, la melassa secreta da questo parassita favorisce l’attacco dei funghi.

Le mosche bianche sono spesso attratte dal giallo e dal verde chiaro , quindi è possibile posizionare trappole o contenitori di questi colori con superfici appiccicose per attaccarsi.

Allo stesso modo, si raccomanda di non combinare le colture nella stessa serra, o di abbandonare i germogli a fine ciclo , poiché i giovani germogli attirano gli adulti della mosca bianca.

Il controllo biologico può essere effettuato da loro nemici naturali.  Alcuni di loro sono coccinelle, merletti, coleotteri predatori (Orius sp) e vespe parassite (Encarsia sp).

Per combatterli, inoltre, possono essere utilizzate alternative ecologiche , come l’applicazione di sapone di potassio all’1% spruzzato con pioggia o acqua distillata sulla parte inferiore delle foglie .

afidi

Sono piccoli insetti, di vari colori e dal corpo liscio e ovoidale.

Alcuni hanno ali e sull’addome hanno piccole appendici che permettono loro di secernere una sostanza che respinge i loro nemici naturali. Producono anche una melassa zuccherina che espellono attraverso l’ano e che serve da cibo per le formiche , che in cambio le proteggono dai loro predatori naturali. Questa stessa secrezione è molto utile anche per le api, poiché la incorporano nella produzione del miele.

Di solito si depositano sul lato inferiore delle foglie. I principali danni a piante e frutti sono: deformazione delle foglie, clorosi del fogliame, deprezzamento del prodotto, dovuto a malformazioni e scolorimenti, e morte prematura.

Per prevenire la comparsa di afidi, si consiglia di eliminare completamente le erbacce e i resti delle colture precedenti.

Il controllo biologico può essere effettuato attraverso i suoi nemici naturali. I principali predatori degli afidi sono gli Aphidoletes aphidimyza , che è una piccola mosca le cui larve si nutrono di oltre settanta specie di afidi .

Per combatterli, inoltre, si può applicare sapone di potassio o biodegradabile sul lato inferiore delle piante. Va applicato molto presto al mattino o al pomeriggio, quando il sole non colpisce più le foglie. Il sapone aiuterà a pulire la melassa espulsa dall’afide e ammorbidirà la cuticola.

viaggi

Colpiscono principalmente le colture orticole: cetrioli , angurie , meloni , pomodori, peperoni , zucchine e cipolle .

Sono piccoli insetti tra 1 e 3 mm che si nutrono fondamentalmente di funghi e verdure.

Quando i tripidi raggiungono la maturità, colonizzano le colture, deponendo le uova all’interno dei tessuti vegetali di foglie, frutti e fiori.

Quando le larve e gli adulti si nutrono, lasciano delle macchie biancastre , soprattutto sulla pagina inferiore delle foglie, che in seguito diventano necrotiche . I sintomi si manifestano quando il deterioramento si è diffuso abbastanza sulle foglie o quando si manifesta sui frutti, poiché su di essi le macchie sono più evidenti. Inoltre, i tripidi possono fungere da vettori di più di 20 virus.

Per combatterli si possono utilizzare alternative ecologiche , come il sapone di potassio e l’ estratto di neem .

Un modo di controllo preventivo è impostare trappole o contenitori di colore blu o giallo con superfici appiccicose da far aderire.

E l il controllo biologico può essere effettuato dai loro nemici naturali . I tripidi hanno diversi predatori naturali come alcune varietà di acari, in particolare l’Amblyseius barkeri e la cimice Orius.

Sommario

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.